OverBlog

venerdì 23 novembre 2012

Gli hamburger "del viaggio di nozze"

Di Daniela

Questa di oggi è una "non ricetta" a cui sono particolarmente affezionata. Risale infatti al mio viaggio di nozze. Essendomi sposata nel pleistocene, anno più anno meno, qui da noi in Italia, gli hamburger non erano ancora così assolutamente comuni : diciamo che McDonalds a Genova non c'era e forse in Italia aveva aperto i primi due ristoranti della catena dalla gialla M gigante...

C'erano i Burghy, sì, ma non avevano tutta questa diffusione e comunque noi eravamo decisamente più abituati alla nostra amatissima pizza. Quindi non ci era poi tanto abituale l'idea di mangiare panini con l'hamburger così spesso.
In viaggio di nozze invece, ci siamo trovati in diverse occasioni a vedercene servito uno, specialmente quando, magari, dovevi ingurgitare velocemente qualcosa appena tornati da una gita, prima di volare a seguire uno spettacolo.... Era divertente e piacevole, una curiosità da apprezzare oltre alle tante altre "esotiche" proposte che ci venivano fatte... Oddio, a onor del vero bisogna dire che fino ad un certo periodo della mia vita, il cibo ha rappresentato solo una necessità da soddisfare per trovare energia, placando la fame, più che il piacere per il palato che è diventato nel tempo. 
Quindi, oziando sulla spiaggia o correndo da un luogo da vedere ad un altro, una cosa veloce, soddisfacente e golosa era senza dubbio ben accetta.
Appena tornati a casa, nella mia piccola cucina nuova, dove invitavamo spessissimo amici, organizzando cene  o pranzi, essendo i primi della compagnia ad esserci sposati e gli unici con una casa a disposizione, preparavo un sacco di piccoli sfizi, che a casa dei miei genitori proprio non erano mai arrivati: gli hamburger entrarono subito a far parte del gioco dei "ti ricordi" e quindi dei nostri menu favoriti. Non  preparavo ancora i panini da sola, ma avevo ben in mente il sapore che avevano...
Ok, mi fermo qui, prima di farmi tornare in mente come era bello essere soli, privi di ogni responsabilità verso chicchessia, con mille interessi in comune da seguire e tutta la libertà necessaria per poterlo fare... Vabbè, diventare 5 è stato un attimo felice :-)) e ora la libertà, come dire, si è un po' ridotta; ma non dispero per il futuro...prima o poi cresceranno tutte le creature, no? 


Gli hamburger "del viaggio di nozze"

Hamburger e panini

Per due persone :-)
Due panini morbidi per hamburger (troverete la ricetta qui)
1 cipolla dorata abbastanza grande
2 hamburger di carne bovina 
4 fette di formaggio tipo emmental (o un formaggio che comunque fonda facilemnte di vostro gusto) sottili
ketchup
senape media o forte, secondo il vostro gusto
qualche foglia di insalatina fresca


panini per hamburger e hamburger3

Il procedimento è lo stesso di sempre: preparate i vostri panini e quando sono pronti, divideteli in due parti.
Mentre li preparateì,  in una padella fate scaldare un filo d'olio e poi mettete dentro la cipolla, tagliata a fettine sottili, facendola prima ammorbidire, poi diventare quasi trasparenti e per ultimo facendola colorire fino ad un bel colore leggermente dorato, stando attenti a che non si scuriscano troppo. Il profumo vi suggerirà quando sono pronte :-). Appena raggiunto il punto di cottura ideale, conditele con sale e pepe a piacere.
Fate cuocere sulla griglia le due svizzere, facendole grigliare dai due lati per 4 o 5  minuti (al sangue) e poi conditele con un pizzico di sale, appoggiando direttamente sopra di loro poco prima di toglierle dal fuoco, due fette di emmental, in modo che con il calore possano fondersi leggermente. In realtà per i primi  tempi specialmente, io preparavo le svizzere facendole cuocere direttamente nel tegame con le cipolle, ovvero le aggiungevo alle cipolle quando queste erano già appassite, portando a termine la cottura contemporaneamente: poi ho pensato che forse sulla griglia potevano mantenere maggiormente il loro sapore e i loro succhi cuocendo separatamente e scottandosi più rapidamente. Sono comunque squisite in entrambi i modi di cottura: scegliete voi il preferito!
Scaldate ora sulla griglia le due metà dei panini e voilà , il gioco è fatto. Basta costruire il vostro hamburger partendo da una fetta di pane, morbida e calda, un velo di senape, qualche foglia di insalatina, la carne con il formaggio fuso, le cipolle, il ketchup e ancora una bella fetta di pane morbido e caldo: non sono solo i bei ricordi a farmeli apprezzare tanto!
Buona giornata
Dani

36 commenti :

  1. Non ho ancora piatti da "matrimonio" e questo...non so quanto sia un male o un bene! :P ahahahahaahah
    Scherzo, scherzo per davvero, la convivenza è un matrimonio laico che si rinnova ancor più spesso dei voti cattolici per ovvie premesse meno formali...e quindi io potrei solo contrapporti piatti da "prima convivenza"...e ad onor del vero mi sa che lo spirito che li accomuna ai tuoi hamburger è lo stesso...le stesse risate, le stesse tirate fino a tardi...gli stessi fiumi di alcool!! :P ahahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da viaggio di nozze, il che è diverso :-))) Ma certo che le risate, la gioia e il piacere di avere tempo da spendere insieme sono gli stessi. Ahahaha ogni volta che vedo la mia rigogliosissima piantina di assenzio penso a te :-))))))
      Baci a miss D. che noi tutti stimiamo moltisssssimo! :-)))))

      Elimina
  2. guarda, io ora che ho tutta la libertà che voglio, a volte mi trovo con una nostalgia struggente di quando mia figlia era piccola e viveva a casa.
    il burghy era un mito, dai.... il primo mc della mia vita l'ho visto in francia!!!!
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo credo.... sai che cosa mi "travia "? il fatto che le mie figlie hanno età diversissime e la più piccola ha ancora 11 anni... però ti capisco non averle più tra i piedi avrà certo i suoi svantaggi... Ma spero di riuscire proprio ad avere ancora un po' di cose da fare che mi consolino :-)) Vorrà dire che mangerò qualche hamburger con la nostalgia inversa :-))
      Un abbraccio grande Irene e a presto

      Elimina
  3. Daniela, qui da me e' notte fonda (3 AM), parte della famiglia dorme e parte (i maschi) sono usciti a far compere per il tradizionale "Black Friday" che segue il Giovedi del Ringraziamento. Io sono sveglia ad aspettare che ritornino.
    Che bello leggere un post su un cibo legato alla storia personale.
    Posso chiederti dove avete speso il vostro viaggio di nozze?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh è stato meraviglioso, siamo andati a Cuba, il nostro primo viaggio insieme, quando ancora le macchine americane impazzavano, non c'erano tanti grandi alberghi e la spiaggia di Caio Largo era praticamente vergine..... Che sogno, le testuggini piccole, le iguane, i delfini... A volte mi sembra che non sia neppure successo a me :-))))

      Elimina
    2. Caspita il black friday deve essere davvero black se siete ancora in piedi a quegli orari :-)))) Buona notte allora Ann!

      Elimina
  4. Ciao,ti sembrera' strano,ma "mi riconosco" nel post,che ha causato un'ondata di nostalgia.Non considero i burgers una non ricetta e sono contenta che negli ultimi 2-3 anni dalle mie parti siano stati rivalutati e rilanciati,chiaramente fatti in maniera propria..
    P.S. Mi ero gia' segnata la tua ricetta per i panini,che vorrei provare.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè mi dovrebbe sembrare strano? mi piace da matti invece !!! I panini, vedrai , sono sofficiosissimi, tanto per lanciarmi in un neologismo :-) E hai ragione : fatti in maniera propria sono un piatto che fa impazzire tutti e non sono affatto "negativi"
      Buona giornata anche a te !

      Elimina
  5. Ciao Daniela, e quindi avete 3 bimbi? :D Che bellezza!
    Comunque vedrai che il tempo inesorabile passerà in un battibaleno e le vostre tre creature diventaranno indipendenti in così poco tempo che poi rimpiangerete anche l'avere poco tempo a disposizione ...

    I tuoi hamburger sono bellissimi e sembrano proprio quelli del Burghy ^_^

    Buona giornata
    Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina . Si 3 bimbe per la precisione, anche se in effetti chiamare bimba la più grande potrebbe risultare un po' azzardato :-)
      Ma nel mio cuore e nel mio lessico famigliare, "bimbe" sono le figlie , anche quando avranno 50 anni!!!!
      So che rimpiangerò il non averle sempre vicine, come già adesso rimpiango il periodo quando erano veramente piccine.. Ma la voglia di recuperare un po' di vita per noi spero ci faccia superare tutto con un sorriso :-))
      Grazie dei complimenti.
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Buoni i burger di Burghy....! E soprattutto avevano delle patatine fantastiche, niente a che vedere con quelle degli altri fast food...e pensare che questi hamburger li ho preparati anche io ieri sera per cena. Semplici, veloci e gustosi GNAM!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene Isabel, concordi allora con me che sono una cena davvero sfiziosa, anche se magari non proprio dieteticissima per via del pane .... ma insomma , una volta ogni tanto la pazzia si può fare, specialmente se ci si limita a mangiarne uno godendoselo alla grande. Dei burghy ho ancora il ricordo delle festine di compleanno di mia figlia grande e delle sue amiche .. devo pure avere ancora qualche foto ... Ma ok, oggi è il giorno dei ricordi piacevoli :-))

      Elimina
  7. Ciao, ti faccio i complimenti per il Blog, mi capita di leggerlo e lo faccio sempre con molto piacere. Io sono un "giovane" blogger e ne ho appena creato uno mio, se ti interessa facci un salto: http://gimonkey.blogspot.it/, sono graditi consigli da persone come te con maggior esperienza nel campo rispetto la mia.
    Ancora complimenti!!!

    P.S. mi hai fatto venire una fame.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ... hai saputo conquistare la mia curiosa attenzione con un po di captatio benevolentiae :-))))) Verrò a dare un'occhiatina più tardi con piacere.

      Elimina
  8. Dani, ora capisco questo tuo "trasporto" verso gli hamburger ;)
    A me fanno venire sempre in mente la storia dell'emulo di Kennedy... ma anch'io li faccio ogni tanto, lo confesso, e li preparo come te e ci aggiungo pure un cetriolo in agrodolce (gewürzgurken) tagliato sottile, che ci sta come il cacio sui maccheroni. Ciao e buona giornata. Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha mi hai beccato :-)))))!! ma ti confesso che oramai quando li preparo non posso fare a meno di fare un pensierino a te e alla tua storia : mi mette decisamente di buon umore :-)) Hai ragione sul cetriolo: ma io sono un po' limitata dal fatto che l'amato bene non li apprezza molto, così non li uso. Ma è vero sono come il cacio sui maccheroni!!
      Ciao e a presto Mari

      Elimina
  9. Come ti dissi tempo fa ho provato i tuoi panini per hamburger, strepitosi!
    ovviamente ancor di più quando sono riempiti..
    Da Mc Donalds ci andiamo con i bimbi una volta all'anno, io sono un pò contraria. Preferisco, se carne deve essere, un hamburger fatto in casa con ingredienti di prima qualità, come il tuo.
    E allora lì si che inizia la poesia..
    bacioni e buon we!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. franci anche io ho un appuntamento fisso con Mac Donalds ed è il viaggio di andata in Valtellina sia in estate che in inverno, perchè nella giusta posizione rispetto alla partenza e all'arrivo c'è un grosso centro dove facciamo sempre pausa pranzo per la gioia delle più giovani di casa.
      Però quando lo prepariamo qui in casa c'è più gusto :-)))): inizia la poesia sul serio :-)
      baci e buon we anche a te

      Elimina
    2. Oh, non trovo il bottone dei commenti....pazienza, commento da qui, se non vi da' fastidio....Bellissimo post, pieno di sana e bella nostalgia. Io, come sai, sono da moltissimi anni una fanatica della cucina americana, ma molto prima di sviluppare questa passione, ero già fan di Burgy, che al momento della sua apertura a Milano, ebbe un successo tale da creare addirittura uno stereotipo dell'utente abituale: il paninaro, ricordi? Mi ricordo anche di quando riuscivo ad ingurgitare tre panini di seguito e ad entrare ancora nella taglia 36 dei miei jeans....son bei ricordi di un tempo passato che, ahime', non tornerà più...Il tuo pane me lo sono già segnato e di sicuro i prossimi burgers home made lo vedranno protagonista! Un abbraccione, Dani: è sempre un gran piacere leggerti!

      Elimina
    3. immaginati il fastidio :-)))))) E' una gioia, Roberta, dovunque tu lo scriva
      Certo che mi ricordo i paninari, come scordarli con i vezzi di abbigliamento e tutto il resto... e tu ricordi Braschi e le sue gag?
      Entrare nelle taglie ridicolamente piccole non era un problema in effetti...allora, fingiamo di non far caso al resto e godiamoci una succulenta dose di carboidrati e proteine come avessimo 20 anni :-))))))))
      Grazie Robi e abbraccio ricambiato !

      Elimina
  10. DA McDonald non vado da tempo per scelta, ma mentirei se dicessi che non mi piace!
    Mi piace di più ultimamente farmi gli hamburgers da sola, sapendo bene cosa ci sia dentro.
    Dentro i tuoi ci sono ricordi speciali, e questo li rende unici :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefi, riesci sempre a dire la cosa giusta :-)
      Ti abbraccio

      Elimina
  11. Anche io se penso al viaggio di nozze di soli qualche mese fa penso agli Hamburger sono stata a NY e ne ho mangiati di buonissimi!!! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello "il viaggio di nozze di solo qualche mese fa" !! Congratulazioni con un po' di ritardo Romy!! :-)

      Elimina
  12. Sai quanti ricordi per me il Burghy....una volta all'anno, a dicembre si andava a Milano per vedere le luci, le vetrine scintillanti col nonno e la mamma e si finiva a mangiare al Burghy , con immensa gioia per noi bimbi e nervosismo del nonno che avrebbe preferito una bresaola in cima a una montagna.....
    Grazie per avermi riportato a quei ricordi lontani e felici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di aver condiviso i tuoi con me :-) Anche il mio nonno l'avrebbe pensata così... e penso proprio anche il mio papà .... Un abbraccio

      Elimina
  13. Daniela, sai che il tuo racconto mi ha fatto pensare all'avvento degli hamburgers nella cucina di mia madre quando ero piccola? Ma forse gli anni coincidono :)
    I tuoi panini sono molto golosi e se decidi di scrivere un libro sappi che io lo leggerei volentierissimo!
    Un abbraccio, Vale-in-via-di-guarigione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo di si , Vale, temo proprio coincidano :-)))! Ma tu sei ugualmente un tesoro, Vale-che-sta-guarendo, e grazie della tua gentilezza :-)
      Un bacione

      Elimina
  14. Intanto cara, sappi che come voi, anche per me e mio marito Stati Uniti e Canada sono stati la meta del mio viaggio di nozze. NY fu il proseguimento di un incontro romantico tra me e mio marito quando eravamo ancora fidanzati ed io mi ritrovai lì per lavoro mentre lui terminava il suo soggiorno di 3 mesi in US per imparare la lingua. NY ci ha imprigionato e non abbiamo potuto che ritornarci in un momento altrettanto magico. In Italia vado rarissimamaente dal Mc ma mentre viaggio a volte ci capita, ci sembrano posti diversi ma la delusione è dietro l'angolo. Però molto meglio mangiare hamburger in questi piccoli diners (ne abbiamo trovati uno in Florida, anni 50 nel mezzo del nulla...una roba da urlo), che nei fast food. La qualità è superiore e l'ambiente meno asettico.
    Oggi abbiamo mangiato hamburger con il panino comprato...ma adesso la tua ricetta entra subito nel mio carnet. Che bei ricordi! Un abbraccione carissima, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty, bella la storia del tuo incontro galeotto dall'altra parte del mondo ! e fortunata ad avere modo di scoprire posti deliziosi come quello che mi hai nominato... Sarò lietissima di entrare a far parte della versione casalinga del tuo hamburger: una specie di avvicinamento tra ricordi affettuosi e un modo di non farti scordar di me :-)))).
      Abbraccio anche a te, grande.

      Elimina
  15. lastufaeconomica24 novembre 2012 09:13

    Penso proprio che gli hamburger facciano parte, volenti o nolenti, della storia di ognuno.
    Ogni tanto portavamo le nipotine - "nonna andamo a mangiare le chifezze?" - evidentemente sua madre (mia figlia) li chiamava così, molto chiaramente per dire che lei preferisce farli in casa.
    Ma era divertente e tenero vedere come le bimbe rovistavano nella scatola con hamburger, patatine e...il giochino....
    Ora noi due (figli fuori casa e in giro per il mondo)quando andiamo in un centro commerciale, ci guardiamo e ci diciamo - andamo a mangiare chifezze? -
    Ma sai che a N.Y., dove vive mio figlio, non ho mai mangiato hamburger, ma solo hot dog dai carrettini in strada?
    Però ora copio la tua ricetta, mi piace e voglio provarla.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonna fortunata: sei in giro per il mondo con chi ami e hai nipoti che avevano e hanno piacere a passare del tempo con te... ribadisco, donna e nonna fortunata!!!
      Ti dirò , comunque , che anche gli hot dog sono "chifezze" che mi fanno andare in brodo di giuggiole :-)... anzi mi hai dato proprio un'ottima idea :-))
      Grazie mille e buon fine settimana anche a te

      Elimina
  16. lastufaeconomica24 novembre 2012 10:35

    Daniela, prova prova, vediamo se questo lo prende.

    RispondiElimina
  17. I love hamburger, alla follia, e la tua foto mi fa venire un sacco di fame :) Ho capito bene che siete in 5? Ma quanto sei brava! Ma soprattutto, quanto sei paziente, io sono già esaurita anche solo con un marito hahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai capito bene!! E ti confesso che ogni tanto mi esaurisco pure io e mica poco :-)))))))))))))))))))))))))))) Ma tra gli altri 4 c'è sempre qualcuno disponibile a essere sorridente e a dirmi come sono brava!!!! a volte serve :-)
      bacioni

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...