OverBlog

venerdì 30 novembre 2012

God Bless Nigella!- Fudge al latte condensato (in 3 minuti)



Quello che penso di Nigella Lawson l'ho detto qui, in tempo non sospetto.
E siccome mi sembrava di non essere stata sufficientemente chiara, l'ho pure ribadito. 
Il resto, lo lascio a questo fudge.

fudgeA


Nell'ormai consolidata classificazione dei cibi per portate- antipasto, primo, secondo etc etc- il fudge va all'unanimità nella categoria della "Porcata Galattica". D'altronde, più passano gli anni e più sono consapevole che una fetta della mia reputazione è stata persa sul marciapiede del Royal Mile, precisamente di fronte alla vetrina del negozio che lo produce in tutti i gusti possibili. L'ultima volta che ci sono stata, tre estati fa, c'era ancora: e con quello che gli ho lasciato, credo che prospererà ancora per molto.
In ogni caso, fare il fudge a casa è cosa lunga, che non sempre riesce. Il rischio è di trovarsi con un composto che sta a metà fra il mou e il dulce de leche, troppo molle per essere il primo, troppo duro per essere il secondo. Ragion per cui, sono anni che ho rinunciato all'impresa, visti anche i tempi di preparazione e l'obbligo di veglia sul pentolone, preferendo comprarlo fatto, quando capita. 
Quest'anno, invece, ho trovato due ricette della mai troppo celebrata Nigella, una col latte in polvere e una col latte condensato, che hanno il pregio di riuscire al primo colpo. E, specialmente questa, in tre minuti esatti (escluso il riposo, ma non sono previste poppate notturne nè rimbocco delle coperte). Siccome mi è sembrato di capire che il latte condensato vi piaccia, parto subito con la versione ultrarapida, che riesce sempre e che è pure buona.


FUDGE AL LATTE CONDENSATO
(Nigella Lawson)

fudge1 



375 g di latte condensato (o l'equivalente del contenuto di una lattina)
375 g di cioccolato fondente
50 g di burro

Sciogliete al microonde tutti gli ingredienti, versare il composto in una teglia quadrata o rettangolare, rivestita di carta da forno e mettere in frigo, per circa due ore. 

Fin qui Nigella, ora tocca a me

1. Il peso esatto del latte condensato è quello delle lattine: da noi, in Italia, sono leggermente più grosse e il contenuto si aggira intorno ai 400 ml: c'è scritto sulla confezione, comunque. Pesate tanto cioccolato quanto latte. 

2. Visto che il mio microonde non funziona, ho sciolto tutto a bagnomaria. 

3. Per poter mettere in frigo le teglie, ne ho adoperate due, usa e getta in alluminio, più piccole della mia teglia da biscotti. In questo modo, si evita anche la carta da forno, altrimenti fondamentale per poter sformare il fudge, una volta solidificato

4. Versate il composto fino a metà del bordo- all'incirca, 2 cm di altezza. 

5. Per quanto riguarda il riposo in frigo, due ore son poche. Una notte, invece, è perfetta. Al mattino, avrete un fudge morbido ma compatto, che si lascerà tagliare senza appiccicarsi alla lama del coltello. Fatene tanti cubotti e teneteli in frigo fino a qualche minuto prima di consumarli. Oppure in una stanza che non sia esposta a vampate di calore come la mia cucina, dove c'è sempre qualcosa di acceso. Altrimenti, col caldo, si rammollisce un po'.

6. Per quanto riguarda i gusti, potete variare
a. cioccolato gianduja e nocciole
b. cioccolato fondente e pistacchi
c. cioccolato fondente e amarene sciroppate (ben scolate dal loro liquido di conservazione)
d. cioccolato bianco e cranberries (foto)
e. cioccolato al latte (foto)

Le variazioni partono tutte da una base al cioccolato, perchè a questa si riferisce la ricetta. Se volete (e se trovo il tempo di rifarlo), posto anche le dosi per il fudge neutro, quello conil latte in polvere, che è stato mangiato senza potersi concedere ai flash del fotografo.

Ah, importantissimo!!!!: il fudge che vedete in foto, è stato fatto a casa mia, poi trasportato a casa di mia mamma, proposto al corso di cucina (e quindi, tirato fuori dal frigo mille volte, tagliato, assaggiato, ri -tagliato e, quel che è peggio, lasciato sotto la luce artificiale e al caldo per parecchio tempo. Dopodichè, si è rifatto il viaggio all'inverso, a casa mia e in frigo. Quindi, è piuttosto sbattuto. Nello stesso tempo, ha retto alla stragrande, cosa che gli altri fudge casalinghi difficilmente riescono a permettersi. Il che, per quanto mi riguarda, è ulteriore motivo di apprezzamento, specie in tempo di regali di Natale...)

73 commenti :

  1. Ciao!
    Una domanda..........qual'è la misura della teglia di alluminio? oppure della tua teglia da biscotti?
    Come mi piaccio le cose che si fanno in 3 minuti........
    La mia "verve cuciniera" esplode letteralmente con questa ricetta!! :D :D :D
    Diana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belin -diana, sei come mia mamma: se non so una cosa, stai tranquilla che me la chiede :-)
      mentre scrivevo, pensavo: che misura avranno? e poi: ma figurati se me lo chiedono...
      ecco :-)
      poi ti racconto le domande che mi ha fatto mia madre, nel pubblico, alla conferenza di martedì sera. Da incenerimento immediato :-))

      allora, le teglie che ho usato sono quelle di alluminio per le lasagne :-)
      la porzione da 6
      con questa dose si dovrebbe riempire una teglia da biscotti classica, di quelle che vanno in forno ma non entrano in frigo (tipo un 35 cm nel lato lungo)
      Pitagora si sta rivoltando nella tomba, ma spero di aver reso l'idea :-)

      Elimina
    2. Sto ancora usando squadra e gognometro ... se volessi farli in stampini tipo cioccolatini???... ho capito mi faccio i ... fudge(s) miei!
      Bellisima idea la copio e diffondo il verbo... ah se non ci fossi tu la mia dietologa morirebbe di fame!
      Vado, a morir da ridere, e mi sa che la signora Lawson la potrei andare a riverire... portandole oro, argento e Birra! (che della mirra se ne farebbe un baffo!) il 3 dicembre a Milano. Mi sa!
      Nora

      Elimina
    3. Ho capito!!!e capisco anche tua mamma............. :D
      cmq a occhio e preparandolo l'avrei visto, pero'..............visto che c'eri.........
      Bacioni e assolutamente da fare anche in tutte le varianti!!!
      Gracias..... Diana

      Elimina
    4. Ma com'è che leggendo qui ho costantemente dei singulti e spasmi che mi scuotono le spalle e le colleghe si preoccupano?
      Siete mondiali!!!!!
      Ale vedo la tua mamma che ti fa la domandina serafica, come ci potrei vedere benissimo la mia...totale innocenza negli occhi e sganciano la bomba da 1000 megatoni!
      hahahahahaha...che donne!!!

      Elimina
  2. Risposte
    1. mi piace il "devo" :-) e non sai quanto ti capisca :-)

      Elimina
  3. No ma...io faccio fatica a stare dietro a tutte le cose che fai durante il giorno. Ed io non lavoro! Sono ancora studentessa (fino a febbraio, poi sarò ufficialmente disoccupata!).
    Comunque, dicevo, ci vorranno anche tre minuti a fare il fudge di Nigella ma come fai a fare tutto questo? Come fai lavorare, tornare a casa, cucinare, scrivere sul blog, pensare all'MTC, stirare, leggere, eccetera eccetera...(perché so che fai altre 164168465468 cose durante il giorno!).
    Oggi ben due post, uno qui e l'altro su Emmeticì. E non mi rispondere che sono programmati! Perché anche se sono programmati ci vuole tempo per scrivere!
    Tornando al fudge, io ho sempre rinunciato in partenza, mai provato! Ora ci provo (sempre se trovo il latte condensato...devo provare da Esselunga, altrimenti lo faccio in casa!). Quello bianco con cranberries me gusta assai!!
    Concludo dicendo SEI ASSOLUTAMENTE UNICA! E non sai quanto ti ammiri, nonostante non ci siamo mai stretti la mano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma anche in vena, quando capita :-)

      Elimina
    2. Ahahahahah! Risolto il mistero sono più tranquilla. Ma a chi fai riferimento, alla Nora? No perché magari qualcosina gliela chiedo anche io....:D

      Elimina
  4. La categoria "porcata galattica" è una cosa geniale!!! :D

    RispondiElimina
  5. Solo 3 minuti per cotanta porcata? Aggiungo alla lista dei regali criminali ehm culinari di Natale!

    Mi sto affezionando troppo a Nigella, inizio a sentire il bisogno di uno dei suoi libri. Vado a spulciare sugli scaffali dello Starbooks, di sicuro c'è qualcosa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è pieno di roba, guarda... Araba e Stefania O. su tutte!
      ma anche qui, c'è parecchio...

      Elimina
  6. Io amo Nigella, lascio criticare che ne ha voglia, ma io mi sento sua fedele suguace... detto ciò amo anche le tue ricette, e quindi questo lo metto da parte e sicuramenbte lo faccio starsubito!! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e poi facci sapere come è andata! ciao, seguace :-)

      Elimina
  7. Nigella è un mito, ricordo che durante una puntata mentre stegamava in cucina raccontò che un critico culinario l'aveva soprannominata "la regina dei piselli surgelati" e lei serafica rispose "non poteva farmi complimento migliore!" per dire il tipo che è. Ma sopra a tutto adoro i suoi sorrisetti compiaciuti mentre LEI si pappa gli avanzi direttamente dal frigo come dicesse "EMBE'?"
    I fudge non li ho mai fatti, ma farebbero la felicità di molti a casa mia.. in più belli infiocchettati sarebbero un regalo perfetto per le amiche a Natale, perchè mica si devono allargare solo i miei, di fianchi!
    Hai usato i cranberries disidratati?
    Grasssie per la ricetta e buon weekend!
    Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì. ma li ho messi direttamente così, perchè erano piuttosto morbidi. un'idea potrebbe essere ammollarli in acqua tiepida profumata con acqua di rose, che ci sta benissimo, sia col cioccolato bianco che coi mirtilli rossi..
      buon fine settimana!

      Elimina
    2. scusate ma , ammollarli nel brandy no???

      Elimina
    3. eccome! l'unica remora riguarda i bambini, perchè son cose che piacciono anche a loro, per cui magari è meglio sapere prima chi li mangerà. Ma anche l'acqua calda da sola, va benissimo

      Elimina
  8. Li amo alla follia, così come amo Nigella...ma non sarà una novità, vero Ale? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mi chiedo dove fossimo, tu ed io, nell'era ante blog :-)
      escludo lo scambio di culla, per ovvie ragioni anagrafiche.. ma sul versante di tutte le altre ipotesi, sono apertissima :-)

      Elimina
    2. Giusta domanda.
      Senza contare che dopo che mi hai salvato la vita ho avuto conferma che fossimo assolutamente predestinate ;-)

      Elimina
  9. Una cosa incredibile questi fudge!!!
    Ieri sera mentre cucinavo ho sentito di striscio (sì, lo confesso la stavo guardando) Benedetta alle prese con una cena inglese che diceva che le piace tanto Nigella, con l'aria di chi sta per aggiungere "è a lei che mi ispiro e che assomiglio"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il pernacchione è partito, forte e chiaro? :-)

      Elimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. non ci credo. mai provato causa consapevolezza acquisita con gli anni! ma visto che garantisci ci proverò anche io a bagnomaria perchè il microonde non ce l'ho avendo letto anni fa da qualche parte che può far danni agli occhi di chi porta le lenti a contatto!!!!
    irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. porto le lenti a contatto.
      Finalmente una scusa valida per non usarlo :-)

      Elimina
  12. Giusto la settimana scorsa li ho assaggiati per la prima volta e mi sono piaciuti molto....già rifatti. Ciao apresto.

    RispondiElimina
  13. Senza parole, per timore di sgocciolare... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahaha...scusate....ahahahahahahah

      Elimina
  14. wow, ma ci voglio provare anche io ^__^

    RispondiElimina
  15. A me interessa la versione senza cioccolato, grazie!
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quella, la devo rifare: ma se vuoi ti mando la ricetta e basta, senza la foto. intanto, viene, perchè lo faccio regolarmente

      Elimina
  16. Ricordo quanto ho sbavato ad agosto a San Francisco, quando sono stata da Ghirardelli....montagne di fudge e cioccolato, volevo murì!!!!
    Beh tanta roba Ale, brava!
    Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhhhhhhhhhhhhhhhh, ghirardelli...
      meglio cambiare argomanto, va...

      Elimina
  17. ieri al Gambero Rosso Lorraine Pascale ci ha messo i marshmallow e lo zucchero scuro. Inoltre, anche se la voce italiana diceva latte condensato, ha usato il latte evaporato che si riconosce ad occhio dalla densità diversa....

    Ma al di là delle diverse ricette il tema vero è che io non ho idea del sapore e, visto che ne vengono un bel po', vorrei prima capire cosa sto preparando.

    Non è che il latte condensato conferisca il sapore di mou? perchè quelle al cioccolato non sono nella mia hit parade

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio che questi son meno "raffinati" di quelli col latte in polvere. E il mou lo ricordano un po'.
      Ma non così tanto come potrebbe sembrare, specie in quelli un po' più elaborati, tipo il cioccolato bianco coi cranberries.
      Sono i tre minuti, che mi hanno entusiasmata- e la riuscita sicura, cosa che non si può dire di tutte le altre ricette che ho testato in questi anni.
      Anyway, apena rifaccio il fudge col latte evaporato lo posto. Giurin giuretto :-)

      ps la pascal è un'altra a cui non avrei dato due lire e invece è bravissima

      Elimina
    2. La Pascal non ha usato il latte in polvere, ma quello evaporato che è sempre liquido ma meno concentrato del latte condensato. L'ho acquistato a Roma, ma l'ho pure visto in alcuni negozi etnici a Bologna.
      Acquistato ma non ancora usato... come capita credo a molte di noi. Dovrebbe essere un ingrediente consueto nei dolci sudamericani

      Lorraine Pascal la seguo poco e occasionalmente, anche io non le avrei dato una lira; davvero la trovi bravissima?

      Ciao

      Elimina
    3. io giudico sempre e solo dai libri, mai dai programmi TV. il primo libro suo l'ho comprato per sbaglio, il secondo per convinzione. Logico, son ricette inglesi, in molti casi anche già viste: ma non ne ceffi una- e per me è già sinonimo di serietà. In più son ben spiegate, con qualche trucco intelligente qua e là 8non parodate, sia chiaro) e alla fine mi piace.

      Latte evaporato, celo :-)

      Elimina
  18. scusa per la domanda,si potrebbe usare la cioccolata con nocciola al suo interno??mi attiranno tanto ,grazie per la ricetta. A proposito anche io adoro Nigella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1. per quella, ti dò la ricetta :-)
      2. comunque, perchè no?

      Elimina
  19. Quello che amo di NIgella è la sua generale serenità, i suoi gesti che sono pacati, lenti e voluttuosi come la roba che spesso prepara. Adoro che si infili quei giacchetti di jeans striminziti ad altezza punto vita, e sotto straripino due fianchi che raccontano abbondanza e amore per il convivio. Amo la sua faccia bella, gli occhi neri sempre con un espressione di ironia e di gioco. Ed il suo modo di raccontare, lavorare, portare il cibo alla bocca in ogni momento, che mi fa sentire meno in colpa pensando a me quando cucino. La Nigella è la risposta felice a tutte le Csabe in circolazione, ciucciate e sputate dalla balena. Per questo e molto altro che tu hai già raccontano, non si può non amare Nigella, ed i suoi/tuoi fudge.
    Di conseguenza, lo sai, amo anche te!
    PAt

    RispondiElimina
  20. TGIN (Thank God it's Nigella) parafrasando TGIF (Thank God it's Friday)! Trovo fantastico questo fudge che si prepara in 3 (dico 3) minuti. L'ultima volta che l'ho preparato, ci sono volute 3 persone (con le spalle rubate all'agricoltura!) e almeno 2 ore! Una faticaccia, ma premiata! Proverò sicuramente questo "shortcut" fudge :)
    Buon weekend

    RispondiElimina
  21. Scusa la mia ignoranza, ma il latte condensato da che parte del supermercato lo trovo? Bancofrigo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dipende dai supermercati. A genova, di slito è nel reparto del latte a lunga conservazione... chiedi ai commessi, magari è meglio

      Elimina
  22. adoro Nigella e tutte le sue ehm.... porcate come le chiami tu, questo lo devo provare a fare poi vengo a dirti. Io amo anche Jamie Olivier, strano no? due cuochi inglesi, tu che ne pensi di lui? sono pronta a incassare qualsiasi risposta..........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leggi qui
      http://menuturistico.blogspot.com/2011/01/io-sto-con-jamie-oliver.html

      e poi c'è stato lo Starbooks di qualche mese fa, su Jamie's Britain.
      L'ultima volta in cui sono andata aLondra, sono andata acena al Fifteen e giusto oggi, visto che siamo di nuovo in partenza, mia figlia suggeriva come unica alternativa a Gordon Ramsay proprio il mitico Jamie :-)

      mi piance più di Nigella- ed è tutto detto!

      Elimina
    2. Ale, ti avevo scritto un commento ma mentre lo terminavo la mia bimbetta piu' piccola mi ha "aiutato" a trovare le lettere sulla tastiera quindi non so se il commento e' restato con qualche lettera senza senso oppure e' scomparso. Nel primo caso scusa, nel secondo ti avevo solo raccontato come a me il fudge non si amai riuscito col complicatissimo metodo tradizionale e quindi grazie per questa versione

      Elimina
    3. no, non è arrivato niente. Ma ho afferrato il concetto :-) e son contentissima!

      Elimina
  23. Ciao Alessandra.
    Anche a me piace Nigella, la trovo una pasticciona, ma é proprio questo che la fa tanto simpatica.
    Il latte condensato ci permette di fare tante ricette che vengono al primo colpo.
    In Brasile si utilizza tantissimo, anche per fare il dolce di latte, che é buonissimo.
    I tuoi mi hanno fatto venire una voglia di dolce.
    Sono buonissimi.
    Un abbraccio e buon weekend.
    thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima o poi lo troverò il tempo di chiederti un po' di ricette-e di provarle, cosa dici ? grazie ancora, è sempre un piacere quando passi di qui

      Elimina
  24. io non sempre; con Santin ho avuto la folgorazione televisiva e poi sono passata ai suoi libri ai suoi blog e a tutto quel che di santineggiante c'è in giro.

    Quindi assolutamente sì ai libri, ma vuoi mettere la soddisfazione di vederli all'opera, rubando tecniche trucchetti e analizzando volumi e consistenze dei loro semi-lavorati? Impagabile per me. Magari poter fare lo stesso con i Ducasse e i Marchesi e altri maestri! Di hermè per fortuna gira qualche video

    La Pascal, che non conoscevo, non mi ha folgorato tanto da convincermi ad acquistare i suoi libri. Nigella ha secondo me ha un'altra marcia anche se con i suoi curry a volte mi chiedo come faccia a dare ai bambini roba così piccante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio un distinguo.
      Lassù, ci sono i Santin, i ducasse, gli Hermè. Non necessariamente in questo ordine :-)
      parecchi piani più in basso ci sono le ex modelle folgorate sulla via di Damasco. Non avrei mai comprato un libro della Pascal, se non avessi sbagliato l'ordinazione su Amazon. Già che c'ero, l'ho sfogliato- e mi è piaciuto. Ho provato due ricette- e son venute. Ed erano anche buone. Per cui, il "bravissima" di cui sopra va applicato sempre alla sua categoria. E Nigella, è tutta un'altra cosa :-)

      Elimina
  25. Ma tu l'hai mai vista la puntata in cui ha preparato dei brittles da portare ad una cena alla quale era invitata e poi se li è mangiati tutti sul taxi andando alla cena suddetta? Che donna!! Come si fa a non adorarla? Dici che con questa ricetta si potrà fare anche il fudge al peanut butter, che è il mio preferito? ...quasi quasi ci provo...

    RispondiElimina
  26. Che meraviglia!!! Una 'porcata galattica' che DEVO fare assolutamente! Chi li riceverà sarà estremamente contento (per non parlare del maritozzo che dovrà sacrificarsi e mangiare quei cubetti che usciranno un pò stortignaccoli...). Ale sei mitica: una porcata galattica da 3 minuti... Cosa voglio di più?
    Buon fine settimana, un abbraccio
    Sarah

    RispondiElimina
  27. Wow!!!non fosse che ho 1000 punti in bocca sarei già all'opera per provarli!! me li segno però! eppoi diciamola tutta Nigella è splendida perchè rappresenta (vuole rappresentare) tante di noi che arrivano a casa alle 8 e, in corsa, arrangia una cena decorosa e gustosa in pochi minuti. a lei associo anche Jamie e forse anche laPascal (che pardon però fa un po "ficasecca"), Ducasse, Marchesi ecc per me sono un altro pianeta...grazie per la ricettina, a presto! an_top

    RispondiElimina
  28. Dici che fare il fudge è cosa difficile? Non so che dire... anch'io ho usato sempre questa ricetta stra-veloce e buonissima!! Belli bianchi!

    RispondiElimina
  29. Ciao ho proprio del latte in polvere in attesa di un dolce destino, potresti pubblicare la ricetta anche se non l'hai testata ? Posso immolarmi io ..
    Grazie mille ciao !

    RispondiElimina
  30. Scusate la domanda...sciocca! non credo di aver capito bene, forse perché non ho mai assaggiato il fudge...il latte condensato si scioglie e si mescola ai cramberry e al burro (quanto? 50 g su una lattina?) e stop?
    e il cioccolato? che ci si fa? nella foto il fudge è bianco...
    e il fudge al cioccolato si fa mescolando invece latte, burro e cioccolato?
    GRAZIE, a presto, complimenti per il blog, TI SEGUO DA UN PO'...
    www.rossolacca-pia.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il fudge è bianco perchè ci ho messo il cioccolato bianco. Ho fatto sciogliere tutto assieme (cioccolato, latte condensato, burro), ho mescolato e ho aggiunto i cranberries. Fai lo stesso con il cioccolato nero e con tutte le altre aggiunte di frutta secca: prima sciogli burro, cioccolato, latte condensato, poi aggiungi frutta secca. Fine :-)

      Elimina
  31. la ricetta poi ve la mando, ora son di corsa..

    RispondiElimina
  32. la vogliamo fare santa subito Nigella? :O)

    RispondiElimina
  33. Elisabeth da Bolzano5 dicembre 2012 12:53

    Ciao! Ho una domanda: qui da noi si trova del latte condensato in lattina, non zuccherato, molto liquido. Poi c'è il latte condensato della nestle in tubetto, che è cremoso. Nella ricetta usi il latte condensato non zuccherato, vero? Ho solo il dubbio che quello che trovo qui della "Bärenmarke" tedesca, non zuccherato non vada bene, perchè è proprio tanto liquido. Puoi aiutarmi? Un saluto e complimenti per la ricetta, non vedo l'ora di provarla!

    RispondiElimina
  34. M-a-g-i-c-o!!!
    ....io invece do per scontato che sia il latte condensato zuccherato...anche perchè invece da noi quello non zuccherato che usavo per fare il gelato indiano, non c'è più!!...finisce drittissimo nei miei regalini natalizi!
    Ma secondo te, tenuto un pò al freschino quando dura, due o tre giorni o un pochino di più?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. latte condensato zuccherato
      mooolto di più: anche una settimana!

      Elimina
  35. Fatto ieri sera da portare oggi ad un pranzo: cioccolato del commercio equo al 70% e nocciole buone. Se ne resta dopo che l'ho tagliato a cubotti... Me lo sto mangiando tutto mentre taglio...
    Grazie 1000!
    Per Natale provo tutte le varianti!
    Laura

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...