OverBlog

martedì 14 settembre 2010

mtc- japanese cotton cheese cake zebrata, in salsa al cioccolato (Mapi Bruscia)

cheesecake mapi


Diteci voi.

No, dico, diteci voi cosa ci resta da fare di fronte a questa qui, che apre le danze dell'emmetichallenge con non una ma due cheese cake e non con una ma due proposte da fine del mondo.

Cosa facciamo?

Rompo una delle amicizie più belle che ho?

Priviamo menuturistico di una pusher di commenti divertenti, surreali, spiritosi, sagaci, bastardi dentro e fuori che di più non se ne può?

Mettiamo in giro la voce che è tutto finto, non sa cucinare, è tutto merito di photoshop o del vicino di casa, con il rischio di essere privati per sempre delle sue sablè alle nocciole con mousse di gorgonzola o delle sue albicocche al cointreau?

Oppure pubblichiamo impavide, invitandovi a resistere, perchè quando il gioco si fa duro, è lì che i duri non mollano, è lì che escono i migliori, è lì che si devono sudare lacrime e sangue, è lì che si devono stringere i denti....cioè, questo no: qui, c'è da spalancare le fauci, altro che storie....

Una stamattina e la prossima nel pomeriggio.... cosa ci tocca fare...:-))))

Rullo di tamburi.....

Cotton Soft Tokyo Cheesecake Zebrato

di Mapi


Cheesecake Zebrata mapi


“Chi ha tempo non aspetti tempo” dice il proverbio, e la saggezza popolare ha in comune con la mamma l'irritante abitudine di avere spesso ragione. Non sempre, badate, ma spesso.

Per questo dolce ad esempio, il proverbio ha ragione da vendere. Saranno un paio d'anni, da quando l'ho vista sul blog del Cavoletto, che mi riprometto di farla. Talvolta mi sono spinta fino ad acquistare il Philadelphia, ma poi l'ho mangiato con l'insalata e non ho più fatto la torta.

Adesso sto pagando il fio della mia pigrizia, perché la terza sfida dell'MT Challenge riguarda proprio questa torta, così sono stata costretta a farla e a trovarci pure delle varianti.

La mia proposta è banale: non ho abbastanza dimestichezza con questa ricetta per cambiarla, così mi sono limitata a cambiare un po' il look al risultato finale.

La ricetta che ho realizzato è quella del Cavoletto con la sola aggiunta di vaniglia e cacao:

Cotton Soft Tokyo Cheesecake Zebrato

250 g Philadelphia
6
uova
140 g
zucchero
100 ml
latte
60 g
farina autolievitante
50 g
burro
20 g
amido di frumento
1 cucchiaio
succo di limone
1/4 cucchiaino sale

i semi di 1 bacca di vaniglia

3 cucchiai colmi di cacao amaro in polvere


Per la ganache:

200 g di panna fresca

150 g di cioccolato fondente al 55%


Accendere il forno a 160 °C.

Fondere il burro e lasciarlo raffreddare; mescolarvi il formaggio, il succo di limone e il latte ottenendo una cremina omogenea.

Incorporare la farina, l’amido di mais, il sale e i tuorli, e mescolare bene.

Montare gli albumi finché siano pressoché sodi, aggiungere gradualmente lo zucchero, fino a ottenere degli albumi ben compatti.

Incorporare gli albumi al composto delicatamente, mescolando dal basso verso l’alto.

Dividere l'impasto in due parti uguali e in una di queste aggiungere i 3 cucchiai colmi di cacao amaro, mescolando molto bene per ottenere un composto dal colore omogeneo.

Versare l'impasto in una teglia di 26 cm di diametro, procedendo così: versare al centro un cucchiaio di impasto chiaro e sopra questo un cucchiaio di impasto scuro. Proseguire in questo modo, un cucchiaio alla volta, fino ad avere esaurito entrambe le pastelle.

Mettere la teglia in una più grande e versarvi dell'acqua in modo che arrivi a due dita di altezza della teglia con dentro la torta.

Infornare per 45 minuti circa o anche più (fare la prova stecchino).

Lasciar raffreddare bene e servire con una ganache ottenuta facendo scaldare la panna e aggiungendovi il cioccolato in pezzi, mescolando finché si è sciolto bene.


Maria Pia Bruscia

21 commenti :

  1. eh, vabbé! Dopo una presentazione del genere che la mando a fare la mia?! Super MaPi!!!

    RispondiElimina
  2. Oddio! già la sfida era difficilissima (almeno per me) adesso diventa addirittura impossibile, questa è perfetta...quella ganache che cola poi..Mmmmm. Uffa!

    RispondiElimina
  3. Mannaggia la miseria Ale, come hai fatto a sapere che il mio vicino di casa è un mago di photoshop???
    Eppure giurerei di non averlo detto mai a nessuno, neppure alla mamma... :-D

    Grazie come sempre di tutto: riesci a trarre il massimo dal poco che c'è in giro...

    RispondiElimina
  4. BELLISSIMISSIMA Mapi e le foto ???????????????????.complimenti Simonetta

    RispondiElimina
  5. Ho gli occhi spalancati davanti allo schermo, quella che ho fatto io in confronto è una vera schifezza!!! :(:(

    RispondiElimina
  6. Mapi, sono a corto di aggettivi, favolosa è riduttivo. Brava! Un baciotto.

    RispondiElimina
  7. io sono senza parole, è bellissima.
    e ora noi che partecipiamo a fare?

    già non mi venivano idee né banali né -figuriamoci!- brillanti, adesso che faccio, mi vado a nascondere sotto il tavolo?

    RispondiElimina
  8. Non ho parole....Troppo bella questa torta! Buona giornata....

    RispondiElimina
  9. Stamane avevo appena finito di complimentarmi per la "Totta", ammiravo quindi quella di Chicca e Acquolina...poi arriva MaPi e mi sento definitivamente come un terrestre su un pianeta Alieno. MaPi confessa...tu assumi sostanze psicotrope che ti permettono di immaginare queste soluzioni in realtà parallele, vero?! :P
    Che ai fornelli tu sia bravissima questo è fuori di dubbio...ma è lo spunto...come dire l'X-Factor che non mi torna...ti prego dimmi almeno il principio attivo...ne avrei bisogno anche io!! ahahahahahahahahaaha
    Scherzi a parte, se mi posso permettere mi faccio portavoce di una OLAAAAAAAAAAAA da montagna...e cioè di quelle con l'eco!!! ehehehehehe :PPP
    Chapeau MaPi :))

    RispondiElimina
  10. eh no infatti.brutte idee brutte foto..ah io l abutterei fuori!:D(scherziamo??? altrimenti tocca darle un premio fisso:DD )
    smack!

    RispondiElimina
  11. davvero strepitosa!!e chissa'che buona..

    RispondiElimina
  12. cara mapi, sarà anche banale, ma fa venire un'acquolina... bravissima!!

    RispondiElimina
  13. Ma che delizia soffice e golosa questo cake! davvero molto particolare e ricercata!
    complimenti!
    baci baci

    RispondiElimina
  14. Wow! Mapi è una forza, si sa!!!

    RispondiElimina
  15. Siamo su un altro pianeta..io sono solo su un altro continente..che ce vo' fa'...Ma come si fa a fare una cosa cosi cosi...cosi invitante al massimo godimento papillare...? Bravissima..

    RispondiElimina
  16. Grazie di cuore a tutti, ma quelli che si sono avvicinati di più sono Ale con il vicino e photoshop e Mario con le sostanze psicotrope :-D (non posso scriverti qui quali e come me le procuro, te lo scrivo in pvt!!! ;-) )

    In realtà, parliamoci chiaro, è solo una questione di make-up, una variante della marmorizzata.

    Io ad esempio ho apprezzato molto di più la TOTTA di Ginestra perché lei sì che ha innovato la ricetta, con yogurt greco e pasta di pistacchio (yummmy!!!).

    E adesso fatevi sotto con le vostre proposte, che qui viene fuori un pdf coi fiocchi! :-D

    Un bacione a tutti.

    RispondiElimina
  17. E io questa mica l'avevo capita!!! Che adddirittura due ne ha fatte! E pure "banale" dice lei!!! Ho capito, le tolgo l'amicizia!

    RispondiElimina
  18. per fortuna che ho già fatto il post altrimenti mi sarei ritirata!!! bellissime!!!
    Francesca

    RispondiElimina
  19. Mi unisco alla ola di montagna (quella con l'eco) ed alla richiesta dell'indirizzo del tuo pusher!!!

    RispondiElimina
  20. Anch'io: Ola di montagna con eco per SUPERMAPI!!! (2 ben 2 ne ha studiate!!) io sono una frana........
    diana

    RispondiElimina
  21. AAAAAAAAAARGHHHH!!! Attentatrice bifronte!!!!
    Mi si sta zebrando persino l'acquolina in bocca!

    Proporrei una doppia OLA, visto le due splendide maialate con le quali ci hai appena rovinato tutti i buoni propositi post-estivi!

    Sentiti in colpa.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...