OverBlog

venerdì 16 settembre 2011

Io ci metto il pane. Rosa. E voi, invece....

pane alla rapa rossa

... mi dite un po' a cosa lo abbino, va bene?
Per fare questo giochino, avete tempo fino a domani a mezzogiorno, grosso modo quando sarà terminata la mia missione a Cheese, che comincia fra poche ore, una volta espletati alcuni preliminari fondamentali, come stirare le ultime due lavatrici, fare le ultime ottocento raccomandazioni alla creatura di far la brava coi nonni-non rompere il cellulare nuovo- studiare i paradigmi di greco- e se ti chiamo, per favore, cerca di rispondermi entro la decima telefonata, nonchè aprire l'ultimo pacco di amazon, arrivato giusto ieri e finito dritto sull'asse da stiro, in attesa del mio quarto d'ora di tranquillità.


Vado a Cheese, vi dicevo- e non oso pensare al bottino con cui tornerò a casa: anzi, a dirla tutta, non voglio nemmeno pormi il problema di come fare a stivarlo nel frigo, visto che già tutto il ripiano di mezzo è occupato dai proventi della scorsa missione in Valtellina, a girar per malghe e latterie e se un tempo si andava a Livigno per rinnovare il parco profumi, ora si indulge a ben altri olezzi, nella ferrea convinzione che le stagionature giovino, ai formaggi come alle signore di una certa età. 
e comunque, son già corsa ai ripari: sabato prossimo, gran degustazione di formaggi, da me. Son tre settimane che mi crogiolo in abbinamenti (vino, pane e mostarde), presentazioni della tavola, stesure di menu e di liste di invitati, perchèse c'è un modo per farmi tornare il buonumore è mettermi di fronte a forme di formaggi: come dire, "say cheese", ed io sorrido. Tutta la vita. 
PS il primo che si azzarda a rovinarmi l'espressione beata, menzionando parole bandite da questo blog come "colesterolo" "trigliceridi" e tristezze varie, o ricordandomi della bella pensata che ho avuto ieri, che "ah, mamma, già che vai dal medico, fatti prescrivere un emocromo anche per me", va a far le analisi al posto mio....:-)

pane alla rapa rossa


PANE ALLE RAPE ROSSE
(liberamente ispirato da ATavola, settembre 2011)

La ricetta è mia per metà, nel senso che l'originale è di Sara Papa: io l'ho semplicemente peggiorata, usando una barbabietola precotta, al posto delle rape rosse  fresche. L'unica attenuante è che proveniva dai forzieri di Cartier (la cella frigo del mio fruttivendolo) e a dar retta al prezzo si può anche presumere che sia stata colta e cotta nello spazio di un centimetro quadrato, da mani guantate di capretto e in pentolame in oro zecchino: ma quella avevo e quella ho usato, complice anche la passione sfrenata della creatura per questo ortaggio e per l'abbinata coi semi di papavero, altro apporto personale, banalissimo e scontato quanto volete, ma con la voglia di cucinare che tengo è già un mezzo miracolo che il pane sia uscito dal forno e non dal carrello del supermercato. In ogni caso, fuori dal forno c'è stato poco. Pochissimo. Prova ne è che quello che vedete in fotografia è l'esemplare superstite, ibernato con un bliz provvidenziale, appena ho visto la piega che stava prendendo la conversazione fra la creatura e il nipote, i cui rispettivi resoconti vacanzieri erano interrotti da sospetti mugolii di soddisfazione e da "zia, ti dispiace se ne prendiamo ancora un po'?"


1 barbabietola cotta, del peso di circa 200 g, pulita
500 g di farina 0
120 g di acqua
15 g di lievito di birra
40 g di miele di acacia o di castagno
20 g di olio evo
10 g sale
2 cucchiai di semi di papavero


Frullare la rapa rossa e passare al setaccio
Sciogliere il lievito in 2 cucchiai di acqua tiepida e lasciar riposare, coperto, fino a quando inizia a crescere (10 minuti)
Setacciare la farina, aggiungere il frullato di rapa, il miele, l'olio, il lievito e 60 ml di acqua e iniziare ad impastare, aggiungendo via via altra acqua, fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. 
Lasciar lievitare in luogo caldo fino al raddoppio dell'impasto (circa 2 ore)
Versare l'impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato, smontarlo, aggiungere i semi di papavero e lavorarlo ancora per qualche minuto. Poi dividerlo in due parti, dando a ciascuna la forma di un filoncino. 
Disporlo in uno stampo da plum cake rivestito di carta da forno, spennellarlo con acqua, coprirlo con un canovaccio e lasciar lievitare, di nuovo fino al raddoppio. 
Coprire il pane con un foglio di alluminio per mantenere brillante il colore della rapa durante la cottura e far cuocere in forno già caldo a 180 gradi per 30-40 minuti
Sfornare, sformare subito e lasciar raffreddare su una gratella. 
E ora, scappo: a lunedì
ale

26 commenti :

  1. il pane alle rape rosse è bellissimo!! io l'avevo già fatto in versione pagnotta....buon divertimento a Cheese.

    RispondiElimina
  2. Stupendo questo pane rosa! Ma quante ne sai?! Ma per rapa rossa intendi la barbabietola? Cheese :-)

    RispondiElimina
  3. Eh eh la rapa rossa...una volta ci abbiamo fatto una pasta rosa shocking...mai pubblicata la ricetta adesso che ci penso...lo faremo presto

    RispondiElimina
  4. Daiiiiiii ma che bello!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Claudia, vado a dare un'occhiata al tuo, allora!

    Elena GRAZIE. ora ti svelo l'antefatto, così ti fai due risate. Io non so mai come si chiami in italiano la barbabietola rossa cotta. La chiamo sempre col suo nome genovese, la gea rava, dove "gea" sta per "bietola" e "rava" per rapa, per cui ogni volta che devo tradurre non so mai se devo propendere per la prima o per la seconda. In ogni caso, ho sempre tradotto "barbabietola". Poi ho letto questa ricetta, dove l'autrice dice che è meglio non comprare le rape rosse già cotte- e ci sono di nuovo cascata :-) comunque sia, io ho usato una barbabietola cotta- e ho anche corretto .-)))))

    Manine in pasta: alla creatura è piaciuto da matti mangiare gli gnocchi rosa. E si era anche divertita ad aiutarmi. Di sicuro, con la tua piccolina farete cose meravigliose! aspetto la ricetta

    Tery, dimmi che ci sei anche tu....
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  6. Consolati, la mia voglia di cucinare mi porta a comprare il pane al super ... e, ORRORE, a volte anche quello in cassetta... Comunque secondo me l'abbinamento è proprio con un bel bianco formaggio caprino che ti porterai a casa da Cheese in barba a trigliceridi e colesterolo. Buon week end!!

    RispondiElimina
  7. visivamente è splendido ma di sapore come è???

    RispondiElimina
  8. evvvvai col Cheese!!! mi raccomando: guarda, assaggia, compra, fotografa e condividi!
    troppo bello questo pane... mi vien voglia di provare anche con le patate viola... un po' di cromoterapia ci vuole!

    RispondiElimina
  9. Lucia, il pane al super non lo compro, per un solo motivo: perchè nei supermercati attorno a casa nostra vendono pane prima surgelato, poi cotto e impacchettato. Il tempo di arrivare a casa ed è duro come una pietra. In compenso, compro il pane in cassetta, il pan carrè, i bauletti, il pane da tramezzini etc etc: un po' perchè li tengo di scorta, e molto perchè con questi mi contengo, mentre col pane fatto in casa no .-)

    Ros, brava! sa di barbabietola, quindi tira un po' sul dolciastro. E' per questo che chiedevo un consiglio per l'abbinamento: di sicuro, la prossima insalata di aringhe la servirò con questo pane e idem per il patè, sempre di aringhe al pepe rosa. Ok per il caprino, e poi? cerco sapori che si sposino bene e non mi vengono n mente....

    Cristina: grazie delle raccomandazioni, ora sono in una botte di ferro "l'ho promesso alla Cristina!" dirò, ogni volta che dovrò piegarmi a qualche assaggio e a qualche acquisto... Non sono del partito delle patate viola, ma sposo la cromoterapia con rito cattolico- tutta la vita, intendo!
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  10. Ale, io ci metto solamente me stessa...lo sto mangiando con gli occhi! Che idea grandiosa!!!!

    RispondiElimina
  11. Ale se vai a Cheese ho una missione speciale per te!!
    Giustamente è da fuori di testa chiedere pure favori tramite post, ma io ahimé non ho limiti!
    Si tratta del "nostro" presidio della Toma di Pecora Brigasca, gli ho dato la caccia all'infinito....questi stanno tutti sparpagliati nei pascoli, negli alpeggi....sarà per quello che non mi risponde assolutamente nessuno!
    Se gli offri mezzo "sfilatino" ed uno dei tuoi sorrisi sono sicura che a te daranno retta!!!
    Per quel che riguarda l'abbinamento io sceglierei del Cheddar e chicchi di melograno! Bacio

    RispondiElimina
  12. mi sembra scontato l'abbinamento con il gorgonzola (o altro erborinato), visto che il piatto simbolo di Enrico Bartolini (conoscete?) è proprio il riso alle rape e gorgonzola
    enjoy
    http://www.google.it/search?hl=it&q=bartolini+riso+rape+gorgonzola&gs_sm=s&gs_upl=1391l19298l0l21407l30l28l0l4l4l1l469l4689l1.13.7.0.2l25l0&bav=on.2,or.r_gc.r_pw.&biw=1024&bih=609&wrapid=tlif131616569678510&um=1&ie=UTF-8&tbm=isch&source=og&sa=N&tab=wi

    RispondiElimina
  13. Kiara, tesoro, te ne manderei una vagonata! come stai, tutto bene?

    Fabiana, e me lo chiedi? ma non vedo l'ora!!! Hai qualche riferimento più preciso o devo imbriccarmi nei anch'io nei pascoli dietro a Bra? e cosa gli devo chiedere? la Toma ce la mangiamo assieme, E TU PENSI ALL'ABBINAMENTO COL VINO, ok? :-D :-D

    anonimo, ma grazie!! e lo conosco sì, e ho pure tentato di replicarlo a casa, con risultati ovviamente deprimenti rispetto all'originale, ma ottimi per i miei livelli consueti. Me lo ero completamente dimenticata... fra l'altro, ho del gorgonzola da paura preso nella latteria di Bormio...mi sa che alla prossima degustazione di formaggi, va su quello. Grazie davvero
    ale

    RispondiElimina
  14. Per un momento ho avuto paura di essere diventata daltonica. Subito dopo che ti fosse sfuggita di mano la bottiglia dell'Alchermes..ma leggendo la ricetta mi sono detta che una ne pensi e cento ne fai perchè questo pane alla Hello Kitty mi piace un casino e adesso voglio sperimentare l'uso della sanguinaria anche in altre ricettine. Chissà che tripudio di rosa chocking. Per quanto riguarda Cheese, hai solo tutta la mia più sana invidia (il mio detto preferito è "la boca no l'è straca se no la sa de vaca"). Divertiti e saccheggia anche per me! PAt

    RispondiElimina
  15. Ale, lo sai quanto avrei/avremmo voluto venire! Fatalità è coinciso con il corso sul Lievito Madre che farò lun e mar al Molino Quaglia e così...pazienza! Vedi di organizzare per l'altra cosuccia a novembre!!!
    Divertitevi e un abbraccio a tutti!!!
    Valeria

    PS. se trovate lo stand di GRIGORIS che è un pizzaiolo di Mestre che fa la pizza con il LM, per prima cosa assaggiate i suoi prodotti perché ne vale la pena e poi salutalo da parte mia e digli che ci vediamo al corso lunedì!!!

    RispondiElimina
  16. il tuo pane è meraviglioso :) vorrei rifarlo anche subito, peccato che col pane colleziono solo esperienze disastrose! Cmq immagino sia dolciastro e delicato, per cui sicuramente ci va a nozze il formaggio di pecora (sono Sarda, per me il formaggio di pecora è buono anche nel caffè). In particolare, formaggio o anche ricotta di colostro che hanno un gusto pieno e una buona sapidità.

    RispondiElimina
  17. Proporrei un abbinamento musicale, un po' scontato ma evergreen: la vie en rose...

    Ok, vado in castigo nell'angolo della vergogna!

    RispondiElimina
  18. io proporrei il classico pane e prosciutto ma ...quello di casa mia!!!
    grazie per l'idea, da copiare subito!!!!

    RispondiElimina
  19. Troppo bello questo pane! Ha un colore pazzescoooo!
    Cosa posso proporti?! Uhm ... bè oggi mi sono mangiata pane e gorgonzola (di quelli belli cremosi, con la goccia) e un pezzettino di capra super stagionato (un pezzettino e vai in Paradiso). Direi che questi due potrebbero stare bene col tuo pane. Abbinerei anche un po' di miele di castagno per dare quel tocco di amaro che non guasta. Un bicchierino di vino e ... Paradise! Buon week end! bacioni

    RispondiElimina
  20. dunque, io lo abbinerei al pastrami. sto giusto scrivendo qualcosa su questo preparato.
    il problema è trovarlo qui..............

    RispondiElimina
  21. Io se lo avessi fra le mani lo accompagnerei alla mia avida bocca con un caprino fresco. Ciao bellissima idea cromatica !

    RispondiElimina
  22. Ma dai, un pane adatto a certe tipe, ehm, di mia conoscenza con tanto di phon rosa in bagno e ciabatte di Hello Kitty.
    Sento che l'uomo di casa se lo troverà presto sulla tavola e continuerà a scuotere il capo dicendo " noooo! rosa pure questo!" :-)

    RispondiElimina
  23. Io lo abbinerei alla mortazza, non fosse altro perchè il tono su tono fa sempre chic e un look total pink non lascia mai indifferenti :D
    beata te che vai a cheese. mangia anche per me!
    un bacio

    RispondiElimina
  24. Appena rientrata da Cheese- e non potete immaginare che cos'è stato. Mi riprendo un attimo dal Gran Bollito di Carrù e poi rispondo a tutti.
    a fra poco
    ale

    RispondiElimina
  25. complimenti! ottima ricetta! da provare subito!
    visita il mio blog:
    mennula.blogspot.com

    RispondiElimina
  26. Fortissima l'idea di usare la barbabietola per il pane *O*!
    Come ho fatto a perdere questa ricetta, io, adoratrice della barbabietola e delle varie sfumature di rosa e simili???
    Devo assolutamente provarla, soprattutto perché mi piace l'idea di utilizzarlo per accompagnare l'insalata di aringhe; quindi, per capodanno potrebbe essere perfetto ^_^...ma non solo ;)!
    Un bacione :*

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...