OverBlog

venerdì 18 marzo 2011

Finger Food Friday: panettoncini ripieni di insalata messicana

panettoncini


La volta scorsa, se vi ricordate, avevamo parlato delle dosi delle bevande. Chissà perchè, di solito si è turbati da quelle, che invece sono le più facili da gestire. Mal che vada, infatti, vi ritrovate con qualche bottiglia in più, che potete consumare nelle occasioni successive, senza correre il rischio che vada a male. Con il cibo, invece, succede l'esatto contrario: non solo gli avanzi di un buffet sono difficilissimi da trattare, ma spesso e volentieri una spesa non oculata finisce per avere conseguenze disastrose su più fronti, dal portafoglio al frigorifero. Quindi, calcolare con precisione le dosi di quello che si desidera servire è un'altra delle cose essenziali per una buona riuscita di un evento di questo tipo. E per questo, proviamo a darvi un po' di consigli. 
Il primo è la quinressenza dell'ovvio: in una cena in piedi, dove domina la "filosofia dell'assaggio", è quasi scontato che i vostri ospiti vogliano provare un po' di tutto. Quindi, il limite minimo al di sotto del quale non dovete andare è "un pezzo per commensale". E fin qui, tutto facile. 
Il problema si pone quando il limite va posto verso l'alto- e cioè a quanto mi devo fermare, per evitare di avere ospiti abbacchiati, con piatti e stomaci vuoti e, nel contempo, non correre il rischio di organizzare "cene degli avanzi" da qui all'eternità?
Qualche anno fa, vi avremmo detto di abbondare- dai due ai tre pezzi a testa, come minimo. Oggi, invece, tendiamo a distinguere. Perchè un conto è organizzare un buffet a casa vostra, con i vostri amici come invitati, un altro è organizzarlo come accessorio ad un evento pubblico. In questo caso, non ponetevi limiti, se non quelli imposti dal budget: per quanti nomi si dia a queste riunioni conviviali, dal morning coffee al coffe break, dal fast lunch al cocktail rinforzato, aspettatevi sempre uno sciame di cavallette affamate che lasceranno le loro postazioni solo quando non ci sarà più neppure una briciola da far fuori. Il che, per chi organizza, è il massimo del complimento, sia chiaro: gli avanzi fan tristezza- e quelli di un catering ancora di più, visto che per legge si deve buttare via tutto.
Diverso è invece il discorso per quanto riguarda un invito a casa: non sempre l'abbondanza è sinonimo di buona riuscita di una serata e meno che mai lo è nel caso di un buffet che, nella maggioranza dei casi, prevede che tutte le portate che precedono il piatto caldo siano disposte contemporaneamente sul tavolo. Se mettete troppe cose, c'è il rischio che si servano in pochi del piatto caldo- o quanto meno, con porzioni minime- e che finiscano per essere troppo pieni al momento del dolce. 
A questa considerazione di ordine generale se ne è aggiunta un'altra, di natura personalissima: ultimamente, detesto i piatti pieni. Non "troppo" pieni: pieni e basta. Mi piace pensare che in questo tipo di cene si sia più inclini a degustare, che non a mangiare nel senso più banale del termine. Questo non significa che "affami" gli ospiti, ma semplicemente che abbia cambiato direzione: diminuisco le quantità, aumento le proposte. 
Il che ci porta sempre al solito punto- e cioè che l'elemento che decide tutto è il menu. 
Ma siccome quello è un argomento di tutto rispetto, bastino per ora alcuni suggerimenti standard, al solito da modulare a seconda degli appetiti e dei desideri dei vostri ospiti
- tartine, mini quiche e finger food in genere: un pezzo e mezzo a commensale
- patè: dai 25 ai 50 g a testa
- zuppette: dai 25 ml ai 50 cl a testa. 
E' sempre bene non esagerare col pane, anzi: il nostro consigilio è di comprarne poco e tagliarne pochissimo: mal che vada, lo congelate che è ancora buono.
Il resto, a venerdì prossimo

MINI PANETTONI RIPIENI DI INSALATA DI TACCHINO MESSICANA



Più che una ricetta, è un'idea: la base è un pan brioche allo yogurt fatto cuocere in stampi monoporzione e a cui poi si è tagliata la calotta superiore, per procedere allo svuotamento. 
Dopodichè, potete sbizzarrirvi come volete. 
Quelli della foto sono stati serviti a Natale ed erano stati spennellati di tuorlo d'uovo e cosparsi di semi di nigella, prima di essere messi in forno. 
Erano poi finiti nel congelatore, chiusi negli appositi sacchetti a 15 per volta, fino al giorno del buffet. Li avevo tirati fuori al mattino e fatti scongelare senza sacchetto, già disposti su una teglia da biscotti. Poco prima di tagliarli, avevo fatto fare un passaggio in forno caldo  ma spento, perchè riacquistassero fragranza: pochi minuti erano stati sufficienti a che in casa si spandesse il profumo del pane appena pronto. 
Li avevo poi riempiti con un'insalata di tacchino, preparata qualche ora prima, senza condimento: quello, va sempre aggiunto all'ultimo.
Per riempire 24 panettoncini, avevo usato le seguenti dosi (all'incirca)
4 hg di fesa di tacchino, tagliata a listarelle e fatta saltar ein padella con poco olio, fino a cottura.
1 chili verde (via i semini!!!)
1 peperone rosso (siccome non era stagione, ho usato una conserva di peperoni arrostiti, sciacquandoli bene sotto il rubinetto e poi tamponandoli con carta da cucina, per asciugarli)
una confezione di mais da 125 g
100 g di fagioli neri , precedentemente bolliti
e poi una vinaigrette con olio, lime (succo e scorza), tabasco verde e sale. 
Due ore prima dell'arrivo degli ospiti, ho condito l'insalata, ho svuotato i panettoncini e li ho riempiti con questa, disponendoli a mano a mano sul piatto da portata.  Prima, avevo protetto le pareti dall'unto del ripieno con un po' di valeriana. Ho usato uno stuzzicadenti di legno per fermare il coperchio e anche qui potete sbizzarrirvi: l'importante, è evitare il modell ìo samurai, che è proprio triste. 

Per quanto riguarda le dosi, uno e un terzo a commensale, non di più perchè riempiono moltissimo, anche se sono piccoli: avevo usato lo stampo dei mini muffins, ma alla fine, col ripieno e tutto, erano davvero sostanziosi.

15 commenti :

  1. La quinressenza dell'ovvio e cioè in una cena in piedi domina la "filosofia dell'assaggio" non è un assioma così scontato. Solo perchè non sono stati contemporanei ma anche Kant avrebbe rivisto la sua "Critica della ragion pratica" se avesse visto mio cugino MrR, detto lo stratega dei buffet da matrimonio in azione!! :DDDD
    Ci sono persone che dopo che lo hanno incrociato nel solo ricordo sussurranno con terrore:"...ho visto...ho visto un uomo ad un buffet...che non era umano...ho visto..."
    PS
    Se vuoi che te lo mando per la prova sul campo non hai che da chiedere! :P ahahahahaah

    RispondiElimina
  2. meravigliosi...sicuramente buonissimi!!! posso assaggiare??

    RispondiElimina
  3. Ciao! i vostri consigli son sempre utilissimi! noi ne facciamo tesoro, perchè..non si sa mai!!!
    Splendidi questi panettoncini!! molto originali con questa insalata gustosa e originalissima!
    bacioni

    RispondiElimina
  4. ceh spettacolo di panini....

    RispondiElimina
  5. c'est original joliment présenté et surement délicieuse bravo ma belle
    à bientôt

    RispondiElimina
  6. Consigli sempre preziosi e graditi.
    Bella "l'idea" come la chiami tu :)

    RispondiElimina
  7. bell'idea! me li preparo oggi e adeguatamente completati - li "sfoggerò" in montagna ( se ce la farò a partire.....)

    RispondiElimina
  8. Mia cara nelle mie prime cene mi facevo prendere dall'ansia di non fare abbastanza per cui mi regolavo così: 8 antipasti, 4 primi, 4 secondi, 8 contoni, 4 dolci, tutto in quantità industriali come se dovessero mangiare ben 4 cene abbondanti insieme... Poi ho dimezzato le dosi, quindi i 4 sono diventati 2 e gli 8, 4... adesso sono talmente aumentati gli ospiti che ho deciso di fare tanto finger food e 1 piatto caldo composto da primo e secondo insieme (es riso e pollo al curry)... anocroa però non riesco a gestire le quantità... perché l'ansia del non è abbastanza mi è rimasta... forse non son portata per le cene in piedi! ;)))

    RispondiElimina
  9. Sono tra quelli che non si sanno mai organizzare e di solito per gli avanzi ho solo una soluzione,sicuramente poco raffinata, ma gradita agli ospiti...preparare dei pacchettini da portare via ;-)
    Queste brioches comunque le copio perché mi hanno fatto venire un'acquolina...:-P
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  10. Adoro il finger food perchè si creano delle cosine carinissime proprio come questi panettoncini!

    RispondiElimina
  11. Che belli, ma soprattutto, quanto è sfizioso il ripieno!!! :)) Il fatto che poi ci sia lo stecco tipo mela di Biancaneve, regala un sorriso in più al tutto!
    Gnam!

    RispondiElimina
  12. Avremmo un'anedottica che inizia e non finisce, sugli assalti al buffet e vi assicuro che qualche volta non siamo riuscite a trattenerci: una voltà è stato sfondato il tavolo, più spesso abbiamo visto doggy bags premeditati (si portano da casa borsine e tutto il resto)e, dulcis in fundo, qualcuno si è anche riempito la borsa con gli stuzzicadenti usati :-))))

    Per quanto riguarda gli amici, ormai so come funziona: se preparo la rillettes, per esempio, posso anche dar fondo a tutte le scorte di sgombri che ho in dispensa- che intanto non ne avanzerà neanche un po'. Idem per tutto quello che è fritto, meglio se accompagnato a salsine varie. E i cornetti allo yogurt, farciti col salmone. Difatti, inserisco sempre uno di questi piatti nei menu, a turno: mal che vada, qualcosa che di sicuro piacerà, l'ho fatta!!!

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia, complimenti per l'articolo e la ricetta che proverò sicuramente, buon finesettimana, ciao
    M.G.

    RispondiElimina
  14. Veramente sfiziosissimi.Certo che riempirsi la borsa con gli stuzzicadenti usati fa proprio trash!
    La foto dei libri del post precedente mi ha dato un ottima idea per lo storage. Grazie!;)

    RispondiElimina
  15. Buon giorno, volevo avvisarvi che c'è un premio per questo super goloso blog , è qui:

    http://lemienuvoledipanna.blogspot.com/2011/03/il-mio-primo-premio-versatile-blogger.html
    A presto ...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...