OverBlog

venerdì 29 luglio 2011

Spaghetti alle vongole e ...In Onda, finalmente!!!

spaghetti


Riassunto delle puntate precedenti: Dopo aver lasciato l'isola di Ogigia, dove era prigioniero della ninfa Calipso, Ulisse... ah no, scusate, questa è un'altra storia...

Anzi, facciamo prima: qui e qui, i riassunti degli antefatti, mentre a casa di questa signora qui l'unica  fonte diretta dell'intervista, almeno per quanto riguarda la sottoscritta. Essì, perchè, a conferma di quanto dicevamo con la giornalista, noi qui sopra abbiamo trovato un sacco di amici, con cui ci si scrive (tantissimo), ci si sente (qualche volta), ci si vede (appena si può) e la Roby non fa eccezione, tutt'altro: a pensarci bene, dopo le peripezie dell'altra volta, potrebbe benissimo avere una cittadinanza onoraria, qui su MT, visto che il giorno che decide di venire a Genova parte lo sciopero dei treni, le muore il cellulare appena arriva e poi succede quello che succede... ma è meglio andare con ordine

Dunque, sono le dieci e qualcosa ed esco dall'ufficio per recuperare la Roby, abbandonare alla sua sorte il di lei marito ed arrivare al tavolino del solito bar, su cui ormai ho allestito una sorta di depandance dello studio, visto che tutto quello che non riguarda il lavoro viene svolto lì, intervista telefonica compresa. Neanche a dirlo, sono anch'io su un cellulare e, neanche a dirlo due, lì fuori c'è un traffico da vigilia di Natale, con tanto di sirene di ambulanze, pompieri e polizia. Di star dentro, neanche a parlarne: è una bella giornata, il sole splende, gli ombrelloni fanno il loro dovere e, soprattutto, è da quando ci siamo incontrate, due chilometri prima, che non abbiamo smesso di chiacchierare, dimenticandoci di tutto il resto, marito errabondo e intervista compresa. 

A Bormio, invece, la tensione avanza: il primo messaggio, con un contenuto "sai niente?" è arrivato all'alba delle sette del mattino e da lì è stato un susseguirsi fermo ma costante, una richiesta ogni tot, tanto per far vedere che noi, da alassù, non ci scomponiamo. Solo che io sto a chiacchierare e non sento il bip del telefono e quindi la lascio lì, a macerarsi nel dubbio- che la socia non sappia nulla, che l'intervista non si faccia e che il cellulare, porcavacca, non prenda. 

Alle undici meno un quarto il primo squillo
"wow, in anticipo!", penso, mentre schiaccio felice il pulsante di risposta, col sole che acceca me e scurisce il display
"Babba?"
"Babba lo dici alla sorella che non hai, brutta maleducata che non sei altro"- è il fumetto che prende corpo sopra la mia testa, appena sento mia figlia che mi apostrofa in quel modo. Ma non faccio a tempo a proferir minacce, che quella prosegue
"Ho uda trbebda allergia"
Sospiro. Son due mesi che andiamo avanti a nasi che colano e a venti piani di morbidezze varie, fra kleenex, scottex e pure rotoli di carta igienica, nell'emergenza dei fine settimana in campagna. Colpa di una balorda fioritura di pollini e di una madre altrettanto balorda che la trafila di ospedali di quest'inverno ha distratto dai test prenotati per indagare su queste allergie. Solo che, di solito, oltre a qualche pacco di fazzoletti non si va e la situazione resta sempre sotto controllo. Di solito.
"E' che bi sebto che dod riesco più a respirare... cobe se bi vedisse ud attacco di asba"
Ussegnur, l'asma no. E' una di quelle cose che mi terrorizzano al solo nominarla, figuriamoci all'idea che ne sia vittima mia figlia. E così, scatta il piano A, quello della spia rossa e dell'"andiamo al Pronto Soccorso". A cui la creatura reagisce con un "dod ci pedso debbedo, bi devo vedere cod le bie abiche oggi poberiggio"- il che scatena immediatamente il piano b "ok, allora vai dalla nonna e vai dal dottore"
Riattacco, guardo l'ora e chiamo mia madre: "sta arrivando, valle incontro, come il dottore non c'è? e allora portala in farmacia... nemmeno il farmacista, c'è? il Gaslini c'è ancora, mamma, o sono in ferie anche lì? ah, non ha più l'età..."
Chiedo alla Roby se ha mai visitato il bellissimo complesso di San Martino, magari arrivandoci anche a sirene spiegate e quando sto per descriverle le ardite vette dell'architettura moderna del Monoblocco, il cellulare risquilla. 
"Taci, ci siamo- penso" e invece no: è il marito, che vuol sapere come sta la creatura: e siccome lei ha chiamato pure lui, per comunicargli il bollettino medico, lui chiama me, un minuto dopo, per sapere come sta. Non so come funzioni altrove, ma da noi è prassi. 
E così, richiamo la figlia, che nel frattempo si è ricongiunta alla madre e mi comunica felice che "dod ce l'ho più quella cosa di priba...ora ho solo ud edorbe peso sul cuore"
Un attimo dopo, chiama RADIO RAI. 
"Signora, la metto in linea" dice la voce dell'operatore, mentre il neurone si affanna a risolvere l'ultimo dei problemi i cui dati (figlia con attacco di cuore e madre snaturata al tavolino di un bar e al telefono per gli affari suoi) non sono per nulla incoraggianti. Mi guardo attorno, alla ricerca di un'illumiazione e tempo due secondi sto scrivendo pizzini alla Robi, sui tovagliolini del bar:  "chiama questo e chiama quello" sono gli ordini della seconda tornata di emergenza, almeno fin quando la sua espressione sconsolata non mi ricorda che il suo cellulare è scarico.
Ma siccome lassù qualcuno ci ama, ecco che all'improvviso le cose si sistemano, e pure tutte insieme: il cellulare della Roby risorge, alla figlia passa tutto e noi due facciamo questa benedetta intervista, riuscendo non solo a sentire le domande, ma anche a capirle e - più o meno- a rispondere. 
Se volete sapere come è andata, eccovi il commento che Raffaella (colei che ha avuto l'ardire di organizzare tutto questo) ha provato a lasciare l'altro giorno, senza fortuna. Lo ha rispedito in posta e ve lo giriamo qui, giusto perchè si sappia che da venerdì scorso non siamo più solo "suonate". siamo pure radiofoniche :-)

"..come si dice da queste parti... siete TROPPA ROBA!!! delle IDOLE!
...ah scusate, sono la NON giornalista che ha avuto l'onore di intervistare LE beniamine.
purtroppo i potenti mezzi di mamma RAI FVG non sono dotati di tecnologia contemporanea...comunque chiederò alla mia capa di poter pubblicare il pezzo con l'intervista alle foodblogger numero 1!
grazie ancora ragazze... e vi dico solo che siete piaciute da matti, siete moooolto radiofoniche! in tanti, poi, mi hanno chiesto del vostro blog (l'ho anche inserito tra i siti preferiti di colleghi RAI).
scusate devo scappare: la mia polpetta (camilla di anni 3) mi sta chiamando... è ora di colazioneeeeeee.
un abbraccio,
raffaella
ps
stavo proprio cercando qualcosa di stuzzichevole da fare con le ottime pesche di fiumicello... no comment ;*

buona giornataaaaaaaaaaaaaaaa e vado da camilla :)"

Ancora il nostro sempre incredulo grazie.

spaghetti1

Gli spaghetti alle vongole sono uno dei piatti che, in assoluto, mi piacciono di più e, nello stesso tempo, quello che più mi lascia delusa, ogni volta che li mangio. Questo perchè, 90 volte su 100, quello che ho nel piatto è ampiamente inferiore alle mie aspettative, tutte tarate su alcune meravigliose versioni, provate anni fa e talmente gustose da aver lasciato traccia indelebile nella mia memoria. La nota negativa vale anche per me, ovviamente, perchè per quanto mi sia sforzata, in questi anni, non ho mai centrato il bersaglio. Almeno fino a questa estate, quando mi ci son messa d'impegno e ho elaborato una versone che, finalmente, mi soddisfa. Tanto che la metto pure nel blog, sfidando le sopracciglia alzate del marito che la trova troppo banale per finire qui sopra. Ma siccome son convinta che se iniziassi ad avere delle soddisfazioni piene anche nella cucina di tutti i giorni, così come le ho in quella delle grandi occasioni, sarei una casalinga meno disperata, me ne infischio della banalità del piatto e vado con tutti i trucchi che ho applicato per questa meraviglia qui sotto

per 3 hg di spaghetti ho usato
un kg di vongole
un bicchiere di vino bianco
la scorza grattugiata di un limone
sale grosso
tanto prezzemolo
un niente di burro
uno spicchio d'aglio
olio EVO
un po' di peperoncino. 

si comincia col far spurgare le vongole. Chiedete lumi al pescivendolo sul tempo che ci vuole, perchè cambia a seconda del tipo di vongole che comprate. Quelle che ho usato questa volta venivano dritte dritte dalla pescheria del supermercato, per cui è bastata un'ora a bagno in acqua fredda e poco sale grosso per far dar via anche l'ultimo granello di sabbia. 
sciacquatele bene sotto l'acqua corrente e poi mettetele in una larga padella bassa, a fiamma media e a recipiente coperto. Scuotete ogni tanto e controllate cosa è successo dopo circa 5 minuti: dovrebbero essersi aperte quasi tutte.
tiratele via con una pinza e sgusciatele, tenendo da parte i gusci
Io le sguscio tutte, perchè odio dover star lì a tirar fuori il mollusco mentre mangio. Se devo fare un po' di scena, metto le conchiglie vuote, ma siccome questo è un piatto da tutti i giorni punto dritta alla sostanza e meno fronzoli ci sono e meglio è. 
Dopodichè, filtro l'acqua di cottura, in questo modo: 

Collage di Picnik
colino, recipiente e tovagliolo bianco, meglio se di lino, messo sopra il colino e usato come primo filtro. E' un'operazione indispensabile perchè purtroppo, per quanto le si spurghi, le vongole trattengono sempre un po' di sabbia al loro interno. In questo modo, la trama fittissima del tessuto impedisce il passaggio anche ai granelli più fini e voi potete avere la sicurezza di non correre nessun rischio
Metto su l'acqua per la pasta. 
Nel frattempo, faccio imbiondire uno spicchio d'aglio in poco olio, poi lo tiro via, aggiungo le vongole, sfumo col vino bianco, sempre a fiamma media. Dopodiche,aggiungo il liquido di cottura, un po' di prezzemolo e una bella grattata di zeste di limone e faccio cuocere un minuto o due,a fiamma bassa, quel tanto che basta perchè il liquido si riduca leggermente. Se vi piace, il peperoncino va messo in questa fase.
Scolo gli spaghetti al dente, tenendo da parte un mestolo dell'acqua di cottura, el caso il sugo dovesse asciugarsi troppo (ma di solito non succede). Li verso nella padella delle vongole, aggiungo una noce di burro (trucco a cui non mi sono voluta piegare per anni, poi l'ho fatto e ora stramaledico le mie preclusioni mentali) e condisco velocemente. In ultimo, tanto prezzemolo e ancorauna grattatina di buccia di limone. 
uno spettacolo 
ciao 
ale



22 commenti :

  1. non posso far altro che confermare il tutto! :-) è la vera verità!!oltre a sentirmi un pò (tanto) lusingata ad essere stata presente a questo avvenimento mediatico coinvolgente e importante !
    cara ale, sono semrpe più convinta che la realtà spesso (per dire sempre) supera di gran lunga la fantasia e, soprattutto, è più divertente (a volte!!!)bacissimi a te e alla dani. a presto.

    RispondiElimina
  2. quando si dice la sfiga... per fortuna tutto è andata al suo posto appena in tempo per l'intervista!
    un post molto bello e gli spaghetti... ottimi :)

    RispondiElimina
  3. Le "pesche di Fiumicello"? Arrivano fin lì? Se l'avessi saputo, abito a pochi kilometri, ve le avrei portate io :-D
    Per quanto riguarda lo spaghetto, è il limone che fa la differenza, anche spremuto un pò.
    Sono emozionata, è la prima volta che commento in questo "reparto" :-D

    RispondiElimina
  4. Congratulazioni da una friulana per il momento di gloria!

    Complimenti per la ricettina, che credo metterò in tavola domenica. La fotografia poi sa di mare e mette allegria, con tutti quei blu vivaci!

    Ciao
    Arianna

    RispondiElimina
  5. Squisita questa pasta e vongole!

    RispondiElimina
  6. super invitante..anche a quest'ora
    bacio simmy

    RispondiElimina
  7. "per aspera ad astra" ... è davvero il caso di dirlo ... ed è meraviglioso godere del privilegio, di accompagnarti lungo il cammino fin verso le stelle !!!
    piesse da napoletana doc non posso che complimentarmi per la perfetta esecuzione dello spaghetto alle vongole ... lo farò presto, stuzzicata in modo particolare dalla "noce di burro" ... a presto simona

    RispondiElimina
  8. Di idcredulo, id tutta questa storia, c'è solo il vostro stupore. Io avrei dato la bia TV (rotta) e il bio decoder (che dod fudzioda) in cabbio della registraziode della vostra idtervista!

    Dibedticavo: dod ho l'allergia, ho solo le lacribe agli occhi dal ridere. :-D

    RispondiElimina
  9. una vera istituzione lo spaghetto alle vongole :P

    RispondiElimina
  10. Mitiche! Ma la possiamo ascoltare anche noi l'intervista?
    E grazie mille per la ricetta, anche io sono anni che non sono soddisfatta della riuscita degli spaghetti alle vongole, appena posso provo coi tuoi suggerimenti!
    Baci

    RispondiElimina
  11. Sto ridendo come un'idiota e immagino la povera Roby catapultata in questa avventura!!! Della serie: welcome to Genoa :-)

    Ma quante cose mi sto perdendo da quando sono partita???? Mi sono persa persino la Roby!!!!

    RispondiElimina
  12. evvvvai, la ricettaperfetta che cercavo da aaaaaaanni!!! grazie, grazie, grazie! venerdì=pesce e quindi stasera un bel piatto di questi spaghetti non me lo toglie nessuno.
    il resto del post me lo leggo (e godo) con calma più tardi...
    baciuzzz

    RispondiElimina
  13. 1° non avevo dubbi che avreste spopolato anche in rai!! spero che la tipa pubblichi l'intervista...
    2° la pasta alle vongole non è affatto banale, la ricerca della ricetta perfetta della pasta alle vongole mi perseguita da anni, io le faccio spurgare in acqua di mare (se la trovo pulita) e poi solo aglio olio e prezzemolo e l'acquina che lasciano quando si aprono, filtrata naturalmente, lesso gli spaghetti in acqua poco salata molto al dente e li faccio finire di cuocere nell'acqua delle vongole. + un pizzico di peperoncino macinato. E' un gioco di equilibri difficili, la noce di burro non mi dispiace, penso che renda cremoso il tutto e smorzi la sapidità,interessante.....

    RispondiElimina
  14. Felicitazioni per lo scampato pericolo. Fenomenale l'uomo della situazione che delega la diagnosi alle donne di famiglia. Per analogia viene in mente la scena in cui il figlio del mio padrone di casa, accasciato su una poltrona in giardino con fare di cherubino malato mentre sospira gettandosi sulla milionesima sigaretta, ovviamente una domenica pomeriggio: "Moi, j'ai souvent mal au coeur": dato l'aspetto rubacuori versione maudit non sta parlando apparentemente per metafore, almeno non per i genitori... anche se alla fine del molto rumore è se mai il cardiologo che dovrebbe avere il cuore più che sollevato.
    Amo moltissimo gli spaghetti con le vongole, proverò di certo questa variante burro e limone. Ascoltando l'intervista, se disponibile in rete.
    Livia

    RispondiElimina
  15. rido perchè mi ci rivedo in queste cosecheaccadonotutteinsieme. do il meglio sotto pressione. gli spaghetti alle vongole son precisi ai miei. tranne il burro e il filtraggio. mai trovata sabbia e preferisco l'evo. ma mi fido e proverò come dici.

    RispondiElimina
  16. Passo di qui e mi schianto dal ridere. Non oso pensare l'effetto che mi fareste se dovessi ascoltarvi...a proposito, ma dove e quando vi si può ascoltare???

    Ricetta che a casa mia fa bene solo la suocera di mia sorella, e mai, capisci, le darebbe la soddisfazione di chiedergliela.
    Quindi grazie doppio, anche da lei ;-)

    RispondiElimina
  17. Ecco: me ne parlava ieri Mario e sono corsa a leggere non appena mi è stato possibile!!!!
    Dopo i complimenti di rito, ma sinceri, la domanda: quand'è che possiamo sentirvi?

    RispondiElimina
  18. rientrata solo ora, dopo una giornata che definir campale è poca cosa, senza la macchina (ho rotto la frizione, ieri pomeriggio), con due caviglie da elefante e due piedi da buttare. in più, domani alle 6.30 sono su un treno, per cui anelo ad andare a dormire.
    Vi rispondo domani in serata, quando torno...
    per ora, grazie a tutti
    un bacione stanco
    ale

    RispondiElimina
  19. Vogliamo la registrazione...vogliamo il link all'intervista...vogliamo esserci anche noi...vi 'sopportiamo' tutto l'anno almeno un premio lo meritiamo anche noi no?! :P ahahahahahahaha

    RispondiElimina
  20. Hahahaha ha ragione gambetto!!! Vogliamo sentirviiiiiii

    RispondiElimina
  21. La ricetta è giusta. Praticamente è la stessa che faccio io - nato in un posto dove le vopngole erano un tempo cibo quotidiano dei pèoveri e per questo conosciutr, come "poveracce" - tranne che per un passaggio importante. Le vongole, come anche tutti gli latri frutti di mare, più cuociono e più diventano di gomme. Quindi sarebbe meglio, una volta aperte e messe da parte, saltare gli spaghetti consumando tutto il liquido delle vongole e all'ultimo unire i molluschi, scaldandoli con il resto. Provare per credere. C'è una differenza netta.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...