OverBlog

mercoledì 14 luglio 2010

Lezioni di cucina : ricette col formaggio I parte

Di Daniela
Scroll down for English version
Lezione di cucina: cucinare con il formaggio

Stamattina vi proporrò la seconda lezione di cucina organizzata dai cuochi valtellinesi: si tratta di tre squisite ricette con i formaggi. Vi dico solo che questo mio nuovo ruolo di inviata speciale, mi sta facendo diventare perfino un' acrobata: questa volta, siccome con le ragazze eravamo un p0' in ritardo, mi sono dovuta arrampicare sul muro perimetrale del Kuerc che è alto circa 1.80 m, per riuscire a scattare qualche foto, visto che i posti migliori erano già occupati! E si che c'era il maxi schermo per poter vedere con chiarezza tutti i passaggi delle preparazioni, ma in realtà fotografarlo è impossibile!
Non posso raccontarvi la faccia dei ragazzi appollaiati sul muro prima di me, nel vedere una tardona con tanto di macchina fotografica a tracolla, borsa e felpa sulle spalle che arranca con fare sciolto e sportivo ;-) su per un muro di pietra!! Bando alle ciance, iniziamo con la prima ricetta che, come vi dicevo ieri è più autunnale, ma vale la pena di segnarsi, a meno che voi, trovandovi a 2000 mt. non abbiate voglia di provarla ora, come abbiamo fatto noi :-)


LASAGNE DI FARINA SARACENA CON VERZA E CASERA

Ingredienti per 4
Per la pasta
400 gr farina bianca
100 gr di farina saracena
5 uova
un cucchiaio olio evo
1 verza di media grandezza
1 scalogno
700 gr di Casera (o un altro formaggio semigrasso a vostro pacere) a cubetti
100 gr grana
1/2 litro latte
50 gr di burro
50 gr di farina bianca

Fate la pasta con le farine, le uova, l'olio e lasciatela riposare.
Lavate le foglie di verza e tagliatele a fettine sottili. Tritate lo scalogno, rosolatelo in una teglia piuttosto larga, aggiungete la verza e rosolate qualche minuto a fuoco vivo.
Fate una besciamella piuttosto densa con il burro, la farina ed il latte, unite il Casera a dadini e fatelo sciogliere, unite il grana e le verze stufate.
Tirate la pasta in sfoglie sottili, tagliatele a mo' di lasagne e cuocetele in acqua salata bollente. Raffreddatele, stendetele su un canevaccio , fatele raffreddare e formate in una pirofila ben imburrata le vostre lasagne alternando pasta e condimento , al quale aggiungerete il parmigiano. Terminate con la fonduta di formaggio cosparsa di parmigiano e mettete a gratinare per qualche minuto. Servite calde
Buon appetito
Dani


Buckwheat lasagne with cabbage and Casera

Serves 4
For the dough
3 5/8 cups white flour
7 tbps of buckwheat
5 eggs
tablespoon extra virgin olive oil
1 medium sized cabbage
1 shallot
1 1/2 pound Casera (or another fat cheese to your pacere) cubed
7 tbsp Parmesan cheese
1 7 fl. oz. milk
3 1/2 tbsp butter
3 /8 cup white flour

Make the dough with flour, eggs, oil and set aside.
Wash the cabbage leaves and cut into thin slices. Chop the shallots, sauté in a pan rather large, add the cabbage and saute a few minutes over high heat.
Make a fairly thick white sauce (bechamelle) with butter, flour and milk, add the diced Casera and melt, add the Parmesan cheese and the stewed cabbage.
Roll the dough into thin sheets, cut them in large pieces (lasagna ) and cook in boiling salted water. Cool them, lay them on a dishtowel, let them cool down and "built" your lasagne into a well greased baking dish, alternating your lasagna pasta and sauce, adding the Parmesan. Finish with the cheese fondue sprinkled with Parmesan and place in the oven a few minutes for browning. Serve hot
Bon appetite
Dani

10 commenti :

  1. oggi non è proprio la giornata giusta, però la ricettina è veramente da provare!
    Non appena tornerà una temeperatura decente!!! :):)

    RispondiElimina
  2. Buonissime queste lasagne: già l'impasto di grano saraceno dà un sapore più forte, poi con un formaggio così gustoso ci sembra un duo perfetto!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. @ vero Alem!! per questo ieri ho postato una proposta un po' più estiva!!! Un bacione alla ragazza!

    @ Ragazze fa molto Valtellina, una po' una versione più "elegante" dei pizzoccheri, ma sono davvero gustosissime!

    RispondiElimina
  4. ribadisco il concetto: vorrei esserci stata anch'ioooooo!

    RispondiElimina
  5. hihihihi mi immagino la scena della scalata al muro....i ragazzotti non sanno cosa è capace di fare una foodblogger quando ci si mette di punta :)
    Forse un po' autunnale ma sicuramente da segnare....queste lasagne devono essere una delizia!!!

    RispondiElimina
  6. Uh!...Le lasagne pizzocchero!...

    RispondiElimina
  7. Sul muro hai anche sgomitato lasciando a terra qualcuno già appollaiato o ti sei solo limitata a farti il giusto spazio per le foto?! Mi sa che se anche avessi ne avessi reso malconci un paio per tale missione targata MenùTuristico le 'casualties of war' sono previste, no?! :PPPP ahahahhaha
    Serio adesso. Bella la preparazione e la condivisione. Ma la cittadinanza onoraria te la daranno visto quanto riesci ad entusiasmare le persone che leggono?!
    Considera che io sono mare dipendente...ma guardo con sempre più interesse i tuoi reportage, gastronomici e non.
    Non è da tutti ma penso che tu lo sappia bene.
    Saluti a tutti gli "arrampicati"! :PPPPPP

    RispondiElimina
  8. @ acquaviva pensa che in più mi diverto anche da pazzi!!!!

    RispondiElimina
  9. @ Elena sapessi che ridere tra me e me mentre me ne stavo sospesa sulle braccia, ringraziando tutte le ore di palestra di quest'inverno!!!! Bacioni

    @ Virò, cosa di più classicamente valtellinese! Baci

    @ Maria non sai cosa sarei disposta a fare per una buona inquadratura.. perfino prendere un paio di gomitate da due "signore" agguerritissime pur di potersi fare 2 chiacchiere con lo chef!! Grazie come sempre per la tua gentilezza e "beccati" un bacione anche dal gruppo arrampicatrici fotografe!!!! Ah ovviamente un saluto anche alla nostra amica omonima!
    Bacioni

    RispondiElimina
  10. Mi sa che ho anche individuato il tipo di signora pronta a tutto per una foto con gli chef! :PP ehehehehe
    Vista l'ora nottenotte al gruppo arrampicatrici fotografe! :)))
    e...poi...lo sai che non ci sei andata molto lontana con Maria...
    Mia madre infatti ha scelto il mio nome in onore della Madonna. Se avesse voluto essere del tutto coerente però mi sarei dovuto chiamare Mariano...ma non le piaceva ed ecco quindi che ha virato su Mario.
    Faccio lo stesso eccezione perchè comunque festeggio l'onomastico il 12 Settembre che è la festa della Madonna e non il 19 Gennaio come tutti pensano per il pur presente S.Mario ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...