OverBlog

mercoledì 21 marzo 2012

My Nan's Clement's Cake per un tè con Jamie Oliver

Preliminare momento di tolleranza, sotto gli effluvi dei buoni sentimenti del post di ieri.
Se leggo ancora una volta "the" al posto di "tè" prendo un bazooka e faccio una strage.

Jamie Oliver collage

Ultima puntata dello Starbooks del mese di marzo e appuntamento pressocchè annunciato, visto che da tempo immemore, a los cinque de la tarda, tutta la Gran Bretagna si ferma per celebrare il rito che meglio la identifica e meglio la connota, vale a dire l'ora del tè. E siccome lo Starbooks del mese di marzo è una celebrazione in chiave oliveriana della cucina britannica, non poteva mancare un intero capitolo dedicato a questo momento, ricordato però solo ed esclusivamente in chiave dolce. Con tutta che il rich tea non ha nulla da invidiare alle cene continentali, Jamie Oliver fa una scelta di gusto, ora rinunciando alla leziosità di certi bocconcini che pure hanno segnato una parte importante della cultura inglese (cosa sarebbe stato, Oscar Wilde, senza i cucumber sandwiches?), ora relegando altrove piatti più robusti. Noi però avevamo voglia di dolce e di tradizione e così, pur potendo scegliere fra molti altri argomenti- su tutti, la cucina dell'Impero: ma avremo altre occasioni...- ci siamo trovate concordi su questo: che sia un problema di (mezza)età o il fiuto tutto femminile verso le situazioni che meglio si prestano a riscaldare la muscolatura più allenata, che gravita sempre attorno alla lingua, non è dato di interrogarci. Anche perchè gli argomenti da trattare sono ben più importanti e il tempo, tant per cambiare, fugge....

E dunque, tiriamo le somme e chiediamoci se, alla fin fine, vale la pena di avere questo libro sugli scaffali delle nostre librerie. 
A prezzo pieno, forse no: 30 sterline sono una cifra notevole e anche se dal punto di vista editoriale il prodotto li vale tutti, io per prima ci avrei pensato su due volte prima di investire una somma piuttosto consistente in un testo che rivisita ricette già note. 
Ma, al di sotto di questa cifra- e God Save Amazon.co.uk, che periodicamente svende anche al 70%- assolutamente sì, per i seguenti motivi: 
1. per quanto sia sovraesposto e onnipresente, Jamie Oliver continua a confezionare prodotti di alto livello. Tralascio per un attimo le considerazioni sui contenuti che, essendo fortemente caratterizzati dall'impronta dell'autore, meritano un discorso a parte. Ma dal punto di vista del prodotto editoriale in sè- concezione dell'opera, impostazione grafica, materiali- siamo sempre di fronte a signori libri. copertina rigida, carta "come una volta", repertorio fotografico vario, mosso, in una parola vivo, pienamente in sintonia con lo stile del suo autore che coinvolge a tutto tondo un modo di pensare al cibo come veicolo di salute, di convivialità, di rinnovamento di una tradizione che continua a vivere nella costante riattualizzazione dei propri fondamenti. Leggere un libro di Jamie Oliver significa trovarsi di fronte ad un'opera unitaria, nella scrittura, nelle immagini, nella scelta delle ricette, a conferma dell'essitenza di un progetto di fondo in cui l'autore crede fermamente e che trapela da ogni dettaglio, in modo genuino ed immediato. 

2. la capacità di scrittura. Lo dicevamo qualche giorno fa, lodando il tempo andato della Ada Boni e dei Pellegrino Artusi: le ricette si prestano ad essere raccontate: basta avere competenze solide, da una parte e un po' di talento narrativo, dall'altro. Jamie oliver ha entrambi e leggere le sue ricette è un piacere che a volte supera anche l'interesse per il piatto proposto. Noi ci siamo esaltate, seguendo spiegazioni che ci esortavano ad essere impavidi nel dosaggio degli ingredienti, a non avere paura ad alzare la fiamma e abbiamo sognoato di fronte a insalate di pollo che diventavano epiche o a cosciotti di agnello che riscattavano la secolare mitezza della specie lanciandosi in cotture ardite per non parlare delle onomatopee (crunchy , creamy, gnummy, sticky), dei superlativi, dei delicious e degli easy che suonano come continui moniti a mollar tutto e correre in cucina, per dar vita a queste meraviglie. Per non parlare delle introduzioni, una per ogni ricetta (e son più di 130), spesso lunghe, spesso dedicate, sempre impregnate di quell'amore travolgente per il cibo che contraddistingue questo eterno ragazzone e che costituisce l'ultimo argomento a sostegno del "sì lo voglio" 

3. il cibo, si diceva- che è la parte più importante, se vogliamo: perchè di un libro di cucina sempre si tratta e di un libro di cucina deve avere le caratteristiche. La premessa, quando si affrontano autori così connotati da un proprio stile, è consequenziale a quanto si è appena detto. Ancor prima che un libro sulla cucina britannica, questo è il libro di Jamie Oliver sulla cucina britannica. Se cercate la tradizione tout court, cioè, rivolgetevi altrove. Ma se invece amate l'approccio di questo chef al mondo del cibo, siate impavidi anche voi nel varcare la soglia della libreria: Jamie's Great Britain non vi tradirà, forte di ricette che riescono al primo colpo e che stupiscono per una bontà che, sulla carta, non sembravano garantire. 
Se non ci credete, fatevi un ultimo giro dalle nostre 4 amiche dello Starbooks, alle prese con i dolci più tipici dell'ora del tè, seguendo i link che trovate più sotto. E se vi restano ancora dei dubbi, andate allo scaffale dello Starbooks e selezionate il titolo di questo libro: oltre ai nostri contributi, troverete anche alcune proposte delle altre amiche che ci aiutano in questa avventura e che vi permettono di toccare con mano (e di assaggiare, con tutte le papille) se quanto abbiamo detto di questo testo è fondato o meno. 
Per noi, è stato un successo: una dimostrazione di credibilità a tutto tondo, che è poi la vera scommessa, il vero investimento, il vero punto di forza che dà la misura della serietà di qualsiasi professionista degno di questo nome- e Jamie Oliver, ancora una volta, dimostra di esserlo.
A dopo Pasqua, con lo Starbooks di Aprile

Patty- Andante con Gusto: Wonderful Welsh Cakes
Cristina G.-  Insalata Mista: Scottish Shortbread
Alessandra- Ale Only Kitchen: Walnut Banana Loaf
Cristina B. - Vissi di cucina: Earl Grey Tea Loaf
MT- My Nan's St Clement's Cake




MY NAN'S ST. CLEMENT'S CAKE
da Oliver, J, Jamie's Great Britain

st clement's cake

Immensa figata, senza se e senza ma. Una sorta di mix fra la lemon drizzle cake e una torta di mandorle, con il tocco di Jamie che stavolta culmina in questo mix delizioso di arancio e limone e suggerisce abbinamenti agrumati per tutte le stagioni, dai pompelmi in inverno, all'accoppiata lime e limone per il bel tempo in arrivo. Facilità quasi offensiva, di quelle che mi distendono un sorriso da parte a parte, con buona pace di chi è convinto che le cose buone escano solo da trattati sull'arte di montare il burro e da cestini della spesa riempiti in farmacia. La riprova è in quello che non vedete dal confronto fra le due foto, scattate la prima alla sera di domenica scorsa, con la trota appena glassata- e la seconda alla sera del lunedì, dopo un'intera giornata passata fuori casa, noncurante delle sorti di un dolce che, in quanto tale, è sempre snobbato dagli appetiti domestici. La fetta che vedete immortalata è l'unica sopravvissuta all'assalto delle fauci del marito e della creatura alla quale, sia chiaro, le arance nelle torte non piacciono e il limone così così. Il tutto per una decina di minuti di lavoro (esclusa la cottura) e 5 per la farcitura. Devo aggiungere altro, o basta cosi?
Le Note mie in fondo


per 12 persone
125 g di burro a temperatura ambiente, più quello per ungere
225 g di zucchero (125 +100)
4 uova grandi
1 arancia, grande (scorza e succo)
200 g di mandorle macinate
100 g di farina autolievitante

per la glassa al limone
225 g di zucchero a velo
1 limone

Forno a 180 gradi
Stampo rotondo con fondo amovibile, del diametro di 20 cm
Fondo imburrato e rivestito di carta da forno

Montare il burro cn 125 g di zucchero, fino a quando si otterrà un compposto soffice e morbido, aggiungere le uova ad uno ad uno e la maggior parte della scorza di arancio. Tenerne da parte un po' per la decorazione finale, conservandola in pellicola trasparente. Aggiungere le mandorle grattugiate e la farina setacciata, incorporare bene il tutto e versare il composto nella teglia, precedentemente preparata come da istruzioni, più sopra. Infornare a 180 gradi per circa 30 minuti o fino a quando la superficie sarà dorata. Fare la prova stecchino. Lasciar raffreddare per pochi minuti

Nel frattempo, preparare uno sciroppo con i 100 g di zucchero rimasti e il succo dell'arancia. Mescolare entrambi gli ingredienti in un casseruolino e metterlo sul fuoco, lasciandolo sobbollire a fiamma media per pochi minuti,  fino a quando lo zucchero si sarà sciolto. 

quando la torta è ancora calda, praticare sulla sua superficie dei buchetti, usando uno stuzzicadenti e versarvi sopra lo sciroppo, tutto intorno. Quando quest'ultimo sarà stato ben assorbito, estrarre la torta dallo stampo e farla raffreddare su una gratella. 

Per preparare la glassa (lemon icing), setacciare lo zucchero a velo in una ciotola, aggiungerci gran parte della scorza di limone grattugiata (tenendone da parte un po' nella pellicola per la decorazione) e unire il succo di limone, mescolando bene e aggiungendo ancora un po' di succo, se il caso. 
Disporre la torta, completamente raffreddata, su un piatto da portata, versare la glassa sulla torta, lasciando che scenda lungo i lati e sparpargliarvi sopra le scorze di arancia e limone tenute da parte.

st.clements

Note mie

Arancia e limone si intendono non trattati. 
Se non avete la farina autolievitante, aggiungete due cucchiaini rasi di lievito
Le mandorle si intendono macinate a grana sottile, ma anche no: per esempio, io ho usato 100 g di farina di mandorle e 100 g di madorle macinate un po' più grossolanamente e vi assicuro che il contrasto, sotto ai denti, era piacevolissimo. 
Non è indispoensabile conservare le scorze di arancio e limone nella pellicola: serve a non farle seccare, ma poi vi rmangono tutte appiccicate lì. Basta metterle da parte, coperte. Un po' di carta da forno va benissimo. 
Ho usato un normale stampo da 22 cm di diametro, senza fondo amovibile, semplicemente imburrato e infarinato. 
La cottura è a modalità statica e non siamo arrivati a mezz'ora: 25 minuti ed era pronto. Sfornate il dolce quando lo stuzzicadenti è umido: se rimane dell'impasto attaccato, lasciatelo cuocere ancora: ma non così tanto da farlo diventare troppo secco. 
per quanto riguarda lo sciroppo, niente termometro, siamo inglesi: non deve essere densissimo, ma appena meno che liquido (quando uso questi tecnicismi, mi amo). L'essenziale è che lo versiate sulla torta quando sono ancora caldi, sia l'uno che l'altro. 
I buchi sulla superficie non sono trivelle per il petrolio. Usate uno stuzzicadenti e fatene un po': più ne fate, più lo sciroppo penetrerà nella torta, senza finire sul fondo dello stampo. 
per la glassa invece, andrei piano, con l'aggiunta del succo di limone: procedete goccia a giccia, mescolando sempre bene e aggiungendo liquido solo quando il precedente è stato bene assorbito. Personalmente, preferisco coperture leggermente più dense: per quella che vedete nella foto, ho avuto bisogno di una spatola, per aiutarmi a stenderla. 
Altra piccola annotazione: non lavorate sul piatto di portata, a meno che non vogliate servire il dolce su una superficie appiccicaticcia e zuccherosa. Foglio di carta da forno+gratella+ torta, e la glassa che cade si recupera e si risistema sulla superficie del dolce. Dal che si evince chi pulisce la cucina, anche quando tocca agli uomini mettersi ai fornelli...

46 commenti :

  1. adoro il tè, questa cake e te!!!! baci e buona giornata

    RispondiElimina
  2. o mio dio vado subito a controllare come ho scritto tè :-))
    d'accordissimo con tutte le tue considerazioni e conclusioni, adoro jamie e leggerlo, ascoltarlo, vederlo è una gioia che va al di là di cosa presenta. E' stato uno starbooks scoppiettante e molto divertente! Chissà che/chi ci aspetta ad aprile? ;-))

    RispondiElimina
  3. Capisco adesso perché te n'è rimasta solo una fetta. Hai una famiglia supersmart, ed onestamente ti confesso che forse io non ti avrei lasciato neanche quell'ultima fetta perché come si sa ovunque nel mondo, l'ultimo pezzetto è sempre il più buono.
    La tua analisi sul libro di Jamie è come sempre perfetta e puntuale ed io aggiungerei anche un ultimo motivo per cui vale la pena comprare questo libro: perché Jamie è Jamie! Ti mando un bacio splendore di donna. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ora, l'ultimo pezzetto si è indurito, perchè ce lo siamo dimenticati nella stessa posizione in cui è stato immortalato, ieri sera... però, stamattina ho fatto pure la sponge col cocco, per i colleghi... e voglio provare le walsh cakes.. e il loaf,,, e il plum cake all'earl grey,,,e isuoi scones... e perchè è finito, questo Starbook????? :-)))

      Elimina
    2. Famiglia supersmart non ce l'aveva mai detto nessuno...
      ma sarà stato sicuramente ironico...
      firmato "il marito" get-smart

      Elimina
    3. però, scusa...
      la Berta ha la smart
      gli Smarties, me li mangio direttamente dal tubo (che è roba smartissima)
      insomma, qualche speranza ce l'abbiamo, no???

      Elimina
  4. Vorrei dire la mia...su Jamie Oliver e sull'ora del the. Il primo lo apprezzo perchè ha concretizzato una filosofia di vita, rendendola professione e coerenza cosa non da poco. Mi viene da sottolineare gli aspetti di parachiulaggine di questo suo dolce attinto dalle esperienze "mediterranee", assimilate alla perfezione direi. Sarei curioso di sapere cosa dice nella premessa della ricetta ad esser sincero...
    Per l'ora del the invece poco da sottolineare perchè la tipica abitudine anglosassone di dimenticare il maltempo che contraddistingue quei luoghi è un esercizio di piccola atarassia quotidiana che dimostra a sua volta di quanto Darwin potesse aver ragione nel circostanziare alcuni comportamenti a seguito di circostanze non sempre favorevoli. C'è chi a quell'ora preferisce l'aria aperta alle fumose sale da the...perchè se non sei anglosassone dentro il tè è solo usato per il "tè possino" tutto il resto è the...:P ahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D :-D :-D :-D
      ti ho risposto più sotto, assieme alla Mus. Perchè dopo questa, ho bisogno di rinforzi :-)

      Elimina
  5. Ale, fatti baciare in fronte!
    “Se leggo ancora una volta "the" al posto di "tè" prendo un bazooka e faccio una strage”
    L’arma te la carico io.
    E quelli che scrivono “tea” li posso appendere per i pollici?
    La ricetta invece chettelodicoaffare, dove c’è il limone ci sono anch’io :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti presento la mia amica muscaria, a te... siete fatte l'una per l'altra :-)

      Elimina
  6. Mi hai conquistata appena hai scritto " sorta di mix tra lemon drizzle cake e torta di mandorle ".
    E sai che mi avete fatto pentire di aver scartato questo libro, all'ultimo giro su Amazon?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sento che il prossimo arriverà presto :-)
      torta strepitosa, Stefania- una Martha Stewart rude, se ho reso l'idea... :-)

      Elimina
  7. L'uomo che si mette a spignattare lo apprezzo fino ad un certo punto, perchè mentre opera vedo tutto quello che riesce a trascinare e a spargere dietro, davanti e tutto intorno a sé e tra me e me penso "ma perchè? perchè???" !!!
    Ps.1. La torta è una chiccheria!
    Ps.2. Odio chi scrive "the" .... ma si può?!?!?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)
      pensa che quando scrive, me lo vedo troppo... quando rompe il cioccolato sbattendolo sulla tavola o quando spreme i limoni a mani nude... a me, fa morire!

      Elimina
  8. Mi hai convinta... se cene fose stato bisogno... sarà il prossimo regalo per il dolce doppio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti i tempi vengono... prima Giulio ha consigliato al doppio il regalo che non vedevi l'ora di ricevere... e adesso...:-))) è scoccata l'ora della vendetta!!!!

      Elimina
  9. Tea, tea, forever tea! :-D
    (Che io poi, se devo proprio dirla tutta, detesto persino il termine italiano tè... lo so lo so, non posso farci nulla!)

    @ Gambetto: quella del maltempo è uno stato mentale di cui ti libererai TOTALMENTE quando verrai rapito da me e Ale e trasportato con forza nella terra di Albione.
    Quando ti vedremo piangere sui ceci reali, non ti prenderemo in giro, saremo comprensive.
    E lo sarà anche Darwin :P

    @ Perladarsella: accomodati, i miei pollici sono pronti :-P
    (But be careful, my thumbs are British!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tesoro, ma a tea è concesso... ;-)

      Per quanto riguarda Gambetto, concordo su tutto, tranne che su un dettaglio essenziale. i ceci, son roba da una certa latitudine in giù. Se di Inghilterra si parla, gli unici legumi consentiti sono i piselli.

      .. e ora passo la palla, al primo che la coglie ;-)

      Elimina
    2. Vada per i legumi alternativi...ma almeno mi dici quello che c'è scritto nel libro nella premessa di questa gradissima ricetta "parachiula"!!
      Mi sa che anche al buon Oliver un pò di legumi non è che gli facciano poi male! :D ahahahahaha
      La premessaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa :D

      Elimina
    3. Dopodiché, una maglietta con la foto di Gambetto inginocchiato sui piselli reali non ce la toglie nessuno!!!

      Elimina
  10. Ale, ma lo sai che io invece il mio loaf l'ho trivellato proprio per benino?? sembravo JR di Dallas alla ricerca dell'ultimo pozzo!!! Però "tè" lo so come si scrive...
    La tua torta con quella glassa lì è semplicemente da urlo e direi che è perfetta per inaugurare la primavera.
    Ma quanto ci divertiamo con lo Starbooks?? (l'avevo già detta questa? bè, la ridico!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma la ridico anch'io, guarda!!! lo sapevo, eh..ma son conferme che è proprio una gioai, ricevere!
      ciao, JR :-)

      Elimina
  11. Ciao!!!
    è la prima volta che passo di qui! Sono capitata grazie a Vissi d'arte e di cucina!
    Molto bella e sicuramente buonissima questa ricetta che mi segno subito!!!
    Interessanti le tue valutazioni sul libro! Io adoro Jamie e per me questo è già un ottimo motivo per acquistarlo! Ma credo che aspetterò (sperando che avvenga) la traduzione del libro perchè io e l'inglese purtroppo non andiamo d'accordo!
    Nel frattempo proverò le vostre ricette!
    Se ti va passa a trovarmi! Ciao, un bacio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa ale neh... se non son soddisfazioni queste!!!
      :D :D :D

      Elimina
    2. :-D :-D :-
      ach, sgamata... ora lo sai, che non ti abbiamo scelto perchè sei un portento ai fornelli...:-D

      Elimina
    3. VaNe, di solito insisto un po', quando mi dite "aspetto la traduzione italiana", perchè le ricette son ricette e una volta che impari i verbi fondamentali, vai tranquilla. E con quello che spendi di un libro tradotto, te ne compri due in originale.Stavolta, invece, ti dò ragione: perchè questo è prima di tutto un libro da leggere. Confidiamo in un bravo traduttore, dai...
      Grazie per essere passata di qui, appena ho un secondo passo anch'io a trovarti
      ciao

      Elimina
  12. sì sì, questo libro mi ha convinto, e sono sicura che la cucina inglese sia troppo sottovalutata, lo metto in lista!
    ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dirlo qui sopra, è sfondare mille porte aperte. sia per la cucina inglese sia per Jamie. E figurati, quando Jamie scrive un libro sulla cucina inglese :-)

      Elimina
  13. Ale, non ho mai assaggiato la lemon drizzle: devo rimediare, vero? La creatura e il marito però, ti hanno lasciato una fetta molto fotogenica... ;-)))
    Concordo, ancora una volta, macchetelodicoaffa, su tutto quello che hai scritto su Jamie, punto.

    RispondiElimina
  14. Copiata! Credo che la rifarò con un mix di agrumi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. centrato il bersaglio... (ma che combinazioneeeeeeeee)... secondo me, la morte sua son proprio gli agrumi...

      Elimina
  15. ...io scrivo tea.... alla British :D .... però oltre al bazooka un'arma mito per me è il lanciafiamme ...come mi sarebbe utile a volte..e poi sai che crème brulèe ahahahahahah, bacionissimi, Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il cannello, flavia!!!!!!!!!!! perchè rido???? :-)

      Elimina
  16. Grandioso, quasi quasi me lo compro!
    P.S. La foto è stupenda
    PP.SS. Posso dire the? :-P

    RispondiElimina
  17. Mi attira molto questa torta, mi domandavo perchè la glassa al limone dato che la torta è al gusto di arancia.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè è agli agrumi, alla fine :-)
      ciao bella!
      ale

      Elimina
  18. auauaua..io per non sbagliare credo che nel blog ho scritto tè, tea, the, thè....te..insomma..li metto tutti! XD

    Buona questa torta , io adoro l'ora del....emh..MERENDA :D

    RispondiElimina
  19. Avevo avuto modo di vederlo in un negozio di Milano pochi giorni dopo la vostra raccolta.
    Da allora è stato nella mia lista dei desideri di Amazon... poi galeotto fu un click.....
    Ho già visto che non mi basteranno tutti i WE sino alla fine dell'anno per avere la scusa di provarle tutte!
    Torta decisamente invitante e veloce da fare... che voglio di più dalla vita?! Naaa NON un Lucano, meglio J.O.!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si metta in coda, scostumata! che noi c'eravamo prima!!!!

      Elimina
  20. L'ho provata nel we e devo dire che è stata una sorpresa anche per me, in positivo ovviamente.
    Ho cambiato qualcosa e medito di rifarla ancora per poterla anche pubblicare.
    Poco da dire, questa torta ha reso ulteriormente "famosa" presso la mia famiglia, Mrs Raravis, faccio una ovvia fatica a dirlo ma il dovere di cronaca non prevede malizie, onestà intellettuale prima di tutto! :P ahahahahaha

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...