OverBlog

martedì 10 maggio 2011

Torta al salmone in crosta all'aneto e tutto quello che avreste dovuto vedere su questo blog...

 di Alessandra


t


Rossini nella Fragola
Sticky Lemon Chicken with Ginger and Lemon Grass
Torta al radicchio e scamorza in crosta di semi di papavero
Cuori di Gewurztraminer al pepe nero e alle fragole
Dentice in carpaccio ai semi di papavero con gelato di lime
Torta soffice alla panna acida e sciroppo di sambuco 
Victoria Sponge Cake alla crema di mascarpone rosa

Madame Trojan ha gradito e ringrazia tutti i lettori di questo blog, che hanno reso possibile che nelle cucine di una delle autrici si producessero cotante bontà. 

Io sto incavolata come un esercito di iene che si son svegliate con la luna storta, ma tant'è: è ancora andata bene che sia riuscita a recuperare l'archivio delle ricette e quello dei viaggi  dall'assalto del virus e che sia sopravvissuta allo sguardo inceneritore del marito quando ha sollevato la tastiera del pc, scoprendo l'equivalente del Pianeta vivente. 
Sparate a caso qualsiasi cosa di vagamente commestibile- e vi assicuro che lì, l'avreste trovata. 
Questo perchè, da che esiste il blog, io consumo tutte le pause al computer, usando bellamente la tastiera come se fosse una mensa, e pure imbadita.
Di solito, ad ogni pc nuovo, mi trattengo, almeno agli inizi. Il caffè lo prendo in cucina, mi impongo di aspettare la creatura per pranzo e, più in generale, se ho in mano qualcosa di prossimo a finire nel mio stomaco, mi tengo a debita distanza. 
Poi, però, l'abitudine e il poco tempo prendono il sopravvento- e ci ricasco: e nel giro di una settimana, battezzo la tastiera. Per immersione o per infusione, non faccio differenze.
La prima volta è accaduto col caffè americano: un'intera tazza, pure bollente, praticamente dappertutto. Poi, mi sono concentrata e son riuscita a far cose più mirate, tipo rovesciare la grappa di mirtillo nell'unico punto ancora incontaminato. Per carità: ogni volta che dovevo schiacciare la "q", l'1" e queste barrette qui || restavo appiccicata ai tasti, ma volete mettere una tastiera ecumenica, che soddisfazioni che dà?

In ogni caso, da sabato scorso ho promesso che faccio la brava: anzi, già che ci siamo, faccio anche la dieta. Niente più paninazzi addentati mentre batto sui tasti, niente più "dirette blogghettare", con me che mangio e scrivo in tempo reale della stessa cosa, niente più prime colazioni all'alba, con una tazza di caffè fumante ad accompagnare le prime chiacchiere del mattino. 
Da oggi, solo acqua liscia e yogurt magro: lasciano meno tracce, mi sa....



TORTA IN CROSTA DI ANETO AL SALMONE E PANNA ACIDA

DSC_0735


Da noi, questa torta si prepara d'inverno, perchè è uno dei sistemi più gustosi per riciclare gli avanzi del salmone, cotto e affumicato- e noi, il salmone lo mangiamo solo quando fa freddo, chissà perchè. La fonte è un vecchissimo numero di Sale & Pepe, ma ormai ha subito tali e tante di quelle modifiche che non ha qualsi più nulla a che vedere con l'originale. Come dire, se non vi piace, prendetevela con me...

Base
Pasta al vino, profumata all'aneto
ricetta bibmy
300 g di farina
100 g di olio EVO leggero
90 g di vino bianco
sale

aneto
impastate tutti gli ingredienti, fino a formare un composto elastico. Formate una palla, avvolgetela in pellicola trasparente e mettete in frigo a riposare per almeno mezz'ora. 

Nel frattempo, preparate gli ingredienti per il ripieno

4 patate medie, lessate e tagliate a fettine
100 g di salmone affumicato
250 g  di salmone fresco, cotto
250 ml di panna acida o yogurt intero compatto
aneto (facoltativo)

Trascorso questo tempo, accendete il forno a 200 gradi
Stendete la pasta in una sfoglia sottile e rivestite con questa una tortiera di 24 cm di diametro*, lasciandola un po' trasbordare e riempitela con un primo strato fettine di patata; aggiungetevi qua e là il salmone e 4 o 5 cucchiaini di panna acida, sempre qua e là; fate poi un secondo strato di patate- salmone- panna acida e chiudete con un terzo. Infornate per 20 minuti e mangiate tiepido, accompagnata da un'insalata di soncino, condita con una vinaigrette al limone.


Note mie

* la quantità di pasta è superiore alle dosi richieste. Di sicuro, ve ne avanzerà un po'. Potete fare delle mini quiches, con lo stesso ripieno, usando lo stampo da mini muffins- oppure potete mettere tutto da aparte: in frigo, si conserva per qualche giorno, in freezer per almeno 3 mesi.

** vado ad occhio, con le quantità di salmone. Tendenzialmente, il salmone fresco deve essere almeno il doppio di quello affumicato, per bilanciarne il sapore. Potete usare anche dei filetti di salmone conservati, ovviamente di qualità. 

*** preferisco far cuocere le patate intere, lasciarle raffreddare e poi tagliarle a fettine, perchè evito che si rompano, con il bollore dell'acqua. Fermate la cottura quando sono appena appena morbide, in modo che sia possibile tagliarle senza spappolarle: intanto, continueranno a cuocere in forno. 

**** a meno che non siate golosi di aneto (dopo due anni qui sopra, non mi stupisce più niente), o lo mettete nella crosta o lo mettete nel ripieno. La torta in foto, per esempio, ha una pasta neutra e l'aneto all'interno, ma di solito faccio il contrario. L'importante, comunque, è non eccedere: in cucina, funziona. 
Buona giornata
alessandra



27 commenti :

  1. Siamo all'opposto direi...io fino ad ora ho versato soprattutto yogurt nella tastiera! Di tutti i gusti...quello più recente gusto pistacchio con me che provavo a scollare la copertura di allumino sporca di crema di latte dal mouse...ovvio sguardo disgustato della santa che mi ha incrociato duranta alcuni di questi capolavori artistici! :P
    Che dici facciamo una mostra al MoMA con le nostre creazioni d'arte moderna "contaminata"?! :P ahahahahahaha
    Bella questa torta...anche io l'avevo adocchiata sul medesimo mensile...ma di certo faccio affidamenmto sulla tua versione con l'erba cipollina piuttosto che l'aneto...che dici mi lancio?! :P Non io con la tastiera ma per la torta rustica intendevo....

    RispondiElimina
  2. Io invece, pur avendo giurato e spergiurato di non portarmelo a letto, continuo a farlo... e continuo pure a cucinare vicino a LUI, per ccui non sono io che sbrodolo, ma le pentole che schizzano... ieri ad esempio l'ho incipriato ben bene di tutti i legumi possibili... ma questa è un'altra storia...

    RispondiElimina
  3. noooooooooooo!!!!!!!!!
    io sono brava però, è una vita che ci bevo il caffé sopra e mai una goccia!
    buona la torta!
    baciotto

    RispondiElimina
  4. Mi è capitato giusto qualche giorno fa di far ubriacare letteralmente il mio pc...una bella spruzzata di vino nelle uscite usb (non so come ho fatto a versarlo solo lì!) ed ecco che ha iniziato subito a dare i ciocchi! per fortuna è bastato spegnerlo e lasciarlo riposare il giusto per fargli passare la sbornia, ora è come nuovo ( o quasi^-^)
    Salmone e aneto sono una dei miei abbinamenti preferiti, ne coltivo sempre un po' di aneto, per averlo fresco ogni volta che mi va. Ottima torta! ciao!

    RispondiElimina
  5. Davvero buono e che profumini!!!!!!!!!Buona giornata deny

    RispondiElimina
  6. mmmmmmmmmmm.............
    lasciamo perdere i banchetti notturni sulla tastiera imbandita............
    per ora chi ci rimette parecchio non è la tastiera, ma la coscia, la chiappa e le "cuighe" che crescono inesorabilmente.
    Però qualche briciola vaga sorniona e prima o poi anche la mia tazzona di caffè americano si verserà inesorabilmente sui tasti e affini.
    I circuiti elettronici NON ringraziano affatto!

    Bella la torta, non amo molto il salmone affumicato cotto, ma per esprimermi mi sento costretta a provare!
    Baxi, Vitto

    RispondiElimina
  7. io mangio solo cose sbriciolose, proprio per evitare che acqua o quant'altro ne compromettano le funzionalità, anche perchè so che il marito non ne comprerebbe un altro...

    E questa torta poteva andare bene per il buffet della comunione di Giacomo! Cmq, a casa mia un pacchetto di salmone affumicato c'è sempre, non si sa mai....! Bacioni e buona giornata!

    RispondiElimina
  8. Spero che le tua tastiera sia collegata al computer con lo "spago".... così siamo sicuri che non finirà in pentola....
    Ho trovato una piantina di aneto e l'ho piantata nell' "orto di guerra" con le altre piante aromatiche... me la curo con affetto, è la mia erbetta preferita e questa torta è ottima !
    Cmq è vero, chissà perchè si collega il salmone ocn l'inverno......
    baci
    M. Chiara

    RispondiElimina
  9. sulla mia tastiera fra poco crescerà un orto, con tutto quello che ci sto "piantando"... e non mi dimentico neanche di annaffiare, pensa che brava!
    senti, ma stai tentando di dirci che i "Cuori di Gewürztraminer al pepe nero e alle fragole" & Co. non li vedremo mai??? noooooooooooo!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao! Appena potete passate da me.. c'è una sorpresa per voi!! :-)

    RispondiElimina
  11. ulala',te la copio bellezza :)

    RispondiElimina
  12. Ciao! altro che riciclo! una tortina profumata, delicata e molto bella! semplice da fare e perfetta in ogni stagione!
    baci baci

    RispondiElimina
  13. Mario, ci sto. Un bel Mo' Ma che roba, nel nostro caso, ma ci sto. E comunque, il mio è yogurt magro. (quello al pistacchio, appartiene alla fase pre pulitura :-))
    Erba cipollina ok, pronti per il lancio!!!

    Stefania, finora in cucina c'è stato poche volte. Ma solo perchè lo spazio è poco e me lo occupa tutto. La camera da letto è out- ma abbiamo lo schermo tv compatibile col pc o quello che cavolo è: ogni tanto, l'ingegnere si collega anche da lì- lui sì- io finora resisto...

    Eleonora, e come sarebbe, mai una goccia? Neanche una?? ... verrà anche il tuo momento, vedrai! Scerzo, ovviamente- speriamo di no, perchè è un disastro...

    Meg, ridoooooo! la tastiera sbronza, mancava!!!
    A proposito, ogni quanto lo bagni, l'aneto? perchè il mio è morto e temo di averlo affogato... sempre per restare in tema, naturalmente...

    Deny, è buona- e ci ha salvato non so quante cene...

    Vitto, a parte le inondazioni, che quelli le vedi- è quello che si era accumulato sotto, che mi ha fatto venire un colpo. Altro che la goccia che scava la pietra... la briciola, che intasa la tastiera :-)
    Concordo con l'antipatia per il salmone affumicato cotto_ ma qui hai la panna acida che ammorbidisce e, nell'insieme, ci sta


    Lucia, leggi sopra... son tremende, le briciole. E oltre tutto lasciano tracce...:-( non puoi dire non sono stata io, io non mangio mai lì sopra e cose così...

    Maria Chiara, ora per un po' faccio la brava- e difatti ho messo su il caffè americano, ma lo bevo solo quando ho finito i commenti... chiedo anche a te: come mai ho ucciso l'aneto? Le altre piantine crescono che è uno spettacolo, l'aneto si è ammosciato ed è ingiallito. L'ho innaffiato di continuo, proprio perchè temevo che morisse :-))))

    RispondiElimina
  14. Cristina, ridooooooo- e voglio la tastiera krukka, con la u con i puntini :-)))
    sennò, niente ricetta
    (gelatina in ammollo, gewurzt. e pepe nero e un niente di zucchero sul fuoco. Porti quasi a bollore, sciogli la gelatina- tanta: 12 g per mezzo litro, ma anche un po' di più. Poi in uno stampo di silicone con le monoporzioni- per le tartine è ok, metti mezza fragola tagliata per il lungo, copri con la gelatina e lasci raffreddare. In frigo per 24 ore. Poi stacchi FOTOGRAFI pubblichi sul blog che io ormai non posso più e mangi :-))))))

    RispondiElimina
  15. Chiaretta, passo subito. Intanto, grazie!


    Mirtilla: e che copiatura sia, dolcezza!!!

    Manu e Silvia, per me è un po' invernale, ma forse avete ragione voi...

    e ora, vado a prendermi il caffè lontana da qui
    ale

    RispondiElimina
  16. Negare sempre.
    Pure quando c'era la ditata di Nutella, sono riuscita a dire che non ero io.
    E ormai mio marito non dice piu' nulla, si e' solo armato di pennellino...:-)))

    RispondiElimina
  17. Gli ingredienti insieme stanno benissimo!accompagnati con la torta rustica credo siano perfetti! Buona buona buona!!

    RispondiElimina
  18. ottima idea, mi piace molto il salmone (anche se mio marito dice che l'ho ingannato cucinando per lui piatti elaboratissimi e adesso gli metto davanti solo il salmone Ikea) ci poro che per me il salmone va bene per tutte le stagioni.
    no io non magio sopra al pc, ma c'ho due gatti che ci circolano sopra e per i peli per bloccare le apparecchiature elettroniche sono perfetti :-)
    un abbraccio
    MarinaM
    ps ieri non sono riuscita a commentare, ma la meringa con panna e fragole, be' è stata davvero un colpo basso.

    RispondiElimina
  19. Ieri ho ricevuto una mail, sembrerebbe anche da fonte autorevole, che elencava i danni provocati dallo yogurt c probiotici vari: sembra sia la causa di ingrassi repentin. Quindi, continua pure a mangiare le tue altre robe sulla tastiera e lascia perdere lo yogurt. Se vuoi dimagrire allora ... trovati l'amante...sembra che sia l'unica dieta che funzioni!!!! Nooooooooooo scusa maritoshop! lo sai che ti voglio bene!

    Ho tutti gli ingredienti nel frigo, pronti pronti..manco farlo apposta.
    Beso.

    RispondiElimina
  20. io ho imparato, subito dopo passo il piccolo aspirabriciole portatile, una vera salvezza! :)
    davvero ottima la torta!

    RispondiElimina
  21. Devo fare assolutamente outing!

    1) Tastiera del fisso in italia

    Cambiato pc mi sono detta: "Ora con questo basta bere e smangiucchiare davanti al pc, voglio una tastiera immacolata".
    Durata del pensiero: 7 giorni.
    In pratica la mia tastiera al momento è un microsistema, all'interno del quale si sta sviluppando sicuramente un linguaggio ed una vera e propria espressione culturale.

    2) Tastiera del 12 polllici.

    Vietato avvicinarsi ad esso se non si è me. E se si è me: vietato mangiare o bere.
    Durata del pensiero: semi-eterna.
    Confesso qualche volta di aver bevuto dell'acqua.

    3) Tastiera del 10 pollici.
    Guai anche solo a pensare di mangiarci vicino o di avvicinare il creaturo a fonti contaminatrici.

    4) Tastiera francese (MALEDETTA AZERTY!!!!): istinti omicidi mi suggeriscono continuamente di farla sciogliere nell'acido, o in mancanza di esso di affogarla sotto una bella litrata di coca cola.
    Durata del pensiero: eterna.
    Problemi nella messa in atto: fidanzato francese, padrone di tastiera francese.

    Tastiere Inglesi ed Olandesi, siate le benvenute, o qwerty del mio cuore!

    RispondiElimina
  22. ridooooo- e vi amo, tutte.
    Detto mentre bevo il tè azzurrino della Muscaria e ci mangio sopra tre o quattro savoiardi... che sennò, finiva che mi sarei sentita troppo virtuosa e troppo sola.
    Quante volte ve l'ho detto, grazie di esistere?
    ecco, aggiungetecene una :-)

    RispondiElimina
  23. ahahhh! A'ò Ale sei troppo forte! Alla fine da oggi ti sei messa a dieta sul PC!!!
    A me invece capita di battezzare il libro che sto leggendo, 'ché di primo mattino a volte mi regalo il lusso di "leggere una tazza di caffé"... puntualmente TRACK! Libro timbrato ;D

    RispondiElimina
  24. La mia oltre ad essere sporca e non so cosa ci sia dentro dato che ci mangiamo sopra tutti è anche disegnata con delle linee che girano fanno i ghirigori e tornano indietro.
    Baci ;-)

    RispondiElimina
  25. In piena terra andrebbe bagnato spesso solo durante la crescita, e per spesso intendo una volta ogni 2 o 3 giorni. Se lo tieni in vaso una tazzona d'acqua ogni 3 giorni dovrebbe essere sufficiente. Non ama molto i ristagni d'acqua, quindi attenta a non inzupparlo troppo ^-^ ciao!

    RispondiElimina
  26. Ecco, perfetto: l'ho annegato.
    E pure da morto...
    Ci Vu Di
    :-)
    ale

    RispondiElimina
  27. uffa, è scomparso il mio commento...mi sa che blogger non si è completamente ripreso. Adoro l'aneto soprattutto abbinato al pesce...solo che quest'anno l'ho seminato molto in ritrado è deve ancora spuntare. Ricetta segnaat e in atttesa:). Buona domenica!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...