OverBlog

martedì 14 dicembre 2010

Ho sposato un ingegnere (parte seconda)- e i canestrelli genovesi ma non troppo

di Alessandra
English Version Below

canestrelli

Come preannunciato nella prima puntata (a proposito: grazie per le manifestazioni di solidarietà: è da una settimana che mi sento meno sola. Roba che non so ancora se fondare un gruppo su Fb o prenotare un treno per Lourdes). E ho già divagato...
Dicevo, come preannunciato nella prima puntata, oggi parliamo di coperchi. Che dei tappi sono la naturale evoluzione e che, in una parallela traduzione metaforica, costituiscono il passo successivo 
Ad essere onesti, su questo punto devo parzialmente fare ammenda perchè, per ragioni che ancora mi sfuggono, io perdo tutti i coperchi dei contenitori di plastica. Quelli per conservare gli avanzi, per capirci. O meglio: a volte perdo i coperchi, a volte perdo le vaschette perchè, ve l'ho detto, se faccio le stesse cose finisce che mi annoio, anche negli errori. Per cui, ogni volta che avanza qualcosa, in casa nostra è un dramma, perchè se mai si trova il contenitore adatto, dieci a uno che il suo coperchio non c'è. In più, per il principio della Spes Ultima Dea, non butto via niente, anzi: me ne guardo bene. Impilo, incastro e ammasso in tutti gli angoli vuoti della cucina fino a quando, colta da una botta di compassione (di solito, quando mi cadono tutti in testa, quando apro un'anta qualsiasi), organizzo un affollatissimo speed date, sperado che, con tutta 'sta abbondanza, almeno una coppia possa riunirsi, almeno per un po'. 
Epperò, in casa mia, il problema non è tanto questo, quanto l'uso che si fa dei coperchi in genere- e di quelli dei barattoli, in particolare. 
Secondo mio marito, ogni pentola dovrebbe avere il suo coperchio. 
Secondo me, basta che un coperchio copra la pentola, ed è il suo. Al massimo, posso indulgere a qualche concessione estetica (l'ultima follia, in fatto di acquisti, è stata una serie di casseruoline viola), ma di norma afferro il primo coperchio che trovo e, se si adatta al diametro di quello che deve coprire, va bene. 
O meglio: va bene, finchè l'ingegnere non entra in cucina. 
Perchè allora li cambia- se va bene- oppure li sposta. 
Il che, per me, equvale a una tragedia. 
Immaginate di dover cucinare di corsa, per i numeri a cui siamo abituati noi, quando apriamo casa agli amici, con 4 o 5 fornelli occupati- e una mappa mentale che dice che sotto il coperchio grigio con la maniglia blu c'è la bisque di astice (arancione)  e sotto quello grigio con la maniglia gialla c'è la crema di zucca (che quel giorno lì ti è venuta dello stesso arancione della bisque). Il marito entra e, tempo tre secondi, innesca il gioco delle tre tavolette versione coperchi, magari anche senza dirtelo, perchè quando il DNA chiama, l'impulso risponde. Se sei vigile, lo blocchi o quanto meno registri i movimenti; altrimenti, prepatevi al peggio, dalle zuppe in crisi di identità in giù.
Ma il problema più grosso, per noi, riguarda i barattoli. Che in casa nostra sono questi qui

DSCF8349

Una bella teoria di barattoli ikea dove tengo gli zuccheri (bianco e di canna), le farine che uso di più e il sale fino. In dieci anni, non mi è mai, dico mai successo una volta di confondere lo zucchero col sale. Mai. E non perchè so dove sia, perchè vi lascio immaginare con che frequenza questi contenitori cambino di posto, ogni giorno: ma perchè lo vedo ad occhio nudo, quan è l'uno e qual è l'altro e, nel dubbio, assaggio. Come farebbe qualsiasi persona dotata di buon senso, mi verrebbe da dire.(e comunque, nella foto, lo zucchero è il secondo. Zucchero di canna- zucchero bianco-farina di kamut- farina di mandorle-sale fino- farina bianca- cannella- zac,zac, zac, quanto ci vuole????).
Ovviamente, mio marito si confonde e attacca tutti i giorni la stessa solfa: devo metterci le etichette, su 'sti cavolo di coperchi.
Due maroni che non vi dico.
Fatto sta che un giorno mi son decisa, ho preso una bella matita con la punta spessa e ho iniziato a scrivere sopra tutti i coperchi il nome del loro contenuto. Dopodichè, li ho sistemati bene, li ho guardati, ho tirato un respiro di soddisfazione e ho iniziato a cucinare tranquilla, che ormai almeno questo problema si era risolto. Solo che, l'altro giorno, mia madre mi ha chiesto dove fosse il sale- e le ho risposto che era dentro il barattolo"quello lì, mamma, non vedi? c'è scritto sopra 'farina di mandorle"...

CANESTRELLI
canestrelli

Dei canestrelli parleremo meglio un'altra volta, perchè intorno a questo biscotto, uno dei pochi dolci della tradizione ligure, girano un sacco di storie carine, che vale la pena di raccontare. Per ora, vi dò la ricetta NON tradizionale, che ha il pregio di mantenersi friabile per più tempo e che quindi viene preparata per Natale, insieme agli altri biscotti. D'altronde, la foto non dovrebbe lasciar adito a dubbi di nessun tipo.....

3 hg di farina
3 hg di burro (scendo a 270-250)
100 g di zucchero
1 tuorlo d'uovo
la scorza grattugiata di mezzo limone

Il principio è quello della frolla, anche se si parte da un burro leggermente più morbido: si lavorano velocemente tutti gli ingredienti e poi si lascia riposare l'impasto per una o due ore, nel frigo. Si stende la pasta allo spessore di un cm circa e, con l'apposito taglia biscotti, si formano i canestrelli, rimpastando i ritagli fino ad esaurimento (della pasta e/o della cuoca, vince chi arriva prima)
(quelli in foto, sono stati spennellati col tuorlo d'uovo ma la ricetta originale non lo prevede: è che quando si producono biscotti per un reggimento, si tende a far fuori tutti gli ingredienti che avanzano dalle preparazioni precedenti: io avevo due tuorli praticamente intonsi e non mi andava di buttarli via)
In forno a 160 gradi per 20 minuti, controllando che non prendano colore. E' fondamentale che vengano sfornati chiari
Lasciateli raffreddare sulla piastra, poi cospargeteli con abbondante zucchero a velo.
si conservano per due settimane, in una scatola di latta
ciao
ale

English Version
300 g of flour300 g  of butter (I go down to 270-250)100 g sugar1 egg yolkgrated rind of half a lemon
 

Work on the assumption that it's a shortbread, even if we use a slightly softer butter:  it means that all the ingredients must be kneaded quickly and  that  the dough  must  rest for one or two hours in the fridge. So, knead together all the ingredients, refrigerate the dough, and later spread it in a rectangular log, 1/2cm, high and with the appropriate cookie cutter cut canestrelli, kneading again the cutouts until exhaustion (of the dough and / or  of the cook, who comes first wins)(The canestrelli in the pictures pictures were brushed with egg yolk, but the original recipe does not provide it: but I was making some other kinds of cookies and I had almost two yolks  and I did not want to throw them away)Bake at 160 degrees for 20 minutes, until firm and just starting to colorCool completely on the baking pan and then sprinkle them with icing sugar
 keep them until  two weeks in a tin box
Bye
Ale




47 commenti :

  1. sono davvero una meraviglia...complimenti!!!

    RispondiElimina
  2. Oddio, sei troppo divertente!!!

    Lo "Speed Date" dei coperchi è mondiale!!!! Ma come ti vengono?!?!?!

    ..e pure "Quando il DNA chiama, l'impulso risponde" :D :D :D

    Questi post rappresentano a perfezione le due categorie (maschi e femmine) in cucina (e non solo in cucina!). Da quando ho letto il primo post non faccio altro che notare tutti i berattoli lasciati aperti dalle mie femmine!!!! ahahahah

    Ma lo sai che proprio ieri ho chiesto a mia figlia (A, quindi femminA) di mettere l'acqua per la pasta e poi trovo sul gas un pentolino-ino con su un mega coperchio!!! ahahahahah (pero' non le ho detto nulla)

    P.S. ma hai cambiato fotografo? :)))

    RispondiElimina
  3. Senti, ma sti mariti ingegneri limandiamo tutti insieme in centro di riabilitazione? Tanto i sintomi, ahimè, sono esattamente gli stessi...:-)

    RispondiElimina
  4. Bellissimi (e sicuramente buonissimi) i biscotti.
    Consolati invece per il marito, il mio non è un ingegnere ma..... rompe lo stesso!
    Quanto allo speed date .... che ne dici di aprire un gruppo su FB dove facciamo *incontrare* tutti i ns. *single barattolosi*? Vuoi che forse, alla fine, uno dei barattoli trova l'anima gemella tra i coperchi single in rete...... = D
    Buona Giornata a te, alla creatura e... (ma sì) anche all'ingegnere!
    Nora

    RispondiElimina
  5. che belli che buoni ma dai scusa tu scrivi post lunghi mica penserai che possa leggerli completamente:D

    RispondiElimina
  6. Sono per il partito della precisione anche io e non perchè abbia coperchi per ogni pentola colorata ma semplicemente perchè quando cucino mi piace la linearità...estetica. La conferma ovviamente la avete dalla certezza del fatto che io no so impiattare, fotografare, abbellire, adornare, comporre...ehehehehehehe
    Detto ciò però non mi sbaglio quasi mai sui barattoli (ecco mò l'ho detta...ho paura anche a bollire la carne adesso...) perchè quando si cucina l'occhio risolve la maggior parte dei dubbi e quindi...
    Insomma me la sono cavata con questo commento?...un colpo alla botte e l'altro al cerchio ehehehhehheehe per essere tornato a commentare dopo una piccola assenza dal web senza fare troppo lo scugnizzo...
    Ottimi i canestrelli mi sono sempre piaciuti anche se non li ho mai comprati...nelle pasticcerie a volte mi sembrano dei pezzi di antiquariato, tipo bomboniere in ceramica di Capodimonte con venature del tempo...insomma ho ripiegato su quelli confezionati...per non dover trovarmi a digerire un pezzo da collezione!!:DD ahahahahahah
    Che dici è il caso che li provo?!...
    La domanda è retorica ma ad un uomo ordinato negheresti mai una risposta affermativa?!...senza chiudere mandandomici off-cours! :DDDD ehehhehhheheh

    RispondiElimina
  7. Ale non mi racconti nulla di nuovo . forse quando ci ha creato ha mescolato il nostro Dna,e cosi siamo,ma di l'ingegnere vuole cambiare posto ai corpi celesti ?????????????

    RispondiElimina
  8. Aleeee ma allora te le cerchi, scambi i coperchi dei barattoli da sola:D sei troppo forte!
    Anche io vorrei sapere se hai cambiato fotografo, complimenti, veramente belle foto!!!
    E per i canestrelli ci credi se ti dico che li avevo già inseriti nei biscotti da fare, per mettere nel mio cesto di Natale? Non mi sembrava un biscotto Natalizio ma ora ho il benestare di una Genovese DOC!
    Deborah

    RispondiElimina
  9. Il bello di aver sposato in seconda battuta uno scienziato politico è che in cucina entra ma non si azzarda ad aprire un cassetto/armadietto/cassettone. Cucina ma si limita ad ululare DOVE E' il/la....?

    In compenso vuole i barattolini portaspezie tutti uguali. Siamo tornati a casa dagli USA con 12 barattolini portaspezie in vetro di Crate&Barrel, sui quali avrebbe dovuto scrivere lui su una bella etichetta con la stilografica verde il contenuto.
    Ora i 12 barattolini hanno pezzi di scotch bianco con scritto con pennarello il contenuto. Sto ancora aspettando (5 anni) che mi faccia le etichette.

    Il contenuto si scrive sul barattolo, non sul coperchio
    Odio i coperchi, non so mai dove infilarli quindi ne ho solo 6 di varie misure che uso pochissimo.

    Quando vengo voglio anche i canestrelli da portare a casa, non ho gli stampini ;-)

    RispondiElimina
  10. Ahahahaha!Magnificoil tuo racconto di vita quotidiana! Anche per me che sono una disordinata cronica un coperchio vale l'altro e addirittura non faccio nemmeno troppo caso alle dimensioni:ti lascio immaginare!
    Per i barattoli ho risolto con quelli trasparenti con scritto sopra su ogni angolo a lettere cubitali il contenuto...potrei fare disastri altrimenti!

    RispondiElimina
  11. ... allora io mi sono ingegnerizzata... in compenso Dora riesce a mettere la farina di riso impalpabile nel barattolo dello zucchero a velo dove però non ha tolto l'etichetta... MA PERCHE' NON TOGLIE ALMENO L'ETICHETTA????? Capito perché ho la glicemia alta??????

    RispondiElimina
  12. fantastiche queste cronache da casa gennaro! e fantastici anche i canestrelli, of course. da noi lo scenario è esattamente il contrario: per me guai se il coperchio non è esattamente quello della relativa pentola, mentre per il marito... ma serve proprio 'sto coperchio?? sarà che io sono tedesca e lui non è ingegnere!
    ;-)

    RispondiElimina
  13. QUID VERBIs? direbbero quelli-che-ne-sanno-di-Latino... Sconsolata conmpartecipe delle tue vicissitudini coniugali in cucina, rispetto a te ho un asso nella manica: HO DA TEMPO IMPEDITO L INGRESSO IN CUCINA all ingegner mio marito,che - dopo qualche giorno di orecchie basse, sguardo da cocker E aria mesta - si è rinfrancato non appena ha capito che il rancio non sarebe MAI venuto meno, nonostante la sua augusta assenza dal sacro luogo. Il che - per dirla col mio amato Guareschi, è bello e istruttivo.

    RispondiElimina
  14. Alessandra, sei la migliore! Leggo i tuoi post e sorrido.... riesci a rendere divertente qualsiasi cosa. Le zuppe in crisi d'identita' mi fanno morire...ahahahah Mitica.
    Un abbraccio solidale! :-)
    Paola

    PS. prenoto un posto sul treno per lourdes eventualmente!

    RispondiElimina
  15. Tu non sai quanto ti capisco... dato che esporto (in giro) e importo (da mammà) molto, ho un numero folle di contenitori. E uno scatolone enorme di pezzi che non si accoppiano! Ma com'è possibile? Mi rifiuto di buttarli, NON POSSONO essere spariti nel nulla. Per i contenitori scomparsi ho una teoria: sono in qualche non-luogo ricolmi di calzini spaiati (quelli che non ritrovo più)... ma i coperchi? Di che si occupano? ... mah!
    Belli i canestrelli: domani sera so cosa fare!
    Meiying

    RispondiElimina
  16. I casi sono due: o noi donne siamo tutte così, e penso sia la teoria dello zio piero, oppure ci somigliamo tantissimo!!
    I canestrelli sono i biscotti preferiti di mia figlia, quindi potrei iniziare la produzione e smettere di comprare quelli low cost del super che non sono poi così entusiasmanti... Bacioni e a presto con un'altra puntata!

    RispondiElimina
  17. Spassosa la scena del marito che cambia i coperchi delle pentole, un riflesso condizionato impossibile da togliere! :-D

    Spassosa anche la storia dei barattoli sulla mensola, coi coperchi scambiati... ma una domanda: quanta cannella hai, per riempire un barattolo di quelle dimensioni? O_O
    Tu a Nigella Lawson le fai un baffo, le fai...

    RispondiElimina
  18. la mia prof di lettere del liceo sosteneva che gli uomini servono solo a svitare i coperchi duri dai barattoli. Capisci che essere investiti da verità così profonde in età adolescenziale porta poi evidenti conseguenze...
    Chissà che avrebbe risposto ad una domanda sugli ingegneri...

    RispondiElimina
  19. Il problema dei barattoli Ikea! Io l'ho scansato, usandoli solo per la pasta...così non corro strani rischi...sono distrattissima mi conosco!
    Grazie per i canestrelli invece...sto cercando giusto dei biscotti da confezionare un po' in anticipo..ci proverò!
    Un saluto
    Claudia

    RispondiElimina
  20. Sei fortissima!
    A casa mia la lotta sta nel fatto che mio marito si ostina a mettere il coperchio sulla pentola della pasta mentre cuce per fare poi fuoriuscire tutta l'acqua con l'amido che si attacca ai fornelli, lui dice che si cuoce prima e che poi pulisce lui, mai fatto!
    Buonissimi anche i biscottini!

    RispondiElimina
  21. Ciao! quanto ci piacciono questi biscotti: burrosi e friabili al punto giusto! chissà come son venuti ottimi fatti in casa!! un bel regalo per natale ;)
    baci baci

    RispondiElimina
  22. Sei una forza della natura.....grandeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  23. mi sono divertita tantissimo a leggere questa tua esperienza quotidiana!
    A casa mia non perdiamo i coperchi dei barattolini, ma i calzini!
    Ho un cane che li ruba regolarmente e li sparpaglia per la casa...il fatto è che scompaiono misteriosamente e la lista dei desaparecidos si allunga! eheheh!

    RispondiElimina
  24. ecco chi è!sono i mariti!
    credevo di avere strani folletti in cucina che spostano cose,cambiano posti,rivoluzionano tutto...
    invece era semplicemente la mia dolce metà!
    valli a capire!
    Al mio,quando si ostina ,finisce male per lui!...gli cedo lo scettro(mestolo) sfodero un bel sorriso e dico "visto che sei più bravo finisci tu,io vado a farmi una bella doccia, gli ospiti arrivano tra un ora...ah,nel frattempo devi finire di apparecchiare..."
    ultimamente sembra aver capito la lezione...chissà perchè lo trovo un tantino sfuggente....

    RispondiElimina
  25. ... ma c'è davvero un gruppo su fb che prende in giro che sconsiglia di sposare un ingegnere? mi dite come trovarlo che lo segnalo ad un'amica? :)
    Grazie.
    Lisetta

    RispondiElimina
  26. Notavo anch'io come Mapi la quantità industriale di cannella... :D :D :D rido, stasera farò vedere i tuoi barattoli all'uomomedievale, chissà se la pianterà di rompere sul contenuto, tutto sommato, quasi modesto dei miei scaffali!
    Ale ti confermo che starei a leggerti intere giornate!
    baci

    RispondiElimina
  27. Raffy: questi sono ottimi, ma la ricette del canestrelletto di torriglia è ancora più buona. Stay tuned, che in questi giorni li preparo e poi con calma posto tutto

    Piero, rido- anche per il fotografo e ti spiego. Dunque, se mai avesse vinto il contest del'araba, giuro GIURO che lo avrei licenziato in tronco e che sarebbe stata la volta in cui mi sarei messa d'impegno con obiettivi luci etc. Quindi, il fotografo è ancora lui. Però, chi corregge- e fa danni- sono io. Quindi, dello schifo di cui sopra sono la sola responsabile. Appena ho un secondo, provo a renderla più umana: così, sembra la colazione all'obitorio, in effetti :-))))))

    Stefania: sicuro. Confido in sconto comitiva, da spendere in qualche spa, a ritemprarci dalle fatiche del matrimonio, Cosa ne dici??? :-)

    RispondiElimina
  28. Nora, ci sto. Penso che si estenderà anche ai calzini, percè da quello che ho letto vanno accoppiati pure quelli, ma io sono prontissima. E ho merce in abbondanza, ovviamente....

    Genny: PPPPPPRRRRRRRRRRRRRRoPPPPPPPRRRRRRRRRRio ragggione, ci hai :-)

    Mario, apprezzo lo sforzo, ma ormai che so che sei "dei loro"- e pure un pezzo da novanta, non ci sono giustificazioni che tengano. Solo novene per la Signora Gambetta. In compenso, il canestrello d'antiquariato è meglio della Luisona (te la ricordi, la bioche di bar sport????)

    RispondiElimina
  29. Simonetta, mi sa che hai ragione. Ma l'essere ingegnere è un valore aggiunto, mettiamola così. E noi mogli di ingegneri, ne faremmo a meno ;-)

    Silvia, io non vedo l'ora che tu venga. Così ti faccio vedere i barattolini porta spezie- ventidue- tutti uguali e tutti senza etichetta. E se stai brava, ti apro anche le potre della dispensa....:-)))

    Marjlou: i coperchi trasparenti sono un'idea. Considerato che li scambierei comunque :-) almeno vedo il contenuto!

    RispondiElimina
  30. Stefania, ridoooo!!! Dora mi batte, accipicchia se mi batte! La voglio qui, subito!!!

    Cri, ma con te non vale! Una moglie krukka è il sogno di ogni ingegnere, secondo me!

    Emmetì, ma anch'io gliel'ho impedito. Il problema è che ogni tanto entra a forza :-)))))

    RispondiElimina
  31. Paola, ci ho ripensato: andiamo a Saint Tropez, che è meglio :-)

    Meying, il non luogo dei calzini accucciati dentro i contenitori spaiati mi piace da morire. tipo le monadi di Leibniz, hai presente??? olezzano sopra di noi :-)

    Lucia, lo Zio Piero ha sempre ragione :-) :-)
    i canestrelli del super sono un abominio. Se provi questi, non li compri più. Unico consiglio. Falli in quantità industriale, perchè se ne mangiano a vagonate :-)

    RispondiElimina
  32. Mapi, ne avevo molta di più. E' stato uno dei tanti colpi bassi della Metro, per cui ogni tot torno con 5 kg di zucchero a velo, 4 kg di zucchero di canna- quella volta lì era toccato alla cannella, pacco da un kg. Ora sono sommersa di semi di papavero e di zenzero, per esempio... meno male che nel mio disordine ho perso la confezione con sopra la data di scadenza ;-)

    Acquaviva: capisco. e giro la domanda: perchè non ce l'ho avuta io, la tua prof??? :-))))

    Claudia, io la pasta la tengo nelle sue confezioni, perchè, secondo me, posso tenere d'occhio la data di scadenza. In teoria. In pratica, ad ogni estate, ne butto via metà, invasa dalle farfalline :-)

    RispondiElimina
  33. Gloria, miiiiiiiii, ma è un mito!!!! Un genio! Questo batte tutti! E- non c'entra niente, ma lo dico lo stesso: ma quanto mi piace avere il blog!!! Altrimenti, come avremmo fatto a trovarci tutte?

    Manuela E Silvia: concordo, sono proprio buoni

    Francesca :-D :-D :-D

    Eli, sei in buona compagnia anche qui, con i calzini. e mi sa che se mai ci decidessimo a parlarne :-) ne verrebbero fuori delle belle :-)

    Luby, idem: se gli dico fai tu, sparisce. Però, poi torna :-)

    RispondiElimina
  34. Lisetta, non so se è un gruppo. A me è arrivata una mail con un link- tipo aiutiamo le donne a non sposare gli ingegneri. Se fai una ricerca, vedrai che lo trovi

    Ale, se hai bisogno, fotografo
    - l'armadio delle teglie
    - i barattoli delle spezie
    - la dispensa
    - le riviste di cucina
    - i bicchierini/scatoline/cocottine/cucchiaini etc etc.. per un'amica e una giusta causa, questo e altro..
    ti cerco il post dell'inventario delle teglie- l'anno scorso a dicembre- e te lo mando :-)

    ciaooooo

    RispondiElimina
  35. Uhhhhhh quanto ti capisco :)))))))

    RispondiElimina
  36. ahahahah grandissima! a parte lo speed date, la farina di mandorle... divina! ah, e ti auguro di avere taaaaaanta pazienza col tuo ingegnere =)

    RispondiElimina
  37. Ciao sono arrivata da te seguendo il profumo della crostata cocco/limone vista da nadia.
    Complimenti per le tue ricette ne ho già viste un paio da provare.
    Buona serata Letizia

    RispondiElimina
  38. ahahaha, posso incorniciarmi la tua risposta a Lucia?

    :)))))))))))))))

    RispondiElimina
  39. Ale, anch'io avevo il problema delle farfalline nella pasta - anche se non scaduta - ed ho provato con un rimedio della nonna.....
    Ho messo in dispensa (Quella gigantesca della mia nuova casa) dei chiodi di garofano in un sacchettino fatto con i tulle dei confetti (non si butta niente anche a Milano, NON solo a Zena!)
    Sarà un caso non le ho più riviste.
    Credo proprio che tu non abbia problemi a reperire i chiodi di garofano...... e... NO la cannella NON ha lo stesso effetto....pare!
    = D
    Notte
    Nora

    RispondiElimina
  40. E io copio incollo....;D, baci, Flavia

    RispondiElimina
  41. veramente, hai un talento nelle mani e nella penna, mi sono goduta anche la seconda puntata ridendo come e più della prima ;) a me i coperchi vanno bene appena ci stanno, soprattutto quando son "damammà"...coperchi tutti di qua e pentole tutte di là, appena due van bene tra loro mi accontento, ma non manco di domandarmi dove saranno finite le "accoppiate" giuste?. Non sono un ingegnere, no, solo geometra (ahahahah!! mancata ma per poco;))
    E comunque grazie per le tue ricette di biscotti, le ho provate, modificate, gustate.. proverò anche questa, i canestrelli LI ADORO!

    RispondiElimina
  42. Mi sto sganasciando dal ridere, e voglio scolpire su pietra la frase finale! :-DDDDD

    RispondiElimina
  43. La Luisona.....eheheheheh
    Si potrebbe fare un film LuisonaVSAntra la sfida finale ahahahahahaah :DD

    RispondiElimina
  44. Ahahahaha Luisona VS Antra :-DDD

    E Totò contro la Luisona? Potrebbe diventare un classico!

    RispondiElimina
  45. Non potevo perdermi la II puntata per nulla al mondo ...
    Lo scambio dei coperchi delle zuppe arancio con crisi di identità è da paura ..............
    Per fortuna ci sono i canestrelli a rasserenare gli animi :D

    RispondiElimina
  46. Dopo queste ulteriori rivelazioni ho definitivamente recepito il messaggio (nemmeno poi tanto) subliminale che si cela (ma nemmeno poi tanto) dietro i racconti di queste due puntate.
    Se è vero che gli ingegneri si formalizzano per così poco (?!?) un ingegnere NON potrà mai entrare nella mia cucina.... né in nessun altro luogo della mia casa!!!! Anzi, voglio esagerare, estendo lo stesso divieto anche ai geometri...... 'che pure quelli, in quanto a precisione, sono messi bene!!!!!! ;-DDDDDDDD
    I canestrelli??? Attendo, con il fiato sospeso, i referti.... poi magari mi lancio!!!!!!
    Un abbraccio
    Licia

    RispondiElimina
  47. Va bene sposare un ingegnere e sopravvivere, va bene pure volergli bene ed essere ricambiate, ma bisognerebbe inventarsi un modo per non farlo entrare in cucina..........! veramente, a parte rarissme eccezioni, nessun marito di messuna foggia dovrebbe poter entrare in cucina........
    Maria Chiara

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...