OverBlog

giovedì 19 luglio 2012

Operazione "svuota blog": Cake ai frutti di P. Hermè

cake aux fruits confits et whisky

 ...e poche chiacchiere, un po' perchè la ricetta incute rispetto, un po' perchè sto per affrontare il momento più alto dell'anno lavorativo, quello per cui tutti i miei colleghi si son dati malati fra ieri ed oggi, lasciandomi praticamente da sola a godermi la great experience delle gita dell'ufficio. Che è roba già impegnativa così, figuriamoci se ci si aggiungono 200 km, fra andata e ritorno, di cui 199, 5 tutti di curve, in un giovedì della fine di luglio. E preferisco non mettermi nei panni di chi verrà in macchina con me, perchè si sa che ho la guida nervosa sportiva e in certe situazioni diventi pure sportivissima....

...meglio procedere all'operazione svuota blog, con la ricetta di un cake che giace lì da almeno due anni e che nella mia versione ha sicuramente un che di invernale, visto che era stata preparata per non so quale occasione, nelle feste di Natale. L'originale, invece, è più trasversale, perchè prevede l'utilizzo di una quantità più variegata di frutti e magari se aveste quelli rossi, tipo i cranberries ed affini, riuscireste comunque a preparare un dolce più adatto agli afosi pomeriggi di luglio. Altrimenti, mettetelo da parte, ma con una spia che lampeggi nei paraggi, perchè merita di essere preparato, almeno una volta. E se non credete a me, riflettete sul nome del papà di questo cake- e spazzate via ogni dubbio...

CAKE AUX FRUITS CONFITS ET WHISKY

La fonte me la sono dimenticata e non ho il tempo materiale di spulciare i libri di Hermè che ho di là. In compenso, vi scrivo le solite Note Mie, in fondo.

NB: Fabiola, che è sempre di una gentilezza squisita, non solo ha cercato la ricetta originale, ma l'ha anche trascritta.  La trovate nei commenti, in calce al post. Più mi scervello, più credo che la ricetta qui sotto, invece, provenga da qualche rivista. Perchè non l'ho modificata più di tanto, se non nella scelta della frutta secca. In ogni caso, ne avete due, entrambe targate Hermè e quindi potete cimentarvi con entrambe!
per uno stampo da plum cake da 750 ml

  • 200 g di burro demi sel
  • 100 g di zucchero
  • 50 g di cassonade
  • 4 uova
  • 300 g di farina
  • ½ bustina di lievito chimico
  • 10 cl di rum 
  • 100 g di ciliegie secche ma morbide
  • 100 g di uvetta chiara
  • 100 g di uvetta
  • 65 g di albicocchie secche, tagliate a tocchetti di 1 cm
  • 125 g di melone, tagliato a tocchetti di 1 cm
  • 65 g de cranberries 

 La sera prima, mettete a bagno la frutta nel rum e lasciate riposare una notte.
Il giorno dopo, preparate il cake, secondo il procedimento che trovate qui: montate bene il burro con lo zucchero, fin quando il composto diventa spumoso e bianco, aggiungete le uova ad uno ad uno, sempre montando- e incorporando il successivo solo quando il precedente è stato assorbito dall'impasto- aggiungere la farina e il lievito setacciati e in ultimo la frutta secca scolata dal rum. 
forno a 200 gradi, che diventano 180 appena infornate il vostro cake e 40 minuti di cottura

Note Mie

gli ingredienti

il burro semi salato si trova, in qualche supermercato particolarmente fornito. Ma non è il caso di tagliarsi le vene, se la missione dovesse essere infruttuosa. Certo, i dolci col burro salato sanno un po' meno di burro: ma in questo caso, dovendo scegliere fra la versione normale e quella salata, opterei decisamente per la prima. 

Il cassonade è un tipo di zucchero molto diffuso in Belgio, indispensabile epr fare gli speculos. Qui ci sta benissimo ma potete sostituirlo con del normale zucchero di canna, bruno. 

Invece, è importante che la frutta secca sia morbida. A Genova, ormai ho un unico pusher, sul Mercato Orientale, che mi rifornisce di frutti disidratati che probabilmente vengono poi reidratati - non faccio domande, perchè di solito mando in confusione i bottegai: mal che vada, comunque, lasciateli a bagno il più possibile e vedrete che si ammorbidiranno per forza.

il rum: sono sicurissima di averci messo il whisky. Perchè a me nei dolci il whisky fa impazzire, mentre trovo il rum sempre un tantino banale. Ma Hermè è Hermè e se lo dice lui, seguitelo. 

Per quanto concerne il procedimento, vi suggerirei di non gettare via il rum della marinata. Potrebbe servirvi per aiutarvi ad incorporare la farina: ho parecchie ricette di cake che prevedono l'aggiunta di qualche cucchiaio di latte o di altro liquido, perchè l'impasto è piuttosto sostenuto, ma una spintarella ogni tanto non fa male

Non è il caso di infarinare i frutti per impedire che scendano verso il basso: se l'impasto è denso, non cadono. 

Ultima nota per la cottura: la ricetta dice di scaldare il forno a 200 gradi, poi di abbassare a 180 al momento di infornare. Di solito, per cuocere bene un cake, ci vogliono circa 40 minuti: vedrete che si rigonfierà e poi si spaccherà al centro, durante la permanenza nel forno. Fate la prova stecchino e quando esce umido è pronto. L'essenziale è che non abbia grumi di impasto intorno. Potrà capitare di dover prolungare la cottura, quando la superficie del dolce è già dorata: basta coprirla con un foglio di alluminio e continuare a cuocere il cake, senza problemi. 

Come vi dicevo, questo è un dolce che può interpretare bene ogni stagione: se usate mirtilli rossi, ciliegie e lamponi disidratati, oppure frutti di bosco disidratati, avrete un perfetto cake estivo. fichi e albicocche secche per l'autunno; uvette, datteri e noci per l'inverno- e così via, fino a svuotare la dispensa, con tocchi di gran classe. Mica da tutti, no?

Ci vediamo stasera, per la risposta ai vostri commenti e l'emmetichallenge. 
ciao


28 commenti :

  1. bene. così so di non voler mai accettare un passaggio da te!
    si nota che sei alle battute finali prima della vacanza! la torta bella, come si fa del resto, ma meglio aspettare il freddino con tutta quella frutta secca anche se il melone d'inverno...
    irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. arrivata- e al momento, anch'io non voglio accettare un passaggio da me! detto tutto, direi!

      Elimina
  2. Che bella ricetta, adatta anche ad un'imbranata come me!!! Due domande:
    - frutta secca disidratata: dammi il numero del banco sul mercato orientale che ci vado di corsaaa!
    - dove trovo il burro salato a Genova? L'ho già cercato ma o non l'ho visto o è veramente una rarità!!
    Grazie e buona giornata (nonostante tutto...)
    Dania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il burro salato lo trovi in tutti i carrefour, sia quello danese, sia uno di produzione carrefour che però non ti so dire come sia, perchè io uso sempre il lurpak o come diavolo si chiama il primo.
      Poi, se vai da EVO, hanno anche quello di Fiandino, che è notevolemtne migliore.
      Se hai la tessera Sogegross, lo vendono anche lì.

      Il banco del mercato è quello dopo Rela: ha tutta la frutta secca esposta, di ogni tipo: i cranberries sono deliziosi e lo stesso vale per le amarene disidratate e i vari tipi di mirtilli!

      Elimina
    2. Scusa, leggo solo ora. Grazie mille!! provvederò ...

      Elimina
  3. Bello il cake...e che dire di questi colleghi !!!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nulla, dai... alla fine, mi sono anche divertita!

      Elimina
  4. nn ti invidio per nulla..poi io soffro tantissimo di mal d'auto!! E questo cake me lo segno..dopo 2 anni nascosto ha visto la luce..quindi nn può essere ignorato!!

    RispondiElimina
  5. anche io sola in ufficio... come ti capisco... mi consolo con la tua ricetta
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ancora una settimana, dai... almemo per me, che inizio le ferie il I agosto!

      Elimina
  6. Alessandra, la ricetta si trova a pag 247 del Larousse.

    Il nome è cake aux fruits confits e ci sono leggere differenze negli ingredienti e nella esecuzione (spero di farti cosa gradita riportandole in calce).

    Francamente hai tutta la mia ammirazione quando personalizzi le ricette... se penso alla Stupendissima che è diventato un "mio" cavallo di battaglia rubato.
    Io non ne avrei mai il coraggio :-)))
    baci

    P R É P A R A T I O N
    C U I S S O N 1 h 10
    POUR l cake de 28 cm

    100 g de raisins de Smyrne
    75 g de raisins de Corinthe
    25 cl de rhum agricole
    210 g de beurre
    65 g d'abricots confits
    65 g de prunes confites
    125 g de melon confit
    300 g de farine
    1,2 sachet de levure chimique
    150 g de sucre en poudre
    4 oeufs
    2 cuill à soupe de nappage à l'abricot
    100 g de cerises confites

    - Faites fondre les 10 g de beurre restants.
    Lorsqu'une croûte se forme à la surface du
    cake, au bout de 8 à 10 minutes, fendez-la
    tout du long avec une corne passée dans
    ce beurre fondu, ce qui permettra au cake
    de se développer uniformément. Cuisez le
    cake pendant encore 1 heure en vérifiant
    la cuisson avec la lame d'un couteau : elle
    doit ressortir sèche.

    - Laissez le cake tiédir 10 minutes, puis
    démoulez-le et aspergez-le avec les 10 cl
    de rhum restants. Faites fondre le nappage
    à l'abricot. Attendez encore 10 minutes puis
    badigeonnez-en le cake et collez alors les
    cerises confites dessus. Quand le cake est
    froid, enveloppez-le d'un film alimentaire.

    Tour de main
    esf bon de préparer ce cake 4 jours
    avant de le déguster. Ensuite, conservez-le
    au réfrigérateur, il sera encore délicieux
    pendant une à deux semaines.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Fabiola! Che lavorone!
      solo che temo che la fonte sia un'altra, perchè di solito quando cambio le dosi, scrivo prima l'originale poi le mie modifiche. Che faccio sempre, ma perchè alla terza pesata mi annoio e comincio ad andare a sentimento :-)
      e un sacco i volte mi pento pure, perchè mica son sempre soddisfatta dei risultati!
      Comunque, riporto su la ricetta, per chi volesse cimentarsi con l'originale- e grazie ancora!

      Elimina
  7. Mi piace questa ricetta...ho comprato una macedonia di frutta secca da poco e mi chiedevo come usarla...segno segno! ;)

    RispondiElimina
  8. Buonissimo con frutta candita colorata e dal sapore doverso! un'improvvisazione proprio golosa!
    baci baci

    RispondiElimina
  9. bellissima questa ricetta di Hermè... :) mi manca la frutta disidratata... e se sostituisco con frutta fresca? come la vedi? che so, solo mirtilli e rum o whisky? :) esperimenti esperimenti esperimenti... con quello che si ha! :) :) grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo un tipo e poco acquoso, tipo i mirtilli selvatici, la vedo benissimo!

      Elimina
  10. una gita con questo caldo e in più con l'ufficio... non ti invidio! Invece la torta sì, deliziosa!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai, è andata... e pure bene, a dirla tutta, perchè poi mi diverto: tutto sta a mettersi in moto, al mattino!

      Elimina
  11. Ale ma se USO I frutti rossi veri va bene lo stesso? E se si quanti??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenta con fragole e lamponi, perchè sono parecchio acquosi. Meglio mirtilli rossi e ciliegie. Oppure, usa frutta rossa disidratata, che è perfetta

      Elimina
  12. E non sei contenta di andare in gitaaa?? eheheh che bello sapere che non sono l'unica pazza scatenata al volante!!
    forza Ale, che fra poco iniziano le ferie! la vedi la bandierina a scacchi laggiù in fondo? io più che vederla la sogno ogni notte..
    hai fatto bene a pubblicare questa ricetta, un goccetto di liquore ci sta sempre bene e se rimane meglio ancora, un brindisi inaspettato in queste lunghe e calde giornate riappacifica con tutto e tutti!!
    Intanto me lo segno, assieme alle tue preziosissime note.
    Baci,
    Francy

    RispondiElimina
  13. SLURP!!!faccio subito, oggi pomeriggio!!! e PURE seguendo pedissequamente ( = senza cewrvello, da rimbambita quale sono...) le tue istruzioni/note. Ma ESIGO di sapere dove ti porterà la "gita pseudo-Cral" : vorrai mica che Perfiria perda l occasione di dileggiarti?????!!!!!??????? AHAHAH

    RispondiElimina
  14. Credo di capire che ci somigliamo. Vengo sempre criticato perché quando viaggio su strade rettinee ho una guida tranquilla ma appena arrivano un paio di curve consecutive il mio piede diventa pesante. Chissà forse il mio amore per i rally mi porta a comportarmi così. Per quanto riguarda la ricetta ne vorrei avere una fetta per la mia colazione di domani.

    RispondiElimina
  15. Come sempre, Ale, sei la risposta a tutte le mie domande: mi stavo giusto gingillando con l'idea di un cake per far piazza pulita di qualche rimasuglio...Io per ammorbidire la frutta disidratata, la tuffo in acqua bollente per un minuto e poi la metto in forno, sulla griglia, per 5 minuti a 100°: rinviene che e' una meraviglia!...Un abbraccio.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...