OverBlog

mercoledì 18 luglio 2012

la degustazione dei dolci valtellinesi e il tortino di grano saraceno (chef Bassi)

Di Daniela

Cambiamento di programma dell'ultima ora: al posto della lezione tradizionale del lunedì, l'altra abbiamo avuto una lezione tutta incentrata sui dolci, perchè, a causa del cattivo tempo (acquazzone mica da ridere) di sabato sera , la allora prevista degustazione dei dolci locali è stata spostata a lunedì  e la lezione consueta è stata così "inglobata" in questo piacevolissimo evento :-))))

DSCF4464

Qui c'è qualche foto per rendervi l'idea della allegria che ha contraddistinto la serata: I Bormini, molto eleganti nei loro abiti tradizionali in piccoli stand sparsi in mezzo alle case del borgo antico, secondo un percorso che mostra gli angoli caratteristici di questa millenaria località, fanno assaggiare ai visitatori, che si aggerirano muniti di cartine create per l'occasione fra corti bellissime e aperte per l'occasione, e con in mano originali sottopiatti,
DSCF4470

i dolci e i prodotti più celebri ed antichi della loro tradizione. Passando dai dolci con mirtilli e lamponi, alla cupeta, al gelato ai mirtilli, bisciola, manzole, tortini di mele e fior di latte d'alpeggio cotto, passando attraverso assaggi di Braulio e di una serie di altre aromatici liquori fatti in valle (quello di nocciole mi piace a dismisura :-)), assaporando latte fresco e miele in favo (con tanto di piccoli pezzetti ci cera d'api annessa :-)) e poi ancora resumada, miele fresco, tisane calde torta al grano saraceno.... Insomma un delirio di sapori profumi colori e storia, conditi con il racconto dal vivo di qualche mestiere, antico come queste valli, mostrato da chi ancora vi si dedica.
DSCF4469

Quindi la lezione di cucina dedicata alla serata e ancora tenuta dal nostro ormai mitico chef Bassi, insieme al quasi altrettanto mitico Gaetano ha raccontato alcuni dolci che ben si sposano con tutto il godibilissimo ben di Dio che ci circondava. Per ora una parte delle foto e una ricetta , qui di seguito: godetevi tutto :-)))) Alla prossima puntata!

Tortino di grano saraceno

DSCF4521

Ingredienti per 4/6 persone ( piuttosto golose)

250 gr di burro
250 gr di zucchero
250 gr di uova intere
250 gr di farina di mandorle
250 gr di farina di grano saraceno
15 gr di zucchero vanigliato
15 gr di lievito
marmellata di mirtilli 
lamponi o fragole o mirtilli per decorare (secondo la scelta della marmellata: quii lo chef bassi ha utilizzato la fragola solo perchè aveva dimenticato i mirtilli :-)))
DSCF4518

Montate il burro con 150 gr di zucchero e i tuorli delle uova.
Aggiungete le farine e il lievito insieme al lievito e mescolare bene il tutto. A parte montate con lo zucchero restante le chiare d'uovo, fino ad avere a neve ben ferma.  Unitele delicatamente al composto di farina, uova e burro e versate il tutto in stampini monoporzione ben unti. Metteteli in forno moderato a mezza altezza e lasciate cuocere nel forno a 160°C , per circa 40 minuti.
Quando saranno cotti, estreteli dal forno , lasciateli raffreddare, farciteli con la marmellata di mirtilli rossi , cospargeteli con lo zucchero a velo e servite con panna montata.
Belli e buoni!!!
Ora i consigli e i trucchi dello chef:
1- La farina di mandorle deve essere fresca e leggermente umida, non troppo secca né asciutta per non conferire al dolce un sapore di frutta secca stantia.
2- quando si uniscono i tuorli ad un impasto con del burro , bisogna metterne uno alla volta, inglobarlo e poi passare al successivo: questo perchè il grasso dell'uovo possa legarsi a quello del burro gradatamente, senza che si "dividano" in una specie di stracciatella.
3- se proprio vi va di esagerare :-) potreste osare aggiungere un pizzico di cannella, ma proprio una punta, per intensificare il profumo (già di per se squisito. ndr).
4- lo Chef consiglia, nel momento in cui si preparano i tortini, di eccedere un po' nel numero: si congelano con facilità, mantenendo, una volta scongelati la stessa bontà profumata di quando sono freschi. Un attimo in forno prima di servirli e tornano fragranti e morbidi. Ovviamente lo chef consigliava gli abbattitori di temperatura, potendo scegliere: ma siccome sono pochi i fortunati che ne posseggono uno casalingo (Valeria e Giorgio sono gli unici che conosco io :-)), si farà di necessità virtù usando i nostri tradizionali congelatori :-) Ovviamente potrete preparare anche una singola torta, se preferite.....
5- data la passione per una presentazione gradevole (secondo la sua teoria che un piatto si inizia a mangiare con gli occhi) lo Chef Bassi ci ha indicato una tecnica piacevole per servire questi tortini: una volta freddi, basta girarli, praticare un  foro sul fondo ( io suggerirei un detorsolatore per le mele, mi sembra perfetto) e riempirlo con la marmellata scelta. Un piccolo "tappo" con la pasta tolta e voilà il gioco è fatto! Un piccolo frutto a richiamare la marmellata messa all'interno, uno spruzzo di panna montata e la presentazione è veramente gradevole agli occhi prima che al palato.
Buona giornata a tutti
Dani

17 commenti :

  1. Ecco, la cupeta (?) e la resumada (?) mancano per avere l'idea completa di questo défilé di delizie, tortini farciti compresi... Se riesco a andare in Trentino li faccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cupeta è una meraviglia al miele racchiusa tra due ostie mentre la resumada è una ...bevanda con uova e vino rosso....insomma dolcezza assoluta!!! Un abbraccio e spero tu riesca ad andare in trentino per un po' :-)))

      Elimina
  2. Ok Dani questo me lo fai al mare! Con il mio forno se vuoi ... Baci a tutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. passato un we piacevolissimo con la tua bellissima nipote, che però si è persa i dolci.... Per il forno magari usiamo il mio a genova !! Un bacione :-)))

      Elimina
  3. o che bello! ho un pacco di farina di grano saraceno e cercavo una ricetta! grazie!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero contenta!!! buonissima serata!!

      Elimina
  4. Che bell'evento, mi mancano questi festicciuole medievali a giro per l'italia, una volta partecipai anche io, facevo la pazza del villagio (non ci posso ancora credere che accettai di farlo!). Ricetta golosa veramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa più bella è la naturalezza con cui tutto viene organizzato e soprattutto la bontà dei dolci :-)))))... Ma mi sarebbe piaciuto vederti mentre interpretavi una pazza :-)))))))))))): sei stata coraggiosa :-)
      Buona serata anche a te

      Elimina
  5. ingredienti per 4? ciao Adriana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adriana. Così ha scritto lo chef... in effetti forse 4 persone un po' affamate :-))) Ho scordato di dire che ovviamente si può preparare anche una torta unica... a scelta .

      Elimina
  6. Mi stavo giusto chiedendo come li farcissi con la marmellata: l'idea del cavatorsoli è geniale!

    Subito nella lista delle cose da fare...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Virò... avresti dovuto sentire il profumo :-))))
      Buonissima serata

      Elimina
  7. Mi piacciono perchè:
    1 - sono monoporzione e si prestano per la merenda del piccolo.
    2 - sono abbinabili a tante farciture.
    3 - sono congelabili.
    4 - finalmente potrò usare il cavatorsoli nuovo!!!
    Buona giornata bella donna!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto Nora: mi hai reso felice !! Un bacionisssssssimo

      Elimina
  8. una lezione ghiotta per iniziare la settimana in dolcezza! questi tortini poi sono davvero una chicca! semplice l'impasto e golosa la farcitura con la marmellata!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. Grazie ragazze : avete descritto perfettamente questa morbida golosità! Buona notte ragazze e a presto!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...