OverBlog

lunedì 15 marzo 2010

Mississippi Mud/ In the Mood/ Cake ( Canzone per una Micra)

di Alessandra
English Version Below

mississipi mud cake

Soluzione del problema

La variabile impazzita è la Micra. Nel senso che ce la siamo tenuta, ma prima l'abbiamo venduta a mio suocero e poi è tornata a casa. Ora, non cominciate a chiedermi il perchè e il percome, visto che di tutto questo balletto delle macchine sono stata solo una spettatrice, per giunta distratta. E' andata bene così, e tanto basta.
E' ovvio che non pretendo comprensione: vedere la Micra e associarla ad un automobile equivale ad un ripasso istantaneo di tutto S. Agostino, dall'atto di fede in poi. Però, sbarazzarmene a cuor leggero per me non è facile, proprio per niente. Intanto, se c'è un bene di cui non me ne può importar di meno questo è proprio l'automobile. Ricordo che una volta, ad un tizio che mi aveva chiesto che cosa rappresentasse, per me, la macchina, avevo risposto su due piedi "quattro ruote e un tetto". Avrò scombinato i suoi sondaggi, di sicuro, ma tuttora non saprei trovare un altro significato se non quello. Niente di più e niente di meno che un mezzo, giustificato, come è ovvio, dal fine. Siccome, nel mio caso, il fine è quello di scorrazzarmi a destra e a manca nel traffico cittadino, a me ci vuole una macchina piccola, che consumi poco, meglio se borlata ovunque e sufficientemente docile da farsi addomesticare: vale a dire, che sappia restringersi automaticamente, di fronte al cancello dell'ufficio e che si allarghi a dismisura quando esco dal supermercato.
Nello stesso tempo, se c'è un bene di cui mi importa oltre ogni umana comprensione, questa è proprio la Micra. Il che, per una che tendenzialmente butterebbe via tutto, è una inspiegabile eccezione. Il fatto è che io, a questa macchina, sono affezionata, e lo sono pure in un modo profondo e viscerale: è stata la compagna delle mie salite, quando la leva del cambio non si spostava mai dalla prima e, in qualsiasi parte mi abbiano condotto i capricci della vita, ci sono andata con lei. Ed ora che il cambio funziona come tutti gli altri - dalla prima alla quinta, con un po' di retromarce- a metterla in un angolo non ci penso nemmeno. Se ne torna a stare in questa via di macchine scic, con i suoi borli e i calci nel paraurti e io che ogni tanto la veglio dal poggiolo. Non sia mai che il camion della rumenta se la porti via...


MISSISSIPPI MUD CAKE
"TORTA DI FANGO DEL MISSISSIPPI"

mississipi mud cake

A dispetto del nome (mud significa fango), questa è una delle torte più goduriose che ci siano: per mia figlia, è l'anticamera del Paradiso e non deve aver sbagliato di molto il giudizio, visto che il mio capo, l'altro giorno, ci si è quasi strozzato, da tanto si ingozzava. Sempre per la solita storia delle medaglie e dei loro rovesci, è una bomba calorica, senza troppi mezzi termini: però, chi scrive è una ferrea sostenitrice del principio per cui, se peccere si deve, tanto vale farlo fino in fondo... E comunque, visto che la ricetta proviene dal forziere della suocera, questa volta prendetevela con lei...

per la base
60 g di cioccolato
60 g di burro
225 g di digestive (o similari)

Tritare finemente i biscotti e amalgamarli al burro e al cioccolato, fusi a bagnomaria. Ricoprire con questo composto il fondo di uno stampo a cerniera ben imburrato e mettere in frigo per almeno mezz'ora

Per la farcitura
180 g di cioccolato fondente (70%)
180 g di burro morbido
4 uova
180 g di zucchero di canna
180 ml di panna fresca

Montare il burro con lo zucchero, aggiungere le uova ad una ad una, poi la panna e, in ultimo, il cioccolato fuso a bagnomaria (o nel micro, è lo stesso)
Versare questo composto nello stampo, sopra la base di biscotti indurita, ed infornare a 180 gradi per 40-45 minuti.

Sul fatto di servirla con un ciuffetto di panna montata al fianco, glisso... Però, fidatevi, è una roba sublime...
Buon Appetito
Alessandra

English Version

MISSISSIPPI MUD CAKE

mississipi mud cake


Despite of its name , this is one of the luxuriest cake I've ever eaten: for my daughter, it is the antechamber of heaven, and she has not mistake so much, since my boss gorged, the day after. Also for the same old story of the medals and their setbacks, this cake is a "calorific bomb", without beating about the bush. however, the writer is a hard-and-fast supporter of the principle that, if we can't do without sinnig, we might as well todo it right to the end ... Anyway, since the recipe comes from the chest of the mother-in-law, this time get angry with her...
for the crust
60 g chocolate
60 g butter
225 g of digestive (or similar)

Finely chop the biscuits and mix them with butter and chocolate, melted in water bath. Cover with this mixture the bottom of a well buttered spring form and refrigerate for at least half an hour

For the filling
180 g dark chocolate (70%)
180 g soft butter
4 eggs
180 g of sugar cane
180 ml fresh cream

Whip butter with sugar, add eggs one by one, then the cream and, finally, the melted chocolate in a water bath (or micro, it is the same)
Pour this mixture into the mold, above the base of biscuits, and bake at 180 degrees for 40-45 minutes.
You should serve it with a sprig of whipped cream alongside,but I disclaim all responsibility about it... But, trust me, is a sublime stuff .

36 commenti :

  1. io ti capisco.Quando Luca ha distrutto la mia auto, ero arrabbiata perchè mi sono resa conto che cmq è un'auto di 10 anni e prima o poi la dovrò lasciare..ma è la mia prima machina, ci sono i miei primi gibolli sopra (e anche i secondi, i terzi...) ci sono le prime vacanze nei suoi km...no no...quando non la potrò più usare la tengo in giardino!:DDD

    RispondiElimina
  2. Che goduria , ho gia le bave alla bocca!

    RispondiElimina
  3. Non stento a crederlo, che sia sublime!! E comunque, sono perfettamente d'accordo con la tua idea di trasgressione fino in fondo! :D
    buona giornata
    Valeria

    RispondiElimina
  4. Una fetta di Mud-Cake come minimo l'ho vinta visto che ho indovinato circa la micra!
    Lo sapevo :) In realtà pensavo ad un premio per il coniglio rientrato ma adesso ho la certezza che non farà mai più ritorno in quel di Genova :P
    Guardando questo Golem di cioccolato non posso far altro che inchinarmi a ciò che so mi darebbe dipendenza. Copio&Incollo in attesa che le condizioni fisiche mi permettano di sopportare un nuovo tunnel di golosità dal quale uscire a pezzi, CONTENTO, ma inesorabilmente da recuperare! ahahahhahaa

    RispondiElimina
  5. anche io la penso come te... se deve essere una torta che sia una signora torta!!!
    L'enigma era impossibile da risolvere.... daiii!!!

    RispondiElimina
  6. è la prima volta che sono così attirata ed affascinata dal fango!!! riesco a capire tua figlia...

    RispondiElimina
  7. Oh wow... capito oggi qui per la prima volta ma questa torta mi ha già rapita, dovrò tornare spesso!
    Queste cose cioccolatose mi conquistano! :)
    Complimenti :D

    RispondiElimina
  8. E' un dolce che abbiamo visto spesso e ci ha sempre incuriosito! di certo è golossissimo!!
    un bacione

    RispondiElimina
  9. Devo proprio ammettere che il nome non aiuta ma provvederò a ribattezzare questa delizia.

    RispondiElimina
  10. oh che tentazione questa mattina - e non ho ancora mangiato colazione!

    RispondiElimina
  11. Certo che mi mancava l'intervento della Signora Suocera, perchè cioccolato non ce n'era ancora abbastanza su questo Blog.....vuoi mettere?! Evviva la Micra, quando vai con lei ormai, non hai problemi, una striscia in piu' o una in meno....vuoi mettere con la mini nuova??????????
    che occhi spalancati devi avere......povera!
    diana

    RispondiElimina
  12. La conosco e confermo...assolutamente DIVINA!!!
    Buona settimana,Roby

    RispondiElimina
  13. @ Genny, pensa che avevo pensato di tenermela in garage- in assenza di giardino!!! uguale uguale...

    @ Mary :-)

    @ Valeria: potremmo fondare un club su feisbuk: quelli che hanno il coraggio di peccare sul serio, cosa dici? io contribuisco con la mississipi :-)

    RispondiElimina
  14. @ Mario, quando stamattina ho scaricato il tuo commento al post del "problema" ho detto: "azz, qui mi conoscono troppo bene!!!!" Ti mando una mississipi oppure passi di qui? (mi sa che ti conviene la seconda ipotesi, vista la velocità con cui si spediscono le cose da casa mia.. sono sempre in attesa, grrrrrrrrrrrrrrr)
    Per il coniglio, mi sa che scriveremo un altro libro sui resti: dopo "miserabili resti" e "amabili resti" ci mettiamo "frollabili resti" e completiamo la trilogia :-)
    il golem di cioccolato vale il post

    @ Alem: ok, e tre, per il gruppo su Feisbuk. L'enigma l'ha risolto mario... :-)

    @ Fabiana :-D :-D

    RispondiElimina
  15. @ Jasmine: benvenuta, ti aspettiamo con piacere

    @ manuela e Silvia: è una goduria da paura... poi, però, abbonamento in palestra

    @ Silvia: ribattezza, ribattezza... basta non toccare gli ingredienti!

    @ Linda, hai presente quelli che si mettono a dieta da lunedì?... ecco....:-)

    @ Diana, lascia perdere. Fai conto che abito in una Minilandia, almeno la Micra si distingue! E comunque, finora la usa giulio. Devo prenderla stasera, mi viene già male...

    @ Roby: tu sì che mi capisci!!!!!

    ciao
    ale

    RispondiElimina
  16. Che invidia, non ne posso assaggiare nemmeno una cucchiaiatina. Peccato, fatelo voi per me.deny

    RispondiElimina
  17. Ricordo ancora, con profonda tristezza, il giorno che ho accompagnato la mia panda rossa (4 marce) al rottamatore. Dopo aver assistito alla rimozione delle targhe sono andata via.
    Please, mi passi una fetta di torta? Devo riprendermi ^___^
    Antonia

    RispondiElimina
  18. Concordo con Silvia e propongo di dare alla torta un nome più degno.
    Che ne diresti di scomodare il grande Glenn Miller e di ribattezzare il dolce "In the mood"? (meglio "mood" che "mud", non trovi?)
    Oppure, per restare sul classico, "Magna Voluptate"? (giusto per non banalizzare con un "Gaudium Maximum")
    Avrei anche qualche altro suggerimento, ma siamo in fascia protetta!!!!!!!
    Se si parla di trasgressioni..... il resto vien da sé... e al diavolo le calorie!!!!!!
    Per la Micra, hai tutta la mia comprensione!!!!
    Un abbraccio
    Licia

    RispondiElimina
  19. Peccato, non avevo abbastanza elementi per risolvere il mistero:-D
    Amando tutto quel che ha a che fare con la Louisiana, non posso non amare questa torta.
    E me la copio, perché come hai detto tu, se bisogna peccare, che lo si faccia almeno bene!

    RispondiElimina
  20. @ Deny: IO NEPPURE :-))))) ho ri-ri-ri-ri-preso la dieta e stavolta mi ci sto mettendo d'impegno (da ieri): facciamo così: la mettiamo da parte per tempi migliori, e poi ci facciamo una bella abbuffata, ok?


    @ Gigadea (n'atra zeneize): ci "sbronziamo" di mississipi, cosa dici??? ;-)

    @ Licia: quante volte te l'ho detto che se non ci fossi, bisognerebbe inventarti???? beh, aggiungine un'altra...

    @ Muscaria: chissà come mai, certe filosofie trovano sempre un sacco di seguaci!!!!

    ciao
    ale

    RispondiElimina
  21. cielo, Alessandra,questa la devo proprio fare!
    Ti considero responsabile della mia definitiva trasformazione in paracarro stradale ;)))

    RispondiElimina
  22. ciao ale! ho appena finito di fare questa splendida torta...o meglio, la tua è splendida! la mia...chissà????per adesso riposa nello stampo,appena uscita dal forno...ma arriverà il momento di sformarla..e allora? mi chiedevo, dalla foto sembra che la base di biscotto debba finire all'insù..è così?devo sformarla capovolta?
    siccome la servo stasera per un compleanno, non vorrei fare pasticci inopportuni!
    incrocio le dita per una tua risposta salvifica
    grazie, soprattutto per la Porca Ricetta :)
    un bacio

    RispondiElimina
  23. serafina, scusami, sono arrivata solo adesso. no, non capovolta: è la torta che, in cottura, fa proprio così.... oh, santo cielo, come mi dispiace...
    straincrocio le dita- e fammi sapere,
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  24. la torta è stata un successone...non era nemmeno lontanamente bella come la tua ma aveva un sapore e un profumo da svenire!
    missione compiuta! :)
    un bacio

    RispondiElimina
  25. meno male!!!!!! e bravissima!
    ale

    RispondiElimina
  26. vorrei fare questa torta,ma ho cose da chederti,la prima è il diametro della teglia e la seconda è se la torta si gira al contrario,grazie anticipatamente per la risposta!

    RispondiElimina
  27. la torta non si gira al contrario. la base di biscotti rimane sotto. Appena fuori dal forno, avrà la superficie crepata e si affloscerà un po' al centro: lasciala raffreddare e poi vedrai che diventerà uguale a quella della foto: uno stato più solido sopra e uno morbidissimo dentro. Esattamente ocme il fango. Teglia piccola- 20 max 22 cm. Non ti preoccupare per le dmensioni, perchè basta comodamente per 8 persone
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  28. m'ho fatta di recente e la rifaro' presto,confermo ke è....paradisiaca!

    RispondiElimina
  29. Ciao e complimenti! fantastico blog! domanda facile e forse scontata..la panna non va montata vero?
    grazie! bacio
    Antonia

    RispondiElimina
  30. No. La incorpori liquida e poi inforni.
    Grazie per i complimenti- e facci sapere come è andata, se la provi
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  31. Ok! la provo la settimana prossima, per una cena speciale. Ho aperto da poco un piccolo blog senza pretese, per cui appena la posto, la linko a te e cosí la vedi!
    grazie, sto navigando tra le tue meravigliose pagine di colori, viaggi e delicatezze e sono entusiasta!bacione da Palma de Mallorca
    Antonia

    RispondiElimina
  32. a me non è venutaa così, è molto più scura e poco dolce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che percentuale di cacao hai usato? perchè di zucchero ce n'è...

      Elimina
  33. Ho provato a farla. Cotta in tortiera da 26 cm. perchè mi sembrava una marea la farcitura. Ho usato uova grandi (acquistate per errore). Da cotta però è più bassa della tua, Alessandra. Nonostante sia rimasta in forno a 180° per 45 minuti l'interno è molto bagnato (rispetto alla foto della tua fetta).
    Io la trovo troppo dolce: probabilmente dipende anche dal tipo di cioccolato. Se riduco lo zucchero di canna?
    Domani penso di rifarla per le mie colleghe. Aspetto consigli. Grazie. Gigliola

    RispondiElimina
  34. Da cotta è più bassa perchè hai usato una tortiera più grande.
    e questa è la risposta facile :-)
    Per quanto riguarda la cottura, rimane umida. Non bagnata, ma umida. Ma se la lasci raffreddare si compatta bene. Semmai prova a lasciarla un po' di più, con la superficie coperta da un foglio di alluminio

    Per quanto riguarda il troppo dolce, rido, perchè più sopra c'è un commento che dice che l'ha trovata troppo amara :-)
    ascolta: puoi variare le percentuali di zucchero, se vuoi, perchè la consistenza la danno le uova. Ma qui fa tanto la qualità del cioccolato. Se usi un buon 70% non dovrebbero esserci problemi
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cioccolato al 70% mi era sfuggito. Inoltre sono andata a verificare e ho usato il cioccoblocco, ma è al 43%. Accidenti a me! Devo stare più attenta quando faccio acquisti.
      Grazie mille, Alessandra.
      Ciao.
      Gigliola.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...