OverBlog

domenica 13 novembre 2011

E apriamo le danze (e le finestre): il baccalà di Nora all'MTC: quando Fattori incontra Guerrazzi...

 Collage di Nora

...il primo che azzarda una rima, so' cavoli suoi....

 

Dunque, fatemi pensare:
Prima partecipazione: Macedonia Antinebbia (e già, ci stava simpatica)
Seconda partecipazione: Spatascio-roles (e 33 standing ovescion, a seguire)
In mezzo, una candidatura alla Presidenza ad honorem dell'Ormo chat- e un grazie sommesso alla fascia protetta, che ci impedisce di illustrarvene i motivi. 
E adesso, questi. Che arrivano prima del tempo, sono una ricetta pensata-studiata- elaborata e, come se non bastasse, pure doppia. 
Insomma, lo possiamo dire o no, che abbiamo creato un mostro??????

Serissimamente: mettetevi comodi e prendetevi dieci minuti. Perchè questi ravioli sono davvero una ricetta da leggere con attenzione, sia per quanto riguarda l'elaborazione che il procedimento. Per la lettura del post, invece, nessuna raccomandazione: ormai la conosciamo troppo bene, per non aspettarci un resoconto esilarante delle sue avventure, dal primo all'ultimo raviolo!


Ciao MT!!!
come anticipato ad Ale ieri sera...HO LAVORATO PER MTC!
Incredibilmente me ne è uscita una bellissima ricetta che entrerà nella lista delle ricette *di casa*, con tutto che al marito nn
piace il pesce !
Ho fatto 2 versioni di ravioli e ho in "lavorazione" anche una lasagna. L'ho fatta, fotografata, archiviata in freezer per i "tempi bui"
e sto buttando giù due righe per presentarvela.
Due info sulle foto:
1- quelle indoor sono gialle ma più di tanto nn venivano. Era sera, la pasta nn potevo farla stamani...la macchina fotografica è quella scrausa che
    ho da un po' e, soprattutto, NON SONO UNA FOTOGRAFA..... ma di questo ve ne sarete già accorte;
2- quelle in esterno sono state fatte alle 8 di mattino con un pallido sole milanese.... sul balcone di casa mentre il custode, dal giardino (abito al primo
   piano) mi guardava allibito.
Ora ho una valanga di cose da sitemare (non ultima una cucina che grida pietà), il cucciolo da far studiare, spesa e altre bazzecole. Pertanto spero vi
servano i miei esperimenti deliranti ;-)

Let me know!
Nora


Prima di tutto una considerazione: diventa sempre più difficile partecipare all’MTC! Si, perché una volta entrati nel loop… NON SE NE ESCE!Per giunta siete tutti dei miti per inventiva, abbinamenti, presentazione, foto! Io sono invece una semplicissima casalinga a tempo perso (non disperata neh!) che cerca idee nella blogsfera perché non ama rifare sempre le stesse cose. 
A remare contro ho pure un marito che è l’incarnazione della DIETA MONOTONA… nel senso che, se propongo qualche cosa di nuovo, non si entusiasma  ma guarda diffidente la nuova proposta e non si sbilancia se non MINACCIATO.
Facciamo un esempio: dopo il viaggio di nozze, al primo sabato “casalingo” decisi di fare un bel pollo alla cacciatora e, una volta presentato il piatto al neo-maritino….attesi che lo assaggiasse, tutta trepidante. Il bravuomo, dopo avere sbafato metà pollo, alla mia richiesta ESPLICITA “Amore, ti piace?” mi guardò dritto negli occhi perplesso e rispose: “Si, buono ma….. una cosa normale come una cotoletta o due polpette no?!” facendomi provare quel vago senso di frustrazione.. che ancor non m’abbandona.
Uniche soddisfazioni mi vengono dal mio cucciolotto Andrea, strenuo sostenitore dei miei esperimenti culinari e vostro accanito lettore. E’ lui che mi consola, mi istiga a partecipare ogni volta a questa sfida.
Questa volta i problemi sono:
1. Il marito NON ama il pesce (ne aborre pure l’odore… poer fieou – povero figlio) e mi ha diffidata dal cucinarlo con lui presente in casa ;
2. Non ho MAI cucinato il baccalà (mangiato tante volte, quello si, ma cucinato MAI);
3. Dopo la figuraccia della scorsa ricetta , non vorrei che oltre a ET, mi conoscessero tutti i gatti del vicinato……
E… i punti a favore?
1. Andrea ADORA il pesce (tutto la sua mamma ammmore!)
2. La gatta Ariel ADORA il pesce (tutto sta a non lasciarlo dissalare troppo a portata di .. zampa!)
3. DATUM: mi sto divertendo TROPPOOOOOOO!

Pertanto mi sono messa alla caccia del baccalà, che ho trovato (già dissalato) al mercato del mercoledì.
Quindi mi sono messa al lavoro!


FATTORI LI PREFERIVA COSI’
(ovvero  I ravioli bicolori alla Livornese)



Ingredienti (per il ripieno)
800 gr. di baccalà già dissalato
2 spicchi di aglio un po’ grossini
Pomodori ramati  5 (maturiiii)
Olio EVO (figoooo , posso scriverlo anch’io come gli cheffff)
Prezzemolo
Sale (solo dopo averlo assaggiato)
Pepe q.b.

Ingredienti per la pasta:
200 gr. farina 00
2 uova intere
Concentrato di pomodoro (1 pizzico)

ESECUZIONE:

Ho seguito la ricetta della nostra Cristina:  tagliare a tocchetti grossi i tranci di baccalà già dissalato. Infarinare e scottarei in una padella antiaderente dove avevo già rosolato appena appena gli spicchi di Aglio.
Lavare, tagliare a metà i pomodori e appoggiarli dalla parte tagliata in una padella antiaderente SENZA CONDIMENTO, chiudere con un coperchio e far cuocere su fuoco medio/basso per alcuni minuti sino a che l’umidità degli stessi, staccherà la buccia.
A questo punto eliminare la buccia e schiacciare con una forchetta la polpa un po’ ammorbidita, trasferirla nella padellina con il baccalà, salare(solo dopo avere assaggiato le carni), aggiustare di pepe e lasciare cuocere sino a che il pesce ne esce morbido e il sughetto si ritira.
Prima della fine della cottura aggiungere un poco di prezzemolo tritato finemente.



Mettere sulla spianatoia la farina facendone una fontana, adagiare le uova rotte e mescolate con la forchetta al centro. Aiutandovi con la forchetta fate assorbire pian piano le uova alla farina e poi cominciate ad impastare (con la parte alta del palmo si fa più pressione!) fino a che l’impasto è uniforme, morbido ed elastico.

Dividete l’impasto in due parti (potete pesarle o farle ad occhio)…e ad una di queste aggiungete tanto concentrato di pomodoro quanto serve per dare alla pasta un colore rosso… pomodoro… appunto!

Avvolgete i 2 panetti con la pellicola e fateli riposare almeno 1 oretta.

Nel frattempo il baccalà si sarà raffreddato? Bene: aiutandovi con una forchetta, sminuzzatelo in parti piccolissime (non utilizzate frullatori o cutter perché diventerebbe troppo “pappetta” e non darà soddisfazione) e, nel caso sia troppo bagnato, fatelo asciugare ancora un po’ in padella.

Stendete la pasta colorata in una sfoglia sottile tanto da far intravedere le dita quando la alzate.

Stendete la pasta NON colorata in una sfoglia sottile tanto quanto l’altra.

Formare tanti mucchietti di baccalà sminuzzato sulla sfoglia rossa aiutandovi con un cucchiaio. Bagnare la sfoglia colorata attorno al ripieno e appoggiare sopra la sfoglia neutra.

Aiutandovi con le dita fate uscire completamente l’aria dalla parte “cicciotta” del raviolo avendo cura di far aderire bene le 2 sfoglie attorno.


Tagliare con una rotella apposita (oppure con il coltello…. Non sottilizziamo!) e staccare i ravioli dalla spianatoia , passarli nella farina (meglio se di semola…. Attacca meno) e metterli in in vassoio coperto da un canovaccio infarinato o da un foglio di carta forno a … riposare)-



Riempire una pentola MOOOLTO grande con acqua, 2 cucchiali olio EVO , e salare come per la cottura della pasta. Gettare i ravioli (pochi alla volta) quando l’acqua inizia a sobbollire per evitare che si impastino o si disfino in cottura.
 IMPORTANTISSIMO: L’acqua deve bollire DOLCEMENTE!!! Altrimenti tracima e disfa tutto il lavoro fatto!

A cottura raggiunta scolarli con la schiumarola molto delicatamente e condirli con un po’ di  burro fuso dove si sono fatti tostare alcuni semi di Nigella (Vedi Mapy che ho trovato il modo di utilizzarli??).


Volete un alternativa? Al condimento? Eccovi allora

I RAVIOLI DEL GUERRAZZI (politico e scrittore del Risorgimento)
Ovvero  VIVA LIVORNO VIVA L’ITALIA (come me abbiamo bisogno !!)




Variante condimento:
Ingredienti:
2 zucchine chiare
4/5 foglie di basilico
1 scalogno piccolo
Pinoli
Sale (poco)
Olio EVO

Procedimento:
Lavare le zucchine e tagliarle a rondelle. Farle stufare in una padellina con scalogno tritato e olio EVO (poco!) Quando le zucchine iniziano ad appassire, toglierle dal fuoco prima che diventino tostate. Emulsionarle con l’olio EVO (versato a filo)  con frullatore ad immersione assieme a 2/3 cucchiaiate di pinoli, le foglie di basilico ben lavate e sale. Insistere sino a che si saranno trasformate in un *pesto*.

Usare il condimento a specchio nel piatto e per condire i ravioli in alternativa al burro fuso, guarnire con qualche pomodorino tagliato a crudo per dare quella nota un po’ acidina che non guasta.

Note mie (e di Andrea):
Il pesto di zucchine si sposa benissimo con i ravioli ed il gusto del pesce mentre la nigella e il burro fuso ne esaltano il gusto delicato …..
La gatta Ariel ha trascorso tutto il tempo della preparazione, seguendomi passo passo a coda dritta, nella vana speranza di distrarmi ed approfittarsi della situazione! Quindi, se avete un amico *felino*… BUONA FORTUNA! (Per la cronaca: le sono stati ceduti alcuni tocchetti avanzati dal ripieno che ha gradito ECCOME !!!)

Le foto, purtroppo, non  rendono giustizia a un piatto che, per questa volta MI E’ RIUSCITO!!!

23 commenti :

  1. ed ecco la seconda che leggo e che mi riconferma che anche questo mese doro sonni tranquilli!
    io che poi sono una tortellomane, raviolomane, pasta ripienomane non posso che adorare questa ricetta!

    RispondiElimina
  2. Come inizio direi che non è niente male anzi!!!
    c'è tutto e di più. Più livornesi di così, ravioli rossi dentro e fuori!! Anche la versione tricolore è notevole, complimenti e grazie Nora, mi hai emozionato!

    RispondiElimina
  3. Raga, che fantasia che avete voi partecipanti all'MTC!!! Grandiosi!!
    P.S.: Se Fattori incontra Guerrazzi "so' c.....i sui" si dice, contraendo l'aggettivo possessivo, in perfetto tuscany style ;-DDDD
    Giulietta

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia, ho l'acquolina in bocca!! Complimenti Nora ^__^

    RispondiElimina
  5. Bellissimi questi ravioli, complimenti! (e un grosso booooo!!! al marito!!!! ^_^

    RispondiElimina
  6. Che bel piatto e che bontà!! io e il mio aiuto cuoco oggi abbiamo preparato la lasagna con il baccalà, prossimamente su questi schermi...slurp...

    RispondiElimina
  7. E questa è una doppia super ricetta...complimenti !!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  8. Ma qui si sta esagerando davvero...avete creato un Mostro di Bravura!!! e pure di simpatia...baci e complimenti a Nora!!!!

    RispondiElimina
  9. Ecco...ditemi voi ..con un inizio così.... sono già inibita!!!!

    E comunque insisto se anche fosse per postare un solo post al mese per MTC ...VOGLIAMO il blog della NORA !!!!!
    Andrea convincila tu..... tu ce la puoi fare!!!

    RispondiElimina
  10. Posso solo dire che il raviolo era il mio progetto originario...quindi la strada era quella giusta...E adesso? Rimettiamoci a pensare...mumble, mumble. Splendida ricetta, un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  11. Grande la nostra Presidentessa ! e ribadisco che voglio che apra un "blogghe" anche lei...

    RispondiElimina
  12. Mittttica Nora!!! Mi hai fatto sganasciare!!! Infamia al marito che non apprezza gli esperimenti e al contempo...tutta la mia comprensione per l'"odio" verso il pesce....questa sfida per me sarà veramente durissima!!! I tuoi ravioli sono bellissimi...ma non ti offendere se non li assaggio, non è colpa tua, è colpa del pesce!! ahahahha

    RispondiElimina
  13. anche le celiache fanno ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooh!

    ammirata!

    RispondiElimina
  14. Il raviolo è il progetto originario di molti. E resta tale. come dicono a Masterchef, fate piatti "che vi rappresentino"... anche se qui abbiamo paura delle conseguenze :-)
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  15. che bello!!!!oggi vado a dare la caccia al baccalà!

    RispondiElimina
  16. Giusto Alessandra! Ci sono tanti tipi e forme di raviolo......il raviolo antropomorfo però no per carità! :-))

    RispondiElimina
  17. Che bel piatto, e che simpatica! :-)

    RispondiElimina
  18. Urka, non mi aspettavo tanto seguito… ormochat a parte, s’intende o_O
    @ Giulia: ti inviterei ma… abbiamo già sbafato tutto 
    @ Dauly: Grazie! Ma… credimi è meno difficile di quel che sembra!
    @ Cri: ;-)
    @ Giulietta: giuro… non mi ero accorta di quanto si prestasse ad una rima “baciata”…. 8-)
    @ Julie: Grazieeee!!
    @ Mapy: visto che sono riuscita a utilizzare i tuoi semini?... sono di un gasato!! 
    @ Chiarina-ina: belli nn troppo… erano un po’ sghimbesci… ma sapessi che buoni!
    @ Valentina: VAIIII!!! Cucinare con i figli è una gioia ancor più grande! :-*
    @ Loredana: Grazie ma di doppio c’è solo il condimento (condimento che ho “rubato” ad uno chef mio amico…. Grazie Alex)
    @ Elena: Mostro?! … APPUNTO ma non come intendi tu ;-)
    @ Flavia: citto lì… questo è stalking e adescamento minori… (per mio figlio perché per quel che mi riguarda sarebbe adescamento di minorata) =D
    @ Patty : nooooooo PROVACI!!! Più gust is mei ke uan! Oppure cambia forma…
    @ Francy: tu quoque?! Ma che blogghe… BLOB!
    @ Silvia: se vuoi rifo… con ripieno alternativo 
    @ La gaia celiaca… Daiii cambia farina e falli anke tu GLUTEN FREEEEEE!!
    @ Ale: parole sante!
    @ Aria: … scusa… ma non sarebbe meglio … a pesca?! ;-)
    @ Cristina: .. antropomorfo… perché no?!
    @Luisa : Grazie!

    Grazie ancora a tutte .... sniff sniff sniff. (lacrimuccia... ke pensate! ;-) )
    Nora

    RispondiElimina
  19. Anni che non ci incontriamo e dove ti ritrovo? In cucina! E che cucina! Mitica eri, mitica rimani.
    Paola I

    RispondiElimina
  20. wow belli belli e me pure venuta fame :P

    RispondiElimina
  21. Paola@ ;-)

    Mamma Papera@ se sono belli i miei:che dire delle tue meraviglie? Ci sono passata ora da te è ho ancora la mascella bloccata!!!

    Nora

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...