OverBlog

venerdì 12 marzo 2010

Tazzine di cioccolato al latte con gelato al whisky, panna montata e caramello

Di Daniela


Scroll down for English version


Tra le svariate decine di cose che mi piacciono della mille volte citata Valtellina, c'è anche la presenza di 2 e dico 2, siorrre e siorri, fabbriche di cioccolato. Ora già è bella. già si può sciare e passeggiare in zone incantevoli, già offre eccellenti piatti tradizionali che stregano il palato, direte voi, pure il cioccolato!! E vi confesserò, che non è neppure un cioccolato di bassa qualità a sentire i miei nipoti e le mie figlie , che ogni volta andiamo su, ci porgono, con estrema gentilezza e un sorriso sulle labbra, una luuuuunga e dettagliata lista della spesa cioccolatosa da portare indietro al nostro ritorno. Con la prima che si incontra proprio all'inizio della valle abbiamo stretto una specie di amicizia (neppure fosse una persona fisica), e così, la signora alla quale ci rivolgiamo per i nostri acquisti, mossa a pietà dagli occhi languidi e dalla bavetta che scende agli angoli della bocca delle mie creature, ci ha concesso, dopo esserci bardate a dovere per via delle norme igeniche, di dare una sbirciatina alla stanza della fontana. Ora, io non sono un'amante folle del cioccolato, ma veder scendere a getto continuo da un rubinetto una colata di cioccolata profumatissima e tiepida, non so dirvi che cosa incredibile sia: tui viene voglia di essere una novella Anita che sguazza nella sua personale fontana di Trevi!!! L'ultimo acquisto, in ordine di tempo sono state delle tazzine di cioccolato della dimensione di una regolare tazza da caffè: e tanto per impiegarla in modo , diremmo, razionale, abbiamo pensato di riempirla di ogni goduriosità immaginabile e abbiamo creato queste...


TAZZINE DI CIOCCOLATO AL LATTE CON GELATO AL WHISKY, PANNA MONTATA E CARAMELLO


DSCF2576

Va da se, che è solo un suggerimento: perchè porre limitii alla vostra fantasia creativa!!

Per il gelato al whisky (questa è la ricetta vincente del programma televisivo "Masterchef" del Regno Unito nel 1995 . Non hai bisogno di una gelatiera e puoi utilizzare qualsiasi miele liquido. Io ho usato l'acacia, ma l'originale era fatto con il miele d'erica)

300 ml panna fresca
60 ml whisky
60 ml miele liquido
4 grandi rossi d'uovo


200 g di zucchero
150 ml di panna
1 noce di burro
whisky (mezzo bicchierino)



DSCF2574




Mettete lo zucchero in un casseruolino, meglio se antiaderente, sul fornello più piccolo del vostro piano cottura, a fiamma media. Lasciatelo lì, senza toccarlo, per un minuto o due, poi cominciate a mescolare, con un cucchiaio di legno, per evitare che lo zucchero a maggiore contatto con la fiamma si bruci, lasciando quello in superficie praticamente intatto. Non aggiungete acqua e non perdetelo di vista: scrollate un po' il casseruolino, mescolate lo zucchero ogni tanto e vedrete che nel giro di pochi minuti comincerà a brunire. Abbassate la fiamma e proseguite la cottura, fino a quando non prende il caratteristico colore scuro. Se avete un termometro da cucina, fermate la cottura a 140 gradi per il caramello biondo e a 155 per quello scuro. Bisognerebbe mettere subito il casseruolino in un altro più grande, contenente acqua fredda, ma in questo caso non serve


Mentre state preparando il caramello, scaldate la panna, badando a che non prenda il bollore.Appena il caramello è pronto, scioglietevi dentro una noce di burro, mescolando con una frusta. Poi, aggiungete la panna goccia a goccia. Questo è l'unico punto critico della preparazione di questa salsa, perché se aggiungete la panna a temperatura ambiente o- peggio ancora- fredda di frigo, il caramello vi si raggruma tutto e lo stesso succede se la versate tutta in una volta: per quanto calda sia, non avrà mai la stessa temperatura del caramello e questo provocherebbe uno choc termico, con conseguente "raggrumamento" del tutto. Quindi, portate pazienza e, all'inizio, versate la panna pian piano, aggiungendola a poco a poco, solo quando la precedente è stata perfettamente amalgamata al composto. Verso la fine, potete anche andare più veloci: l'essenziale è che continuiate a lavorare con la frusta, in modo da montare il composto: alla fine, avrete una salsa morbida, tipo il dulche de leche, per capirci, che ha il pregio di non indurirsi, neppure in frigo. A questo punto, aggiungere il whisky.




Il Gelato


Montate la panna fino a quando non è densa aggiungendo a poco a poco il whisky. Mettete il miele in un pentolino e riscaldate. Allo stesso tempo, battete i tuorli in una terrina. Versate il miele caldo nella ciotola contenente i tuorli e continuate a battere il composto fino a quando è chiaro e denso. Appena si è raffreddato, unite delicatamente il composto uova-miele alla miscela di panna e whisky.


Mettete il composto in un contenitore da freezer e congelatelo per tre ore minimo. Per le prime due ore, mescolate ogni 30 minuti, perché la cosa importante è rompere i cristalli di ghiaccio che si formano agli inizi, per consentire al gelato di congelare in modo uniforme in modo che rimanga cremoso.


Appena pronto, mettetene una generosa porzione nella vostra tazzina di cioccolato, decorate con un po' di panna montata e terminate con la copertura al caramello.


Non ho aggettivi adeguati: provatelo!


Buon appetito


Dani




Honey and Whiskey Ice Cream on a chocolate cup, with caramello topping


DSCF2578


The honey and whiskey ice cream was a winning entry from the UK's "Masterchef" television programme in 1995. You don't need an ice cream maker and can use any liquid honey. I use Spanish orange blossom but the original used bell heather.


Ingredients for ice cream


Serves 4/6
300 ml double cream
60 ml whiskey
60 ml liquid honey
4 large egg yolks


For caramel:

1 1/3 cups sugar

2 tbsp whiskey

10 tbsp cream

1 tbsp. unsalted butter






Place sugar in a saucepan, preferably nonstick, over the smaller stove, medium heat. Don't touch it for one or maximum two minnutes, then stir with a wooden spoon to prevent the lowest sugar burns, leaving the surface intact. Do not add water and do not loose it sight: move gently the saucepan, stir sugar and within a few minutes it begins to brown. Lower the heat and continue cooking, until it gets its characteristic dark color. If you have a cooking thermometer, stop cooking at 140 degrees for blonde caramel and at 155 degrees for the dark. You would put immediately the saucepan in another larger, containing cold water, but in this case it's not necessary. While you prepare the caramel, heat the cream, making sure that it does not take the boil. Once the caramel is ready, melt into 1 tbsp salted butter, stirring with a whip. Then, add the cream drop by drop. This is the only critical point of the preparation of this sauce, because if you add cream at room temperature or-worse yet-cold cream caramel curdles and the same happens if you pour cream all at once: as is hot, will never have the same temperature of the caramel and this would cause a thermal shock, resulting in a complete clump. So, be patient and, at first, pour the cream slowly, adding it little by little, only when the former is perfectly mixed into the caramel. Towards the end, you can also proceede faster: the manin thing is that you don't stop working with the whip in order to mount the compound : at the end, you'll get a smooth sauce, like dulce de leche, that won't harden, even in the fridge. At this point, add the whiskey


Ice cream




Whip the cream until it is thick adding the whisky gradually. Put the honey in a small pan and heat it. At the same time beat the yolks in a bowl. Pour the hot honey into the bowl containing the yolks and carry on beating the mixture until it's pale and thick. Gently fold in the cream and whisky mixture. Put the mixture in a freezerproof container and freeze for three hours minimum. For the first two hours, stirring every 30 minutes, because the important thing is to break the ice crystals that are formed at the beginning, to let the ice cream frozen in a uniform manner so that it remains creamy.


Once ready, put a generous portion of your ice cream in the chocolate cup, decorate with a little 'whipped cream and caramel topping


Bon appetit


Dani

22 commenti :

  1. O Signurr!!! Non dico altro

    RispondiElimina
  2. Forse tre? quella di lecco di azienda ciocccolataia l'hai contata? Cmq ti devo mandare un link..c'è un sito che vende prodotti valtellinesi anche on line....è il sito della latteria di bormio..:DD(del gelato non ti dico niente..niente niente)

    RispondiElimina
  3. Ma sono meravigliose!!!!!
    Ho una domanda posso fare questo gelato anche nella gelatiera????

    RispondiElimina
  4. Che goduriaaaaaaaaaaaaa a 360 ° !

    RispondiElimina
  5. madonnasantissima, cosa mi tocca vedere al mattino presto???? non ho fatto in tempo a leggere il procedimento, lo farò stasera con calma... intanto complimentissimi per le foto!!

    RispondiElimina
  6. wow, che botta di "calore" in prima mattina :-) favoloso e da infilarci le dita!
    ciao

    RispondiElimina
  7. Ecco la goduria delle godurie, il Vizio Supremo, come lo chiamerebbe Alessà.

    Dani, non hai fatto nomi ma... i nomi noi vogliamo!!!! Per caso queste fabbriche di cioccolato vendono anche per corrispondenza? Le tazzine le voglio suuuuuuuuubbbbbbbito!!!!!!!!

    Modifico il messaggio prima della pubblicazione perché... sarà un caso, che la parola che mi è stato chiesto di digitare sia "phorcel"???? :-D

    Un bacione!

    RispondiElimina
  8. un gioiello è questa tazzina,raffinata e ricca di bonta.Una goduria per gli occhi e il palato.Una vera fortuna abitare vicino a queste fabbriche,è bene approfittare..Baci Damiana!!

    RispondiElimina
  9. Questo post fa male...fa male prima agli occhi per la fotografia "parlante", fa male all'anima che sa già che dovrà raccontare mille frottole a chiunque pur di aver la scusa per preparare una simile delizia, fa male al fisico perchè di certo mi ingozzero di gelato fino alla sofferenza più estrema, fa male alla memoria che oramai ha impresso a livello neuronale l'immagine di una "fontana" di cioccolata, fa male al morale che nel caso non riuscirà a rifare questo piccolo capolavoro dolce sarà "abbattuto" e quindi costretto a buttarsi su ogni tavoletta di cioccolato che riuscirò a reperire in un paio di Km non risparmiando nemmeno prodotti sottomarca e scaduti!
    Miiiiiiii....quanto fa male MT!!!
    Ahahahahaha
    PS
    Complimenti davvero! ;)

    RispondiElimina
  10. intervengo d'ufficio perchè la Dani è a Bormio e non so se riesce a collegarsi anche da lassù. Lunedì, comunque, è di nuovo a sudare sulla tastiera e pronta a giustificare questo attentato. Posto che ci riesca...
    ale

    RispondiElimina
  11. Meno male che mi piace poco il cioccolato, ma tutto il resto sììììì.
    Sempre in giro la signora...

    RispondiElimina
  12. Molto carina e bella questa presentazione.

    RispondiElimina
  13. così non vale!!!!! ora non avrò altri pensieri che questa meraviglia.... tazzine e contenuto!!!!

    RispondiElimina
  14. Questa sì che è una meraviglia!!! bella, golosa e particolare...sicuramente stupirei i miei ospiti...complimenti un bacio Luciana

    RispondiElimina
  15. I NEED gli indirizzi...please!

    RispondiElimina
  16. WOW non ho parole neanch'io ..... che goduria la voglio anch'io una tazzina così.
    buon weekend
    cristina

    RispondiElimina
  17. Salvata la ricetta per momenti meno dietetici :-D
    Non ho la gelatiera, per cui questa è perfetta!

    RispondiElimina
  18. Eccomi!!! scusate tutti ma di qui ho la connessione lentissima e prima che riesca a rispondere ci metterò un po'!!!!
    Intanto
    @ Alem certo che puoi farlo anche con la gelatiera,!!!

    @ Genni ho già messo il link per la latteria nelle ricette con formaggi vari!

    @ Mapi certo che ti faccio il nome: quella che crea le tazzine si chiama choco alpi . Una goduria assoluta!!!

    @ Mario, siamo nocivisssssssssssssssssssime!!!!
    baci

    @ Muscaria momenti meno dietetici. definizione perfetta

    @ Elga Mary e Marta grazie mille!!!!

    @ Cristina e Babs : mi fa piacere avervi "tentato"!! baci

    @ Damiana si, vivere li vicino a chi produce il cioccolato deve essere veramente complicato!!!!
    Un bacione

    @ Silvia, neanche io amo troppo il cioccolato ,ma quel posto è una tentazione fosse solo per il profumo! Bacissimi


    @ Linda, Fabiana e Luciana Grazie mille !!! Un bacio


    @ Virò Choci alpi!! :-)))) Baci

    @ Cristina grazie!

    RispondiElimina
  19. Oh goodness...this looks fantastic! Wow!

    RispondiElimina
  20. Divertiti anche per noi! :-)
    Un bacione!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...