OverBlog

martedì 31 gennaio 2012

Tagliatelle degli studenti- o tagliatelle di grano duro al ragu di soia e cotechino di Giulia

tagliatelle degli studenti o tagliatelle di grano duro al ragù (ahi) di soia e cotechino


per la pasta 

500 gr di farina di grano duro
1 cucchiaio di olio evo
pochissima acqua per impastare

l'impasto deve risultare secco ed avere l'aspetto di una pietra..infatti mi sono dannata per stenderlo, tra l'altro si vede dalle foto, il mio minimattarello, ma vivo in casa da studente e con altri studenti, e questi sono i mezzi più potenti che ci possiamo permettere :)

per il sugo

50 gr di soia da reidratare per persona
1 fettina spessa 1 cm di cotechino per persona
sedano (abbondante)
carota
cipolla
passata di pomodoro
sale 
pepe
olio evo
parmigiano

porre il cotechino a bagno in acqua bollente per 30 min.
ridurre in briciole gli odori ( a Napoli li chiamiamo cosi sedano, carota, cipolla ) metterli in una pentola con il fondo spesso con poco olio, ad appassire lentamente, trascorsi 30 min, porre il granulare di soia precedentemente reidratato e fare rosolare brevemente, spellare il cotechino e tagliare le fette necessarie, ridurre a cubetti e porre in pentola con il resto,fare cuocere qualche minuto ed aggiungere la passata. Aggiustare di sale. Il sugo è pronto quando la passata si riduce ed il sugo risulta denso. 
far bollire la pasta pochi istanti e quando sale a galla scolare e mescolare al sugo, pepe e parmigiano e una fronna di vasinicola completerebbe il tutto....ma non è stagione!!!!

abbinamento stampalato, che ho scelto per far riflettere su alcuni alimenti che sono spesso oggetto di pregiudizi, come ad esempio la soia considerata un alimento per galline, ma che possono dare qualche soddisfazione visto che   tutti i cannibali presenti hanno divorato il piatto ( 2 maschi bianchi in età riproduttiva ) :)

grazie!!!!

A presto


Giulia

8 commenti :

  1. Alla soia nel ragù non avrei mai davvero pensato, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! è stata una scelta divertente!!!

      Elimina
  2. E brava Giulia, che ci propone le tagliatelle pure nella versione vegana! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non al 100%! però molto gustoso!! Grazie!

      Elimina
  3. Confesso che questo abbinamento soia e cotechino mi lascia un po' perplessa. Non amo i prodotti a base di soia da reidratare perchè non si capisce bene con cosa li fanno. Sicuramente il cotechino ha ben coperto qualunque sapore la soia potesse dare a questo ragù. Sono certa che sarebbe bastato usare un buon tofu ben sbriciolato e molti "odori" per ottenere un ottimo ragù senza il contributo del cotechino e ottenere grande soddisfazione dai cannibali. Le tagliatelle che hai preparato sono veramente fantastiche, trovare una ragazza così giovane che si cimenta con il mattarello è straordinario. Grandi complimenti, Jas.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jas, capisco la tua perplessità, ho scelto appositamente un abbinamento provocatorio per far pensare alla soia come ad un alimento "normale" che si possa usare abitualmente anche come accompagnamento alla carne e non come alternativa ad essa, hai ragione sul ragù, l'ho preparato altre volte solo con la soia, senza tofù e tutti hanno gradito, anche carnivori convinti, questa volta però la sfida era più ardua, sia per MTchallenge sia perchè bisognava farla assaggiare ad una new entry, il cotechino ha rilasciato un buonissimo gusto di spezie e pepe, seppur presente in quantità minima, circa 3 cm per 150 gr di soia e 1lt di passata. Io mangio pochissima carne, solo in rare occasioni, e quindi ho imparato ad eliminarla da tantissimi piatti che classicamente ne prevedono l'uso, vedi tutte le zuppe, che tradizionalmente sono accompagnate da una profusione di cubetti vari di pancetta e co. E' un discorso molto ampio che spero avremo modo di approfondire (ho anche dato un'occhiata al tuo blog, che condivido e trovo molto interessante) e che credo si possa estendere anche ai cibi definiti "per celiaci", ci sono molti pregiudizi al riguardo.
      Per il discorso alimento salutare o meno, ho intenzione di studiare e di capirne qualcosa in più, però credo che usare la soia un paio di volte la settimana non faccia più male di mangiare carne 6 giorni su 7.
      Ti ringrazio per i complimenti sulla sfoglia, adoro tenere le mani in pasta!
      Ciao!

      Elimina
  4. posso confermare la bontà di questo piatto!!io sn uno dei due cannibali citati nella presentazione :)amo la carne e la mangio tutti i giorni e quel ragù era fenomenale!!!e brava giulia e brava giuliaaaaa a aaa!!! (vasco cit.) :P

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...