OverBlog

venerdì 16 ottobre 2009

Sufflé di pera al cioccolato - E. Knam

Di Daniela

Scroll down for English version

SOUFFLè 022

Ci sono poche cose nella vita di cui puoi assolutamente essere certa: sono assiomi assoluti, dai quali non si può prescindere e che non necessitano, per la loro stessa natura, di nessuna dimostrazione, tanto evidente è la loro intrinseca veridicità. Nell'universo femminile ne esiste uno in particolare noto ovunque, tale è la forza del suo enunciato e la sua esattezza. Testualmente recita : "peggiore è il modo in cui, uscendo dalla porta di casa, tu sei conciata, maggiore è la probabilità di incontrare qualcuno che non vorresti vedere...". Non ci si può fare nulla: tu vuoi uscire, ti prepari, ti vesti con cura, ti pettini bene ecc ecc e poi... nulla, non succede assolutamente nulla; non incontri nessuno, nè amici nè conoscenti e neppure vicini di casa. Ma tu prova, tanto per curiosità, ad uscire un po' in disordine o non proprio curata, per la fretta o per una stupidissima ragione qualsiasi e sta certa che tutto il creato a te noto ti si paleserà davanti con la rapidità e la assoluta puntualità di un orologio svizzero!!! Da non crederci.... Devo dire poi che il mio palazzo, nel suo piccolo, è una sorta di miniaturizzazione del concetto: non appena io metto piede fuori della porta di casa, magari in tuta da ginnastica, con i capelli raccolti e le croc ai piedi per scendere in cantina o in garage a cercare qualcosa o anche semplicemente per aprire al postino o per ritirare un pacco, ecco che implacabile sento un "buongiorno " squillante e la mia coinquilina che abita 2 piani sopra, sta scendendo le scale, perfetta nei suoi abiti firmati, i capelli sempre in ordine "da parrucchiere" e il trucco sempre fresco. E' inevitabile... come il sorgere del sole o come la pioggia appena lavi l'auto o i vetri di casa!!! Beh, per essere proprio onesti non è sempre lei.... a volte è quella di sotto o il marito della prima insomma, c'è sempre qualcuno (e dire che siamo pochissime famiglie!) che sembra appena uscito da una boutique che è lì , pronto a guardarti, con un sorriso che a te suona come "bel completino, complimenti!" anche se magari non è questo lo scopo.... ma lo sembra... oh, se lo sembra!!! Questo tipo di fastidiosissimo inconveniente tecnico, qualche volta, lo confesso mi esaspera, per quanto non a sufficienza da farmi vestire come una star per aprire la porta, ma, al più, abbastanza da farmi fare ogni tanto le finte tipo: apro, richiudo e sbircio riapro e poi esco.... Allora per sollevarmi da tanta ignominia, pur consolata dalla ineluttabilità del fato e del mio non essere abbastanza vanesia da porre rimedio, mi tiro su il morale con qualcosa di particolarmente chic ed elegante, una ricetta molto trendy e sofisticata de quel geniaccio di Ernest Knam. E' un
SOUFFLE' DI PERA AL CIOCCOLATO

SOUFFLè 028


so easy and so chic!!
Innanzi tutto devo raccontarvi un paio di segreti che il maestro gentilmente ci svela per la preparazione di un buon sufflé: intanto il maestro avvisa che gli albumi non vanno montati fino a farli diventare eccessivamente sodi; meglio se li si lascia cremosi, per farli sviluppare di più durante la cottura, aumentando il volume della preparazione. Poi per cuocerli le forme devono essere introdotte in forno già caldo e se la cottura è al vapore anche la temperatura dell'acqua deve essere calda. Dice per ultimo che si può anche cambiare, preparandoli, il tipo di frutta da usare a seconda della propria fantasia, ma bisogna rispettare rigidamente le proporzioni. Ora partiamo con la realizzazione del soufflè
Per 4 persone:

  • 180 gr di cioccolato fondente
  • 20 gr di cacao in polvere
  • 30 gr di burro
  • 2 tuorli
  • 5 albumi
  • 50 gr di zucchero
  • burro e zucchero per gli stampi

Cottura della pera

  • 1 pera
  • 20 gr di burro
  • 50 gr di liquore Williams

Sciogliete a bagno maria il cioccolato e il burro, poi a fuoco spento incorporate i tuorli e il cacao in polvere.
Tagliate la pera a dadolini, saltatela in padella con il burro (non troppo, non deve disfarsi) e spruzzatela con 20 gr di Williams.
Unite la pera al composto e per ultimi incorporate gli albumi montati a neve con lo zucchero. Versate il composto negli stampi imburrati e zuccherati riempiendoli fino a 3/4 e cuoceteli in forno a bagnomaria per 20 minuti a 180°.
Quando sono pronti, mettete i soufflé al centro dei piatti, spruzzate con 30 gr di Williams (questo passaggio , se avete bimbi potete anche saltarlo.... e perfetto anche senza) e servite subito. Qui la ricetta suggeriva l'utilizzo di qualche fogliolina di menta per la decorazione.... io invece ho accompagnato il soufflè con una crema pasticcera leggera per "correggere" il gusto lievemente amaro del cioccolato fondente (quello che manda in visibilio i suoi estimatori) e rendere così più morbido il sapore... Giuro, è squisito comunque!

Buon appetito

SOUFFLè 016

Daniela
CHOCOLATE AND PEAR SOUFFLE' (E. KNAM)

so easy and so chic!
First of all let me tell you a couple of secrets that the teacher Knam kindly reveals for the preparation of a good Suffle:
1. whites should not be biten until they become too firm, better if you let them creamy, and they develop more during cooking, increasing the volume of the preparation.
2. The little baking dishes should be introduced in a preheated oven and if cooking is to bain marie also the water temperature must be warm.
3. You can also change the fruit to use, depending on your imagination.
Ingredients:
• 6 oz of dark chocolate
• 1.5 tbsp of cocoa powder
• 2 tbsp of unsalted butter
• 2 yolks
• 5 egg whites
• ¼ cup of granulated sugar
• butter and sugar for molds
for pear Cooking
• 1 pear
• 1.4 tbs of unsalted butter
• 1.5 fl. oz. of Williams liquor
Melt butter in a sauce pot over low heat , Stir in chocolate and stir constantly until it's melted. Remove from heat and add cocoa powder. One at a time, add the egg yolks while whisking constantly. Cut the pear into small cubes, cook it in a pan with butter and sprinkle it with 1.5 fl oz of Williams liquor.
Add the pear to the mixture and then incorporate the egg whites beaten into a snow (or neige) with sugar very gently. Pour the mixture into butter and sugar molds, filling up to ¾, and cook in the oven in bain marie for 20 minutes at 350 F°.
When you are ready, you put the soufflé in the center of the plates, sprinkle with 1.5 fl oz of Williams liquor(you can also "jump"this step if you have kids .... and the soufflé will be perfect even without) and serve immediately.
Here the recipe suggests using a few leaves of mint for decoration .... Well, I accompanied the soufflé with a light pastry cream to "correct" the slightly bitter taste of dark chocolate (the one who sends his fans into raptures) and make it more soft taste ... I swear, it's delicious nonetheless!
Bon appetit
Daniela

20 commenti :

  1. L'abbinamento del cioccolato con le pere è davvero spettacolare ma il soufflè, non so, non mi ha mai attirato...

    Forse perchè mi piacciono le preparazioni da eseguire in anticipo, per sedermi tranquilla e godermi la cena, forse per una sorta di timore riverenziale...

    RispondiElimina
  2. si, anche io non lo avevo mai provato.... però questo nondevi servirlo nello stampo e quindi non si sgonfia granchè.. anzi, premesso che io forse ho sbagliato riempiendo lo stampo meno che per i 3/4 ocnsigliati, devo dire che non si è sgonfiato affatto e l'ho gustato tiepido e non bollente con immenso piacere a fine pasto...Una piacevole novità per me!!!!
    Un bacione e buona notte

    RispondiElimina
  3. Buono, buono, buono e senza glutine, what else?
    io ho incontrato quello che sarebbe diventato mio marito, l'unica sera di tutta la mia vita in cui non mi ero truccata, avevo una mantella fuori moda e gli occhi gonfi dal sonno... ma poi mi ha sposata lo stesso... sarà grave?

    RispondiElimina
  4. Io sono fortunata, davanti a me ho una contadina che esce con le ciabatte ricavate da un vecchio paio di scarpe del marito (naturalmente sono ricchissimi) e nella villa davanti una scrittrice che esce rarissimamente!
    Ma questo dolce è sicuramente mooolto consolatorio!

    RispondiElimina
  5. Questo souffle' e' davvero invitante!!!

    RispondiElimina
  6. -ciao stefi, donna fortunata!!! comunque anche quando ho conosciuto il mio non ero truccata.. però avevo parecchi anni di meno ed ero abbronzatissima!!!! Hihi... bacissimi

    - contadina e scrittrice sono un'accoppiata assai originale e ben poco fastidiosa per il look! hai ragione sei fortunata davvero!

    - Maia è proprio godurioso!!!

    RispondiElimina
  7. Il cioccolato con le pere è un must ed in questa versione, soffice e morbida,...certamente è tutto da provare!!
    complimenti
    un bacione

    RispondiElimina
  8. un bacione anche a voi! a presto e buona domenica

    RispondiElimina
  9. Daniela, se lo tengo da parte per le festivita' natalizie, cosa ne dici?? finisce che poi lo devo assaggiare e per me l'assaggio ha un solo scopo:finirlo tutto!!!
    ti sapro' dire piu' avanti, il binomio pere e cioccolato è un must!
    E' una bella impresa uscire un attimo da casa tua!!!!
    diana

    RispondiElimina
  10. Ciao Diana!! ho appena apprezzato le tue foto su fb! sarei contentissima se tu utilizzassi una "mia " ricetta per Natale, anzi onorata!! beh in effetti non è un'impresa da poco uscire da invisibile.. ma io me ne faccio una ragione!! ;-)))))

    RispondiElimina
  11. E' vero è sempre così a me succede inevitabilmente con la mia impeccabile cognata che non so come faccia, ma è perfetta dalle scarpe ai capelli anche se si alza alle cinque per andare a cercare i funghi o dopo un viaggio di sei ore...i misteri della vita, ormai mi sono arresa!!! Lasciamo perdere e gustiamoci questa delizia che ci riappacifica con tutto e tutti!!

    RispondiElimina
  12. Ho una sorta di timore reverenziale per tutti i sufflè ma questo pera&cioccolato devo dire che istiga notevolmente...
    Mi lasci come dire pensieroso...per la serie sono in grado?! :-P
    PS
    Per gli uomini, la storia del "peggiore è il modo in cui, uscendo dalla porta di casa..." dovrebbe essere differente ma ultimamente vedo che non è così...mi devo preoccupare!? :-P

    RispondiElimina
  13. - milla lo dicevo io : è un assioma imprescindibile ! salvo poche fortunate siamo tutte soggette a questa inquietante legge!! Però in effetti una consolatina col soufflè di Knam è sempre auspicabile, contro ogni imprevisto un po' deprimente!!! Baci e buona giornata

    - Mario... io penso che fatto seguendo pedissequamente le istruzioni del maestro sia quasi sicuro come risultato... non ne avevo mai fatto uno, perciò se è venuto buono a me, può venire bene a tutti. Non so se il look è perfetto in realtà, ma il sapore non era discutibile! Buona giornata anche a te.... PS... ti ho detto che anche il marito della mia coinquilina è arbiter elegantiarum, perciò marcava male anche per mio marito.... Ma una mattina lo abbiamo visto tornare da una passeggiata in pantaloncini corti , maglietta un po' attillata , scarpe da tennis e tutto spettinato.... e così non ci (o non lo)impressiona più eh eh eh!!

    RispondiElimina
  14. Ok, segnato e con ottimistica previsione vorrei 'affrontarlo' quanto prima. Speriamo bene...
    PS
    Ma se l'"arbiter elegantiarum" leggesse il post?! eheheeh...perchè a volte gli uomini sono più permalosi delle donne in tema di vanità... :-DD

    RispondiElimina
  15. speriamo allora che non sia appassionato di cucina..... terrò nascosto questo mio peccatuccio.... Hi hi

    RispondiElimina
  16. wow che delizia!! complimenti come sempre sei bravissima!

    RispondiElimina
  17. daniela this looks delicious and i like that you made the post available in english too. even though italian sounds great!
    greetings from Mexico!

    RispondiElimina
  18. Thanks, my darling! I'm so happy to read your words! hope to see you soon again. Greetings from Italy too!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...