OverBlog

mercoledì 22 luglio 2009

Cestini di frolla al cacao con crema al cioccolato bianco e al cocco

di Alessandra

cestini ciocco cocco

Breve sunto della giornata di oggi
ore 7.03: sveglia in ritardo, corro in cucina, colazione per il marito, finisco di pulire la cucina dai bagordi di figlia et nipote della sera prima, sveglio il marito, attacco lavatrice, tolgo la roba stesa, attacco il ferro, arriva il marito, colazione con lui, riprendo il ferro, intavolo discussione dalla stireria al bagno ( tutt' altra parte della casa, in più nell'armadio a muro), prima botta di nervoso, il marito esce, riprendo a stirare, guardo l'ora, porca miseria, sono in ritardo.
ore 8.00: esco dalla doccia, mi vesto, lascio colazione per figlia e nipote e affronto pargoli dormienti con le istruzioni per la giornata, dando un perfetto esempio di conversazione con cadaveri: "alle nove viene la zia robi, capito???? la zia robi è tua madre, capito???? quindi , alle nove suonerà il campanello, capito???? quindi, le dovete aprire, capito??? la prox volta chiamo una medium, così magari rispondete, capito?????" seconda botta di nervoso
ore 8.15 esco di casa, barcollando sotto il peso di fascicoli aternati a riviste di cucina- ottimo rimedio per la tutela della privacy- borsa firmata da una parte, sacchetto della rumenta dall'altro e il mio ultimo pensiero è: " non hanno la chiave, amen, si tireranno dietro la porta"
0re 9.00 arrivo in ufficio, dopo aver rischiato almeno 4 multe per 1. abuso di parcheggio (ho la macchina di mio padre e da noi o hai il tagliando o ti fanno la multa); 2. scarico rumenta al di fuori degi orari stabiliti ( fra le 3 e le 4 di notte); 3. invio di sms alla dani che non riesce a postare da bormio 4. le solite infrazioni buon peso su cui sarò più precisa fra circa due mesi, quando mi verranno recapitate le varie multe, con tanto di foto et filmati della sottoscritta il flagranza di reato. delle botte di nervoso ho perso il conto
ore 9.01 telefono alla dani, due minuti veloci mentre aspetto l'ascensore
ore 9.20 l'ascensore mi aspetta da 19 minuti.
ore 9.21 mi blocca il portiere, con fare cospiratorio, per chiedermi se possiamo fare una consulenza gratuita ad uno che conosce perché- e qui il tono di voce si abbassa all'improvviso-... sai, è una cosa un po' imbarazzante... - tono di voce da cospiratore- ... non so se ha piacere che si sappia- siamo ormai al sussurro-... ma...è un operaio...
ore 9.25 lascio il portiere confuso, dopo avergli assicurato che sì, la consulenza gratuita c'è, per il suo amico, e già che ci siamo gliene facciamo anche un'altra, su come scegliersi le amicizie, da oggi in poi e mi inciampo nel collega simpatico, con cui urge aggiornamento sulle ultime vicende dell'ufficio
0re 10.00 siamo al primo capitolo del secondo tomo dell'aggiornamento ("chi si è messo con chi") quando squilla il cellulare: sto per rifiutare la chiamata, vedo che è da casa, faccio appello al core de mamma e rispondo :
"mamma, dove sono le chiavi?"
Che chiavi???? sul più bello dell'aggiornamento, questa qui mi rompe con le chiavi??? una che, per inciso, non sa neanche come sia fatta una porta, che il colosseo al confronto è Fort Knox, mi viene a chiedere delle chiavi, proprio adesso?????
" Senti, tiratevi dietro la porta e uscite, su, dai, lo fai di continuo, dov'è il problema???"
" E' che non possiamo uscire, mamma: ci hai chiusi dentro"
Ussegnur
" e la zia è fuori e è da mezz'ora che suona"
Ussegnur alla seconda.
ore 10.05 sono di nuovo in macchina, percorso inverso, i fascicoli tutti spatasciati sul sedile di dietro che mi ci vorrà una settimana per rimettere tutto a posto, la segretaria col telefono a mezz'aria- vengo domani, facciamo tutto domani
ore 10.45 apro la porta, fra le risate di quei due disgraziati , 'incavolatura di mia sorella ( tre ore che suono, ma glielo hai detto che venivo a prenderli alle nove etc etc) e il ghigno di compassione della lavascale che , per l'occasione, ha pulito solo il mio pianerottolo, per tutto il tempo
ore 11.00 i due disgraziati non hanno fatto colazione, nè hanno messo in ordine la camera, nè si sono lavati, nè si sono vestiti, nè. Punto
ore 12.30 con i figli più o meno presentabili, pranziamo nel ristorante più pretenzioso di genova. Pausa pranzo radical chic, inframmezzata da " stai dritta con la schiena" "marco, ti ammazzo" " a me di 'sta roba non piace niente" "zia, tu che sei un'esperta, cosa ne dic se mangio una bistecca ai ferri?" " non mangiare tutto il pane" " io prendo questa cosa qua, però metà l'avanzo" " possiamo una volta non fare delle figure di schifo, no, dico, una volta sola, per la mezz'ora che staremo qui dentro?"
ore 14.00 ci servono.
ore 14.10 ce ne andiamo. Il conto, neanche a dirlo, è da paura...
il resto è tutto un "precipitando", per cui ve lo risparmio. Vi dico solo che, quando son rientrata a casa, avevo urgente bisogno di qualcosa che mi tirasse un po' su.
E meno male che ieri sera avevo proditoriamente occultato uno di questi cosini qui, che avrei chiamato "cestini di frolla etc etc" e che il genio poetico che ho sposato ha prontamente ribattezzato "cessini" ( con la bocca piena, per inciso, ma piuttosto che darmela vinta...)
Comunque sia, sono strabuoni- e come tutte le cose stra buone, hanno la controindicazione che si finisce di mangiarli solo quando non ce ne sono più....e non si dica che non vi ho avvisato!!!


CESTINI AL CIOCCOLATO BIANCO E AL COCCO

DSC_2418
in principio furono le "crostatine al cioccolato bianco e cocco, pubblicate nel Libro d'oro del Cioccolato- Mondadori). dopodiché, intervennero le mie solite modifiche

pasta frolla al cacao- 300 g di farina; 200 di burro; un uovo intero grosso ; 100 g di zucchero; 40 g di cacao amaro

crema al cioccolato bianco e al cocco
4 cucchiai di zucchero semolato
5 cucchiai di maizena
mezzo litro di latte
3 uova grose ( o 4 medie)
300 g di cioccolato bianco
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
5 dl di panna fresca
200 g di cocco secco a scaglie ( io ho usato la farina di cocco, forse è meglio, nel formato mignon)


Si prepara la sfoglia, la si stende sottile e con essa si rivestono 24 stampini da tartellette mignon. Cottura in bianco a 170 gradi per una decina di minuti
Preparare la crema al cioccolato: stemperare la maizena nel latte, aggiungendolo a poco a poco e metterlo sul fuoco: portarlo a bollore, mescolando sempre ( consiglio da non trascurare: io ho buttato via tutto, la prima volta). Montate le uova ocn lo zucchero e versatevi il latte caldo a filo come per fare una crema inglese. Rmetterlo sul fuoco (meglio lavorare a bagnomaria), portarlo a 85 gradi ( io vado ad occhio, quando vedo che è caldo ma non bolle è ok) e scioglietevi dentro il cioccolato grattugiato, mescolando bene con un cucchiaio di legno. Aggiungere la vaniglia ( io ho usato i semi, per cui li ho messi da subito nel latte con la maizena). Lasciar raffreddare benissimo. Montare la panna, aggiungervi il cocco, incorporandolo con un cucchiaio e poi unirla alla crema di cioccoalto bianco. riempire i cestini e servire

DSC_2421
Secondo me, è necessario aggiunger eun po' di colla di pesce nella crema, come si fa con le bavaresi: si ammolla la colla di pesce in acqua fredda, si strizza bene, la si fa sciogliere nel latte e poi si filtra. Ieri, che era un'altra giornata-no, mi si è tutta raggrumata da far schifo, per il semplice motivo che ho preparato la crema in due tempi, come da ricetta, e al momento di aggiungere la panna la crema al cioccolato non era affatto densa come da foto ( toh, che strano). Ho cercato di rimediare, aggiungendo la colla alla crema fredda e la prima volta è stato un disastro. Allora ho filtrato tutto, ho recuperato il salvabile e ho ri-proceduto, con esiti migliori. Nulla vi vieta di aggiungerci anche un po' di salsa al cioccolato fondente.
A domani
Alessandra


17 commenti :

  1. Questi "cessini" sono da favola secondo me!! ..e si mangiano in un amen. Brava come sempre Gis

    RispondiElimina
  2. Cara signora Pozzi-Ginori, i suoi manufatti mi "attizzano" moltissimo, ne vedrei bene a casa mia almeno 48 tutti uguali,con il cioccolato fondente, sà signora mia, a quello non posso rinunciare... Certa di un suo rapido riscontro, ringraziandola anticipatamente, la saluto,
    Ornella

    RispondiElimina
  3. gisella, lo sono, eccome. ma come diceva il mai troppo rimpianto bernardino " le cose migliori della vita o sono illegali o fanno ingrassare"... e questa, mi sa che sia caloricissima....
    Ornella: sempre trono è, e scusa. Ora ne mando 48 pure a felipe, che è un po' che lo trascuriamo....:-D

    RispondiElimina
  4. Ale, certo che non puoi lamentarti di annoiare!.. Però è importante saper èrendere tutto con l'ironia e terminare l'ennesima serie di avventure con qualcosa di buono!..
    Un bacione!

    RispondiElimina
  5. Mmmmmh ma sono davvero invitanti!

    RispondiElimina
  6. Si, direi che è proprio il caso! Nella Reggia staranno d'incanto...

    RispondiElimina
  7. Eleonora, magari da voi con 'sto caldo non saranno proprio l'ideale: non tanto per mangiarli, che per quello non c'è problema, quanto per la preparazione, perché fra forno e fornelli e olio di gomito, la sauna è assicurata. Però, fossi in te, verso ottobre proverei...:-)
    Ornella: vuoi mettere??? di questo passo, ce li troveremo pure su AD...
    Giulia, e no che non mi annoio!!!! ma un giorno all'anno, mica poi tanto, mi farebbe così piacere!!! (per inciso, pare che l'unico motivo per cui il marito mi abbia sposato sia stato proprio che con me non si sarebbe annoiato..glielo ricordo ogni tre per due, giusto appena gli schiuma la bocca ;-)
    buona giornata a tutti- oggi tento di andare in ufficio!!!! Ce la farò???

    RispondiElimina
  8. Fantastici! Pero', anche tu, se li fai di quella misura li', cosi' carini, ci credo che non finisci piu' di mangiarli. Magari se provi con il formato crostata intera, uno ci pensa su due volte prima di finirla tutta!

    E in ogni caso, dopo la giornatina leggera che ci hai raccontato, sei autorizzata a una razione tripla.
    : )

    RispondiElimina
  9. Ale, sei davvero troppo forte....ma sai che ti dico???? Io faccio troppo il tifo per il sommo poeta che hai sposato... I tuoi "cessini" mi piacciono un tot!
    Un sorriso aulico,
    D.

    RispondiElimina
  10. Cestini golosissimi e resoconto della giornata grandioso :-) Credimi che posso capirti :-P

    RispondiElimina
  11. OK, questa volta sono stata avvisata. Non mi ci avvicino nemmeno.
    Anzi, resisto alla tentazione di rileggere la ricetta.
    Oppure la rileggo ma distrattamente.

    RispondiElimina
  12. Mmmmmm cosi buoni e mi piace l'idea di averli fatti cosi piccoli sono molto stuzzicanti!

    RispondiElimina
  13. Sara, io una teglia a misura di lenzuolo ce l'avrei anche: il problema è che non mi sta nel forno e così....:-)
    Dile, se mi gira gli apro un gruppo su FB "Il Sommo e le parole Ar- Cane"... ti iscrivi???? (io no, per inciso: me lo godo già nella vita reale!!!)
    Mario, non so perché ma ci credo - e la cosa mi è di conforto :-)
    Mapi: ...tanto, poi ti interrogo...
    Federica e Mary: oh yeah, sono buonissime. Però, la versione limone cocco mi è piaciuta un tantinello di più. Giurin Giuretto.
    ale

    RispondiElimina
  14. Ciao Alessandra! ma che deliziose crostatine! cocco e cioccolato bianco è un abbinamento per cui faremmo follie!
    grazie mille per la ricetta!
    ne accettiamo quante volete, fino al termine della raccolta, avete piena libertà!
    Complimenti a daniela anche per le verdure qui sopra!
    un bacione

    RispondiElimina
  15. Ecco, lo sapevo. Mi interroga.
    Proprio stamattina stavo cercando la scusa per farli. Tipo il primo compleanno di qualche collega.
    Non posso perdermi a 4 kg dalla meta!!!!! Abbi pietà! :-D

    RispondiElimina
  16. Ussegneur!!!!!!!ma questa non l'avevo letta!!!
    Bella mattinata, ma conoscendoti meglio mi sembra............come al solito.
    La ricetta è splendida da tenere presentissima.
    diana

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...