OverBlog

martedì 31 maggio 2011

Seville Orange Marmalade Pudding


Seville orange marmalade pudding

...ovvero, il modo migliore per far posto ai nuovi vasetti di marmellata, almeno per quanto riguarda casa nostra: io, infatti, non riesco mai a smaltire le scorte, stagione dopo stagione. Colpa mia, anzitutto, che, pur non preparando quasi mai conserve, non riesco a resistere all'impulso di comprarmene a chili, meglio se di provenienza straniera. Non c'è parte del mondo da cui non sia tornata con qualche vasetto, preferibilmente di frutti locali, preferibilmente di roba mischiata con liquori, spezie ed altri frutti. Il tutto, ovviamente, comprato alla svendita del tre x due del mercatino del quartiere o per gentile omaggio del produttore, dopo che gli ho svaligiato la fattoria, perchè, si sa, io son nata per dare un senso ai sacrifici di mio padre e ai guadagni di mio marito. E quindi, di fronte ad una spesa che implica un risparmio, so resistere ancora meno del solito. 
E poi ci sono le marmellate di mia suocera, quelle di mia mamma - queste sì, fatte rigorosamente in casa e con prodotti a km zero, per cui è un delitto non farsele regalare ogni volta. Per non parlare delle conserve che preparano le mie amiche, una più buona dell'altra, anche lì con prodotti locali- e vuoi mettere, i limoni della Sicilia, confronto a quelli che mi tocca comprar qua?
E così, mi ritrovo con gli scaffali della dispensa pieni zeppi di barattolini, molti dei quali senza etichetta, quasi tutti senza data e tutti- dicasi tutti- accomunati dalla stessa sorte, che li vuole rigorosamente intonsi. 
Perchè qui, a fronte di questi acquisti compulsivi, non andiamo d'accordo con la frutta. Da parte mia, non posso mangiare quasi niente, vista un'allergia trasversale che mi priva di mele, pere, arachidi, pesche, prugne, ananas, albicocche e, qualche volta, anche ciliegie. Al marito non piace, la figlia è monotematica e si scofana intere cassette di un frutto per tipo (di solito, fragole, albicocche e lamponi)- ma nel barattolo, proprio no. 
L'unica eccezione sono le marmellate di agrumi: per quelle, sono capace di tutto, anche di una maratona gastronomica che va dalla colazione del mattino allo spuntino di mezzanotte: arance, limoni, mandarini, pompelmi di tutti i colori, nulla mi può sfuggire. E quando vedo che proprio nun ja fo' cchiù, le metto in questa torta, che è quanto di più "casalingamente sublime" si possa immaginare.
SEVILLE ORANGE MARMALADE PUDDING
da The Great British Book of Baking

 Seville orange marmalade pudding

La fonte della ricetta è quel meraviglioso libro sui prodotti da forno britannici di cui vi avevo parlato tempo fa e che fra poco entrerà di diritto nello Strabooks, viste le meraviglie che contiene. Neanche a dirlo, si tratta di una torta ben nota a casa mia, visto che anche mia madre la preparava, più prosaicamente con tutti i fondi dei barattoli di marmellata che trovava in giro. Io, che sono una purista, sacrifico la Seville Orange Marmalade, benedicendo ogni volta il "senso degli affari" che accomuna noi genovesi agli scozzesi, visto che se non fosse stato per quello, col cavolo che sarebbe stata inventata una meraviglia del genere. La storia vuole, infatti, che un fruttivendolo di Dundee avesse comprato un intero carico di arance, visto il buon prezzo a cui venivano vendute. Arrivato a casa, però, si accorse -proh dolor!- che erano tutte amare e quindi invendibili:  al solito, mentre il marito era intento a strapparsi i capelli, arrivò la moglie che mise tutto in un pentolone, pensando di fare una comune jam. Ne nacque invece la Marmalade (che si scrive così, ma si pronuncia MARMALADE, tutto maiuscolo) , con somma felicità di tutti: del signor Keiller, ovviamente, che da lì fondò un impero che prospera ancor oggi, e di tutti gli amanti delle cose buone dal mondo, fra cui questa marmellata occupa un posto speciale.
Potete trovare un'altra versione- iralndese, questa volta- dalla Edith Pilaff, : rispetto a questa è diversa nel procedimento (lì, la marmellata va prevalentemente dentro l'impasto, a parte un niente che serve per glassare la torta), ma è ugualmente buona e ugualmente utile a smaltire le scorte. 
E ora, eccovi la ricetta

Ingredienti
100 g di burro a temperatura ambiente
100 g di zucchero
la scorza grattugiata di un arancio medio, non trattato
2 uova medie, leggermente sbattute
125 g di farina autolievitante
2 cucchiai di succo d'arancia fresco
3 cucchiai pieni di marmallata d'arance di ottima qualità

Accendere il forno a 180°. 
imburrare bene uno stampo di 20-22 cm di diametro
Con le fruste elettriche, montare bene il burro, lo zucchero e le bucce d'arancia, fino ad ottenere un composto soffice e spumoso. Aggiungere le uova a poco a poco, sbattendo bene ogni volta. Setacciare la farina e aggiungerla poco per volta al composto, alternandola col succo di arancia, incorporando il tutto aiutandovi con un cucchiaio.
Scaldare la marmellata, fin quasi a farla sciogliere e versarla sul fondo dello stampo. Con il dorso di un cucchiaio, spatolarla bene in modo da non lasciare nessuno spazio libero sul fondo. 
Sopra lo strato di marmellata, versare il composto della torta e far cuocere per 35 minuti circa, facendo la solita prova stecchino. Sfornare e lasciar raffreddare per 5 minuti: passare la lama di un coltello intorno ai bordi, in modo da staccare la torta dallo stampo e rovesciarla direttamente sul piatto di portata. 
Otterrete l'effetto che potete vedere in foto: un doppio strato, il primo di marmellata, il secondo di impasto base. Trattandosi di una marmellata di arance, il contrasto non è nettissimo, ma nulla vi vieta di utilizzare un'altra conserva, magari di fragole o di mirtilli, per accentuare la separazione fra gli strati. Resta unica e incredibile a descriversi la morbidezza finale.

Seville orange marmalade pudding 

Note mie
Per quanto riguarda gli ingredienti, la ricetta originale prevede il custer sugar che è uno zucchero più fine del nostro comune zucchero semolato. E' tipico delle preparazioni dove bisogna che lo zucchero si sciolga a freddo, come per esempio quando si tratta di montarlo con le uova e lo zucchero e quindi si preferisce questo tipo, perchè si fa leggermente prima. Personalmente, non lo sostituisco con lo zucchero a velo perchè il segreto perchè la ricetta riesca è il tempo che si perde a montare il composto: più è soffice e meglio riesce: di solito, mi regolo proprio con i granelli di zucchero: finchè "li sento" sotto le fruste, significa che non si sono ancora sciolti. 

La farina indicata nella ricetta è un'autolievitante: se non l'avete, per queste dosi basta un cucchiaino di lievito per dolci, meglio se pieno. 

Il succo d'arancia si intende fresco, cioè spremuto dall'arancia. 

Se i tre cucchiai di marmellata vi sembrano pochi, potete aggiungerne un altro, senza problemi. 

Come dicevo, tutto il segreto del dolce sta nel montarlo tanto. Se avete un kenwood, usate quello, così non fate fatica. Calcolate almeno una decina di minuti in tutto, ma se fate un quarto d'ora è anche meglio

Cottura: 180 gradi per un forno statico ( nel mio forno, ci son voluti 35 minuti); 170 per un forno ventilato, abbassando a 25  i minuti di cottura. Per quanto riguarda la prova stecchino, ricordatevi che questo deve uscire umido dalla torta, non asciutto. Lessenziale è che non rimangano grumi di impasto attaccati. Ma appena è umido, spegnete e sfornate

Perfetta per la colazione e per il tè
Buona giornata
Ale

57 commenti :

  1. mmm, ho una marmellata di arance amare che ancora non mi ispirava molto...forse così so cosa farci ^_^

    Buona giornata ragazze!

    RispondiElimina
  2. Questa mi piace come non mai!
    Anche io adoro gli agrumi e questa torta mi sa che fa realmente per me! Acidulo in superficie...fondamentalmente un fesso sotto :P
    Ecco e che non si dica che nn ti porgo su un piatto d'argento mazzate&battute?! :P ahahahahahaha
    PS
    Avrai presto mie notizie in merito e non so se è un bene per te! :P ahahahahahaha

    RispondiElimina
  3. Evvai! Questa la replico sicuramente, visto che oltre ad essere presa spesso da attacchi compulsivi per acquisto di marmellate varie, ho spesso l'abitudine di produrne in quantità per regalarle ad amiche.
    Il risultato che ne ottengo è che i vasetti meno coreografici restano in dispensa, destinati alle mie crostate. Il più delle volte le etichette si staccano e..... BISOGNA APRIRLI!!!!
    Grazie anche per questa alternativa... da porca figura come sempre!
    Nora

    RispondiElimina
  4. Wow!!signori "avanzi"!!!come dici tu..... perfetta per la colazione, il the e.....per il dopocena gambe in su e tv.......aggiungo io!
    diana

    RispondiElimina
  5. Mi hai fatto venire una voglia di strafogarmi con questo dolcetto, io che non amo particolarmente le marmellate.. ^_^

    RispondiElimina
  6. che ricetta superlativa....mmm.....poi adoro la marmellata di arance!!!!

    RispondiElimina
  7. mia, questa torta deve essere mia!!!! ho appena comprato una marmellata d'arance amare al whisky... penso che potrei immolarne qualche cucchiaiata per questo dolce ;-)

    RispondiElimina
  8. Cranberry, ciao! buona giornata anche a te

    Gambetto.. NON COLGO... anche perchè sto paralizzata dal terrore... attendo notizie in merito ai fessi ;-)

    Nora, son contenta che ti possa essere utile! L'unica controindicazione è che è troppo buona per non fare il bis... e il ter...

    Diana, hai capito tutto !

    Mirtilla :-))))

    Chiaretta: di tutti i dolci con la marmellata, questo resta il mio preferito: per dire, ora ho messo su un pane di segale con la marmellata di lamponi e sono scetticissima... avessi rifatto questa torta...

    Single: e allora, buttati!!!
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  9. Gulp,la foto close-up e' irresistibile.Faccio la marmalade religiosamente ogni anno (rigorosamente amara,scottish-genoese style) e faccio spesso anche il pudding,uguale al tuo,solo che lo faccio al vapore,in pentola.Gnam gnam...La tua nota sullo zucchero e' veramente giusta,ora capisco perche' in Inghilterra e' piu' facile fare le meringhe....
    Baci

    RispondiElimina
  10. Ho ualche scorta di marmellata di limoni da far fuoi... ti ricorda qualche cosa???? ;)

    RispondiElimina
  11. uhm. buonoooo!! questo si che sarebbe perfetto per la mia colazione..

    RispondiElimina
  12. Anche io ho lo stesso problema, quando ho tanta frutta tra le mani non resisto e faccio chili di marmellata, difficile da smaltire in fretta! questa ricetta è un'pttima idea, come la vedi con la marmellata di mandarini?
    ciao ^-^

    RispondiElimina
  13. Cavoli questo procedimento della marmellata sul fondo dello stampo mi ha incuriosito non poco. Avrei detto che si sarebbe bruciata invece direi che ne viene fuori una vera meraviglia.
    Ho due vasetti di marmellata di arance home made in dispensa....direi che ne devo fare due o tre di queste torte per farla fuori tutta.

    RispondiElimina
  14. Questa meraviglia devo farla sicuramente quanto prima, mi sa che c'è ancora un vasetto in dispensa della mia marmellata, nascosta per le occasioni speciali ......... e questa sicuramente lo è !!!!


    Grazie e smack
    Manu

    RispondiElimina
  15. Mi era appunto rimasto un vasetto di marmellata di arance amare fatta con le mie manine, mi hai appena fornito la scusa per utilizzarla!
    baci

    RispondiElimina
  16. Senti, ma se mai venissi a trovarti potrei prenotare questo dolce? perche' tanto mi offriresti qualcosa, no???
    E quindi meglio mettere le mani avanti :-)

    Scherzo, ma avrai capito che gia' la adoro!

    RispondiElimina
  17. Ciao! un ottimo modo di utilizzare le marmellate: uan torta particolare, molto agrumata e proprio bella!
    baci baci

    RispondiElimina
  18. Edith, la scottish genoese style la brevettiamo, cosa dici? A me piace tanto anche la versione che hai postato tu, quella con la marmellata dentro-e son qui che mi darei dei pugni in testa, perchè oggi, invece che andar sul sicuro, ho voluto provare una ricetta di un pane con della marmellata- che è finito nella rumenta...

    Stefania, ecco: di quella non ne quasi ho più ;-) chissà come mai...però, io ne posso mangiare pochissima, per via delle mele. Ma ho chi mi aiuta, in quel frangente...anzi, mi è appena venuta in mente un'idea per valorizzarla ancora...

    Cleare: colazione, pausa caffè, tè delle cinque, spuntino di mezzanotte, rompidigiuno etc etc... sempre perfetta è !


    Meg, la vedo divinamente :-) provala, e sappimi dire!

    Lerocherhotel: per me, è davvero ottima!

    RispondiElimina
  19. Elenuccia: il fiato sospeso l'ho avuto anch'io, invece si stacca che è un piacere. DEvi imburrare bene lo stampo, ovviamente ed è meglio cuocere col forno statico. Se proprio non ti fidi del tuo forno, puoi provare a rivestire la tortiera con la carta da forno, ma secondo me non dovresti aver problemi... anche secondo me, due o tre torte dovrebbero bastare!

    Assunta... l'hai detto! è una bontà!

    Ginestra, e a questo servono le amiche! a trovare plausibili scuse per tutto!

    Stefania, tutta la dispensa, ti metto in teglia, altroche!!!!

    RispondiElimina
  20. E' una ricetta che devo assolutamente segnarmi e provare! Ho lo stesso problema con i barattoli di marmellate in eccesso, a parte che nel mio caso sono tutte homemade. Ottimi i tuoi consigli alla fine del post, grazie :)

    RispondiElimina
  21. questa finisce dritta dritta nelle ricette utilissime. Io ho il frigorifero pieno di vasetti di marmellata da finire, anche se, anche per me quella di arance amare è la migliore.
    Grazie!

    RispondiElimina
  22. Non potete farmi questo propio adesso che vivo con forno sconosciuto !! Vabbé archivio....Baci

    RispondiElimina
  23. Ancora un paio di post del genere e Gambetto ci chiederà in ginocchio (parlando cockney) di portarlo al cospetto di HRM! Sta compiendo i suoi primi passi verso la sudditanza.

    E questo pudding lo afferro al volo anche se gli agrumi al momento sono "dangerosi" per la mia salute :P

    PS: ma sai che quello di Edith me lo ero persa??? Grazie per averlo linkato :-)

    RispondiElimina
  24. è meravigliosa! e il fatto di rovesciarla mi piace troppo!!! che fame!!! ;)

    RispondiElimina
  25. Che delizia, e mo vado a prendere il mio barattolo allò :)

    RispondiElimina
  26. Ah!AH! Diventerai il mio esempio sul dare un senso ai guadagni dei mariti.
    Bella ricetta, ho anch'io delle scorte da smaltire.

    RispondiElimina
  27. merveille!

    questa la devo provare. anche perché ho della marmellata di arance da urlo, che ho fatto quest'inverno.

    qui da noi marmellate, confetture e quant'altro vanno invece per la maggiore, pane&marmellata è per me la colazione dei re, che non cambierei con niente al mondo. posso passare a genova a fare razzia nella tua dispensa? ;-)

    RispondiElimina
  28. Brarbara, con la marmellata home made è ancora migliore... ma cosa lo dico a fare????? :-)

    Kiara, lo dicevo poco fa: a parte l'indubbio vantaggio di svuotare frigo e dispensa, è veramente buona

    Viola, com'era quella dello sfondare una porta aperta? Ne mangerei a vagonate, di marmellata di arance amare, meglio ancora se aromatizzate col whisky. Giusto ieri, ho controllato le scorte e son quasi alla fine :-(

    Simonetta, aspetta: anche il fornello è sconosciuto? Mo, perchè nel frattempo potresti preparare la marmellata... che frutta c'è, ora, da quella parte del mondo?

    RispondiElimina
  29. Mus, Gambetto in ginocchio che chiede perdono alle emissarie di H.M. The English Pastry è qualcosa di troppo bello perchè potesse essere partorito dalla mia mente... Grazie al cielo, esisti tu :-)))) e grazie al cielo-due, ci siamo pure incontrate ;-)
    La Edith fa delle robe spettacolari, uno di questi giorni mi ricopio tutto il suo blog su un quadernetto
    ci sentiamo
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  30. GLO, a me a dire il vero ha messo un po' di ansia... poi però è venuto tutto e allora son passata all'esaltazione totale :-)

    Angela... e vai a prendere il barattolo, allo' :-)

    Natalia, siamo un gruppo di economiste esperte, qui... alla guida, abbiamo Stefania, ma noi ci difendiamo benissimo!

    Gaia, mi immagino che bontà, le tue marmellate... io ce l'ho come immagine da sogno, la colazione con pane e burro e marmellata e quando posso me la consento: ma fra l'intolleranza al grano (non celiachia, solo una potente intolleranza) e le allergie alla frutta (e ai concimi chimici- un disastro.... e non tiriamo fuori la storia del biologico, tolto il km zero del nostro orto e di quello dei vari amici, sul resto ho fondate perplessità)..insomma, è un lusso, una colazione così. In più, chi se la potrebbe permettere (marito e figlia) va di biscotti...sigh sigh...

    RispondiElimina
  31. @Alessandra&Muscaria
    Le mie origini sono leggermente più ad ovest di Albione motivo per il quale la vedo difficile cadere in ginocchio al cospetto della cucina d'oltre Manica, piuttosto sarei felice di vedere il vostro lato BRITISH in tema di cappelini....perchè voi siete British no...e mica vorrete farvi mancare una collezione di fantastici cappellini, come quelli modello bidet-futurista che ho visto ad un recente matrimonio regale vero?! :P ahahahahahahahaha

    RispondiElimina
  32. Diluvia, sono fradicia.... mi concedo il lusso di 5 minuti di MT e che succede? Si illumina lo scenario, si scalda l ufficio ma soprattutto il cuore , per questa calda, luminosa ricetta. L Angelo Custode esiste, ne sono certa!

    RispondiElimina
  33. Mario, tu ci sottoavluti. Non dico altro....:-)))))))))
    ( e comunque, che non si dica che gli Imglesi non conoscono il bidet. E' sull'uso, che devono ancora fare dei passi avanti....)

    Emmetì, ma ciaoooooooooooooooooooooo!!! fammi passare a' nuttata (sono in partenza per milano) e poi ci sentiamo
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  34. Ale, Gambetto ce lo vedo troppo in ginocchio sui ceci Reali!
    E grazie al Cielo, sì, che ci siamo incontrate!!! :P

    Edith fa delle robe spettacolari sì, e poi è spettacolare lei! Io un giorno di questi me la incollo direttamente su un quadernetto e me la porto in giro :-DDD

    @ Gambetto: non mi provocare. I miei capelli color amarena sono quanto di più naturale avuto in testa in vita mia (solitamente sono azzurro cielo) secondo te quanti nanosecondi potrei impiegare ad indossare un cappellino modello bidet-futurista o ad incollarmi il modellino di Buckingham Palace direttamente sulla testa, solo per il gusto di vedere la tua faccia perdere colore, mentre io ed Ale ti roviniamo la reputazione a colpi di pudding, di cappellini, velette, e sixpence? :P

    RispondiElimina
  35. Ahahahaha Ale, leggo solo adesso il tuo commento.
    Oh sì Mario, tu ci sottovaluti.
    (Esatto!!! Che poi non si dica che non lo conoscono, perché ci lavano pure i violini dentro!)

    RispondiElimina
  36. @Muscaria
    E'inutile che tenti di stupirmi con effetti speciali quando davanti a te vedrai il primo uomo sulla terre senza mento ma con doppio-mento e due narici enorme non dire che non ti avevo avvisato! Svenire non ti servirà a nulla il mio ricordo arriverà persino in sogno a farti ridere!! :P ahahahahahahaha
    PS
    Quanto pagate entrambe per una mia foto adesso?! :P ahahahaahahahahhahaahahhahaha
    PS2
    Non chiedetela a MissGambetta che ve la manda anche adesso con il cell...lei che può...il mio va ancora a carbone! :P

    RispondiElimina
  37. "Vi amate"...comincio ad essere geloso...'intellettivamente' parlando eh!
    PS
    Corro a scrivere un manuale sull'uso del bidet in inglese che fusse che fusse la volta buona che sfondo in editoria!! :P
    I proventi ovviamente li divido con voi ;P

    RispondiElimina
  38. Grazie Ale! Ho parecchi vasetti di arance amare elbani 2010 e con questa torta li smaltisco e posso fare il pieno dell'annata 2011. Non trovando arance bio ora non metterò le scorze nel impasto ma ce ne sono parecchie nella marmellata perchè Doriana sa che mi piacciono e mi mette da parte quelle con più scorza ;-)
    Te ne devo procurare? Sono fatte con pectina biologica tedesca e frutta cresciuta sull'albero...

    RispondiElimina
  39. Silvia, mi faresti un favore grosso. Quando vai? ci sentiamo in privato che ti mando l'indirizzo e la lista della spesa :-)
    ho ancora in mente quella marmellata di limoni e rosmarino, un sogno...

    per Mario: ce l'hai messa su un piatto d'argento:ora chiamo S. Gambetta (il cui attributo di riconoscimento è il cellulare ipertecnologgggico)e mi faccio inviare tutto il materiale :-) e poi lo commentiamo con la Muscaria. Con il solito, nostro lieve sense of humor, so British...:-)

    RispondiElimina
  40. Noooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo...................................................

    RispondiElimina
  41. @ Gambetto: ma ti pare che io mi possa impressionare per così poco?
    GAMBETTA MANDA LE FOTOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!
    (cavolo io la privacy la rispetto tantissimo però, come ha detto Ale, tu ce la servi su piatto d'argento!)

    D'altra parte però sei in buone mani, io e la Ale manterremo un certo BRITISH aplomb, vai tranquillo :P
    (Me la vedo già la Ale mentre si strappa le perle dal collo!!!!)

    RispondiElimina
  42. Semplicemente meraviglioso!!anch'io come te compro sempre marmellata e quella d'arancia amara è la mia preferita in assoluto. Copiooooo

    RispondiElimina
  43. Mi piacciono tutti i desserts fatto con arance o marmellate di arance e questo sembra buonnissimo.

    RispondiElimina
  44. Mus, lo mettiamo in ginocchio sulle perle, cosa dici... col cavolo che spreco i ceci docpgrfsdoccc per una punizione, per quanto esemplare :-)

    Titty, facci sapere come va

    Linda, ti assicuro: è buonissimo!!! come stai, tutto bene?

    ciao
    ale

    RispondiElimina
  45. Oh sì, sulle perle mi piace! :P
    Vedo già ostriche che si offrono volontarie pur di assistere allo spettacolo!!!

    RispondiElimina
  46. Ale carissima
    che mi aveva affascinato te l'ho detto subito
    e ieri l'ho fatta
    semplicemente meravigliosa, ho aumentato un attimo le dosi per una teglia più grande e l'ho fatta con la marmellata di limoni e succo di limone naturalmente
    Dire che era buonissima e profumatissima è il minimo
    mi permetteresti di pubblicarla nel mio blog? (ben inteso con link)

    un abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  47. Uhhhhhhh, ma come sono contenta!!!! Sono in attesa dei risultati di un'amica che non ha il blog e un po' di trepidazione c'è sempre, quindi ben vengano queste notizie!! Hai visto come si stacca bene la marmellata dal fondo? Sembra una magia!
    Eccerto che la puoi pubblicare, ci mancherebbe! e grazie per il link, sei gentilissima
    ... e ora aspetta il prossimo esperimento, perchè non puoi immaginare, non puoi immaginare :-)))
    buona giornata
    ale

    RispondiElimina
  48. ...non ci crederai, ma nel frigo ho ben 3 barattoli di marmellata che aspettano di essere consumati...e mio padre continua a crearne di nuove!!! :-/ Adesso so come usarle...grazie!!! Ricetta davvero interessante!

    RispondiElimina
  49. DETTO FATTO è IN FORNO speriamo bene credo di aver riempito troppo, sta fuoriuscendo un po :/

    RispondiElimina
  50. ma ma ma ma non ho paroleeeeeeeeee....in pratica mi era avanzato un po di composto e l'ho messo su una cartina da muffin....e me lo sono già mangiata con della salsa di fragole su....goduriaaaaaaaaaa buonissimo.....nello stampo invece mi è venuto fuori del composto...era troppo, :O| colpa mia....spero di riuscire a fare foto decenti ^_-

    RispondiElimina
  51. http://www.blogfamily.it/torta-sofficiosa

    ragazze guardate un pò qua, spero non vi dispiaccia, per qualsiasi problema ditemi pure ^_^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...