OverBlog

sabato 6 giugno 2009

I mesi, gli esami e il fiore di lavanda

Di Daniela

È noto a tutti che, durante l’anno, ad ogni mese corrisponde un “contenuto” speciale, che di solito varia da famiglia a famiglia o da persona a persona, e dipende dai diversi ritmi e dai diversi interessi di ognuno, dalla presenza o meno di figli ecc. ecc.
Per ciò che riguarda la mia vita, la prima parte dell’anno potrebbe essere descritta così:
gennaio è il mese della befana e della neve
febbraio è quello della settimana bianca
marzo è quello della pioggia e dei raffreddori
aprile quello della stanchezza cronica e della voglia di dormire
maggio delle rosee dei fiori in generale
e giugno… giugno è quello degli esami!
Oddio, non che gli esami non ci ossessionino anche durante il resto dell’anno, come ben sa chi ha una figlia che :”oddio mamma non so niente, non ce la farò mai, mai e poi mai “ oppure una nipote, nonché figlioccia, tipo: “ non posso proprio riuscirci , non ci capisco niente, non mi laureerò mai (e naturalmente si laureerà questo luglio ndr).

Però Giugno, specialmente da alcuni anni a questa parte, proprio non si può sopportare: è un concentrato terribile di prove ed esami di ogni tipo e, oramai, viene atteso con terrore, vissuto con ansia e superato con un enorme sospiro di sollievo.
Questo giugno non è diverso dagli ultimi che abbiamo vissuto: da qua alla fine del mese ci aspettano una cosa come 4 prove di cui una multipla, e, data la stanchezza del momento e il caldo, ci dobbiamo aiutare con qualunque cosa ci possa dare un po’ di carica ….. beh , detto così suona proprio male…. Intendevo dire con cibi e bevande che rinfreschino e nutrano, dandoci la giusta carica per affrontare impegni odiosissimi e faticosi e il caldo. Questa che vi propongo è in verità piuttosto nutriente, ma è buona e ricca di zuccheri e con frutta di stagione ed è anche profumata e colorata il che non guasta certo!!!! Una merenda super ricca o il sostituto di un pranzo molto gustoso. Insomma,come sempre, provatela e fatemi sapere!!!

COMPOSTA DI ALBICOCCHE CON FIORI DI LAVANDA E PANNA MONTATA
(stewed apricots with lavender flowers and whipped cream)

miste 089



Per 4 persone

  • 300 gr di albicocche
  • 25 cl di panna liquida
  • 8 steli di lavanda in fiore
  • ½ limone giallo
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 1 cucchiaio di zucchero (meglio se di canna)
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo

Pesate le albicocche piuttosto mature, lavatele accuratamente, dividetele a metà togliete il nocciolo e mettetele in un tegamino con il succo del mezzo limone, lo zucchero e l’aceto balsamico.
Staccate i fiorellini da 4 degli 8 steli che avete, sciacqua teli e aggiungeteli al composto.
Una piccola avvertenza: la lavanda, specialmente se è quella del vostro giardino appena colta, è molto profumata ed aromatica… decidete quindi voi quante spighe usare. Io ho trovato sufficienti i fiorellini di 2 sole spighe.
Un discorso simile vale per lo zucchero: la quantità varia a seconda dei gusti personali.
Fate cuocere il tutto per circa 15 minuti.
Trascorso il tempo la composta è pronta . Appena comincia a raffreddare, mettetela nei bicchieri che avrete scelto.
Ora montate la panna con lo zucchero a velo e, con questa, coprite la composta ,decorando con qualche fiore di lavanda .
Servite accompagnando ogni bicchiere con una spiga, lasciando che il profumo preannunci la delicatezza del gusto.

P.S. Piccolo suggerimento: provatelo anche in alternativa con il gelato al fior di latte....... è eccellente!!!

miste 069


A presto.

Daniela

19 commenti :

  1. ok, c'è conflitto di interessi...
    ok, è politicamente scorretto...
    ok, non si è mai visto da nessuna parte fare una cosa così, in un blog che si rispetti.....
    ma io quando vedo 'ste ricette qui- che 'sanno di casa', non so come dire, semplici, profumate, intime- proprio non ce la faccio a stare zitta. Bella, bella, bella, di quele che piacciono a me, dall'inizio alla fine( e ora vado a fustigarmi con le fruste del Ken...)
    ale

    RispondiElimina
  2. sei unica! (ah: non ci sono più le mezze stagioni!!!)

    RispondiElimina
  3. E' vero... non si può resistere.. è troppo bella questa "ricettina"...ahahah... Uffa, la lavanda non ce l'ho...accidenti, mi manca!!! Bravissima, Daniela!

    RispondiElimina
  4. Accidenti, per questa aspetto che le albicocche siano veramente degne di questo nome, ora sono delle... cose......ma quando maturano quelle tigrate di Bordighera, profumate e dolcissime, allora e solo allora provo,grazie.
    Io non l'ho messo il tailleur, dovevo? sono passata dal piumino alle infradito..........

    RispondiElimina
  5. ornella io invece ne ho una pianta che era "in fin di vita" e sono riuscita arecuperare del tutto , in giardino... ha un profumo così intenso e un colore talmente vivo che è una gioia per gli occhi.....

    RispondiElimina
  6. diana in effetti è forse un po' ardita come scelta del frutto... ma ne ho comprato un cesto che era così bello! e ho osato! e' buona anche fatta con quelle.....

    RispondiElimina
  7. ... il profumo delle albicocche e quello della lavanda mi inebriano (e non esagero): figurarsi a metterle assieme!! Devo provare! :-)
    Paola

    RispondiElimina
  8. dai! e poi aspetto notizie!!

    RispondiElimina
  9. Dillo, confessalo,che la ricetta l'hai fatta solo perchè i colori si abbinavano alla perfezione! Ma dove la trovo la lavanda??? Posso sostiutirla con i più siciliani, anche se meno cromatici, gelsomini?

    RispondiElimina
  10. io credo che i gelsomini quando li tagli emettendo latte possano essere velenosi.... però la lavanda non è difficile da recuparare: se hai un terrazzino è una pianta bellissima colorata e così profumata che vale la pena di coltivarla in vaso. Pensaci.....
    baci

    RispondiElimina
  11. titti gli attacchi di ansia sono come il natale, quando arrivano arrivano...:-) ah proposito, tra 10 giorni ho l'ultimo, no comment.. preparati che verrò un po' a ronzare da voi in casa, non si può sgarrare la tradizione proprio alla fine.. dopo, se serve aiuto in cucina, anche come assaggiatrice, sarò a completa disposizione... bacini francy-chicca

    RispondiElimina
  12. Questa me la archivio in attesa di albicocche degne di questo nome (come diceva Diana) Per la lavanda c'è un solo problema: ce n'è una pianta bellissima ad un rondò vicino a casa nostra...che sia commestibile con tutti i gas di scarico che si becca?!
    Valeria

    RispondiElimina
  13. cara chicchina, sai che non vedo l'ora di ripetere un po' con te...... anche se mi piace molto anche quando cuciniamo insieme!!!!!:-)
    ti aspetto

    RispondiElimina
  14. giusto Veleria.... ma prima di usarle mi sa che ti toccherà dare una bella lavata energica alle spighe :-)))))

    RispondiElimina
  15. Questa ricetta è splendida e questo blog bellissimo. Complimenti ragazze.
    La lavanda ce l'ho in terrazza e sta cominciando a fiorire..non mi resta che provare, grazie.

    RispondiElimina
  16. La ricetta è splendida e il blog bellissimo, complimenti ragazze!
    La lavanda ce l'ho in terrazza e sta cominciando a fiorire..non mi resta che provare, grazie.

    RispondiElimina
  17. grazie Valentina, la lavanda è in effetti così inebriante peer tutti i sensi, come dice la nostra amica Paola , che fotografarla è una gioia!

    RispondiElimina
  18. nadia, i complimenti così sinceri da essere addirittura doppi sono ancora più graditi! Grazie da parte di entrambe!
    a presto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...