OverBlog

sabato 1 ottobre 2011

I Premiiiiii (parte terza)

Gianni: meglio l'introduzione o la ricetta? That is the question, con i post di Gianni, le cui ricette si mischiano sempre alle storie, siano esse prodotto dei suoi ricordi o della sua fantasia. Il racconto di questa macedonia sta fra le pagine di Proust e il miracolo di San Gennaro, vista l'aura prodigiosa di cui si tinge questo episodio: fuori dai denti, nè qui nè tantomeno al civico vicino una a caso delle nostre figlie se la sarebbe cavata con una macedonia come benvenuto. Ma forse, abbiamo scoperto su che cosa sua mamma affilava il coltello, nell'attesa...




Giulia: la sua trasformazione da food blogger ad apprezzata scrittice ed esperta di comunicazione nel mondo del cibo, ahinoi, non è completa. Prova ne è che si è distratta un attimo, ed ecco che l'anima rossa del nostro primo e indimenticabile incontro con questo mondo, la nostra mentore, il nostro ineguagliabile modello di stile, dentro e fuori dal blog, prende il sopravvento- e dilaga. Un intero carrello della spesa, interamente rosso. A noi dedica una macedonia che declina questo colre in tutte le sue gamme e i suoi sapori, dal ribes alla fragolina e al lampone, financo al liqure di visciola rossa, al marito una serie di cene tutte su questo tema, perchè ormai il frigo era pieno e qualcosa bisognava farne. Neanche a dirlo, è riuscito tutto benissimo, tanto che ha in mente un prossimo libro tutto dedicato alla cucina di questo colore. La copertina, gliela regaliamo noi :-)


Anna: di là dal mare, non ci si dispera. Di Fabiana ce n'è una, ma di risorse per cavarsela ce ne sono di più. Una di queste si chiama scavino e, passato il primo impatto, è pure divertente. Tante belle sferette, perfettamente rotonde, senza nessuna fatica. Il problema, se mai, è riuscire a fermarsi. Fonti bene informate ci dicono che dopo aver fatto palline di tutta la frutta che ha trovato, ha servito allo sconsolato marito sferette di sushi e un kaki age perfettamente rotondo. Pare che ultimamente si stia dedicando al guardaroba, come conferma chi l'ha vista in giro in questi giorni...

La Cucina Piccolina: Sfoderano l'artiglieria pesante e affrontano la sfida in massa, tutti per uno, uno per tutti, moderne moschettiere del web. Le loro armi sono una macedonia distesa su una creme brulé, stile Paolina Bonaparte, un aspic al maraschino e una macedonia autunnale in crespella di castagne- che uno le guarda e si chiede com'è possibile, continuare ad essere amica di 'sti mostri di bravura. Meno male che ogni tanto mi vendico e dò buca ad un compleanno, le istigo all'acquisto del ventimilionesimo libro di cucina, metto a dura prova la pazienza della loro prole mandando la creatura a lezione di matematica. Oppure, le premio, con questa effigie, che per sempre le immortalerà, nella mia mente, come le mie personali Tre Grazie: Grazia, Graziella e Grazie al mazzo che vi fate, ogni volta, per noi



Stefania. Il primo premio (in ordine cronologico, a scanso di equivoci), glielo si dà di default, e anche se qui sopra non fa più notizia, di sicuro la farà quando la vedranno sfilare impavida per le vie di Palermo, armata di queste robe qua
Sul secondo premio, invece, è doverosa una premessa e cioè, che chi scrive è sinceramente affezionata al figlio maggiore di cotanta madre. E quindi, quando ha visto la macedonia con cui Stefania preannunciava il regalo di compleanno da lui tanto atteso, ripresami dalla commozione per l'alto valore artistico della stessa


ho pensato che non potevo certo rimanere indietro e non munire il modello base di almeno un accessorio fondamentale, a questa come ad ogni altra età. Confesso che è stata dura, eguagliare le altezze di tale armoniosa bellezza, ma alla fine, il mio porco contributo lo dò anch'io (e pure in versione piccante)

alle 17.00, con i 3o mm di dimensione artistica
e alle 21.00 per la proclamazione del vincitore dell'emmetichallenge di settembre
ciao 
ale

15 commenti :

  1. Ale, ci hai massacrate tutte! Ma come ti vengono? Ti fai di basilico?
    Non ci posso credere, sto quasi piangendo da ridere!!
    Un bacionissimo!

    RispondiElimina
  2. Ma mica mi sono fermata al guardaroba, sono andata oltre............ :D ;-)

    RispondiElimina
  3. annaaaaaaaaaaaaaaaaaaa :-D :-D e povero il tuo marito!!!!!

    giulia, e cosa vuoi che ti dica,... oggi,poi, son più bastarda del solito... sarà meglio che mi dia una calmata :-))))

    RispondiElimina
  4. Ancora rotolo per la barbie... rotolooooooo XD

    RispondiElimina
  5. Aspetta che ti becchi Stefania.....ahahahahahahahhahahahhhh.........ahahah...non riesco a fermarmi ahahahahahhaha

    RispondiElimina
  6. Sei grande. Come sempre del resto.

    RispondiElimina
  7. no ragazzi, tengo a precisare qui quello che ho detto anche altrove: noi su questo blog scherziamo- perchè fuori di qua la vita l'è dura e anche quando si vede il lato comico della situazione, è facile che le circostanze ti impongano di prenderla sempre sul serio. Al'emmetichallenge si ride di più, perchè ormai ci si conosce e si sa che un passettino in avanti, fra amici, ce lo si può permettere. Prova ne è che son più cattiva con chi conosco bene e con le persone a cui sono più affezionata - che non a caso si beccano anche il doppio premio. Ma se non ci fosse questo spirito- e non ci fosse questa cntinua gratitudine, per aver reso l'emmetichallenge quello che è, saremmo giudici seriosi e compunti, come si confà al nostro ruolo.
    Grazie ancora per la sopportazione :-)
    ale

    RispondiElimina
  8. Grandissime donne....mi avete risollevato dalla polvere degli scatoloni facendomi rotolare dalla risate............

    RispondiElimina
  9. Ale, non so ancora con quale delle tre identificarmi, mi assomigliano tutte queste Grazie! :-)))
    Sei fortissima, un bacio!

    RispondiElimina
  10. Meno male che sono finiti, perchè oggi è un contniuo "Ma cos'hai da ridere, ma la finisci di sgignazzare davanti al monitor?"
    Non oso immaginare le lacrime (dal ridere) di Stefania, e quelle (dal piangere) del suo povero pargolo...+
    Stefania P&S

    RispondiElimina
  11. Sto leggendo i post a ritroso e rido a crepapelle da sola. :-D Tra le Tre Grazie, la barbie di Stefania e l'affilacoltelli della mamma di Gianni c'è da morire!!!! :-D

    RispondiElimina
  12. Aleeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!
    non ce la faccio, non posso leggere con gli occhi pieni di lacrime!!!!! :-)
    Ma da dove le titi fuori certe robe!
    un vero spasso.
    Adesso devo decidere quale sono io delle 3! Sicuramente quella di chiu.....lo!
    ...però moltiplicato per 3 almeno!!!!
    hahahahahahahaha
    Baci

    RispondiElimina
  13. vitto e nadia, avete visto che premio???? (ora non so più come farò a guardarvi in faccia senza morire di vergogna, ma tant'è... è la forza dell'ispirazione, quando mi possiede non sono più responsabile!)

    Mapi, è che devo avere un neurone diesel: arrivata all'ultima decade, andavo che era un piacere... ancora un po' e sarei arrivata alla neuro, guarda...:-)

    RispondiElimina
  14. Ale, io sono onorata che tu abbia scomodato Raffaello per noi 3!!!!!

    Siamo noi che non siamo all'altezza e neppure alla larghezza!!! si salva Paola va!

    Hahahaha...io faccio autocritica, ma mi sa che ora la Nadia ni uccide!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...