OverBlog

mercoledì 6 aprile 2011

Starbooks: Garden Party: Cake ai Tre Peperoni

Scroll down for English version

starbooks aprile

Possiedo questo libro dal giorno stesso in cui l'ho visto sugli scaffali della libreria in cui trascorro la pausa pranzo da tempo immemorabile e, come già accaduto per mille altri libri di cucina, vederlo e volerlo è stato tutt'uno. Tuttavia, a differenza di quanto è accaduto con mille altri libri di cucina, non mi sono mai pentita, neppure una volta di averlo acquistato. Anzi: ogni volta che mi capita di prenderlo in mano, per cercare una ricetta o un'ispirazione o, più semplicemente, per sfogliarlo, mi convinco sempre di più di aver fra le mani un vero e proprio gioiellino, di quelli che vorresti regalare alle amiche più care, certa che te ne sarebbero grate per sempre. A scanso di equivoci, ciò che fa di Garden Party un libro speciale non è nè la grafica, nè lo styiling, nè le ricette: siamo di fronte ad un prodotto di alta qualità dal punto di vista dell'immagine, ma lo stesso vale per la maggior parte dei testi pubblicati da determinate case editrici in questi ultimi anni. Anche le ricette seguono grosso modo lo stesso trend: complessivamente facili, con una costante strizzatina d'occhio ora al fusion, ora al territorio, ora al produttore locale, ora ai fornelli all'altro capo del mondo, ma sempre nel limite di una generale semplicità che, se non fosse giusto per il peperoncino di Esperelle o la creme fraiche al posto della solita panna, rasenterebbe il banale. Il vero punto di forza di questo libro è il messaggio che comunica ai suoi lettori: e cioè che tutti possono riuscire a organizzare un garden party raffinato, anche se non sono bravissimi a cucinare, non hanno le posate coi monogrammi e neppure lo splendido giardino di una delle due autrici. Bastano pochi tocchi per rendere un invito indimenticabile- e questi sono alla portata di tutti: dei tovaglioli di carta con il motivo del toile de jouy, una tavola ravvivata dai sassi della spiaggia, un cartoncino scritto a mano, delle semplici ciotole di porcellana bianca, da riempire con salsine colorate. Lo stesso vale per le ricette: ingredienti semplici, poco costosi, cucinati in tanti modi, ma tutti all'insegna del "ce lo posso fare": dal pollo al limone al coniglio alla senape, dalle rillettes di sgombro al guacamole, fino alle torte di ricotta profumate all'arancia e a delizie rosa e verdi, tanto belle da vedere quanto semplici da realizzare. Sfogliando le pagine di Garden Party non si è mai presi nè dallo sconforto nè dall'invidia di chi  abita  nell'anonimato di una perfieria, anzichè nella campagna normanna, ma, semmai, dall'entusiasmo, dalla voglia di provarci e, soprattutto, dal conforto di un "yes, we can" che trasuda da ogni immagine, da ogni riga. 
Per questo motivo abbiamo deciso di dedicare lo Starbooks di Aprile a questo libro, considerato anche che se mai c'è una stagione per pensare a feste all'aperto e pic nic sulla spiaggia o sui prati è proprio la primavera che, finalmente, è arrivata. Da oggi alla fine del mese, quindi, per tutti i mercoledì, avremo appuntamento con una o più ricette tratte da questo libro che ci ha già ispirato più volte, come potete notare, linkando qui sotto e che abbiamo preparato  noi due nella mattinata di ieri, riscoprendo il piacere di cucinare, la soddisfazione di sfornare cose buone e la gioia incommensurabile di mangiarle tutti insieme - che, forse, di tutte, è la migliore ricetta...
Cake ai tre peperoni

cake peperoni

Ingredienti per 8 persone
4 uova,
2 cucchiai di olio di oliva
1 bicchiere di vino bianco secco
100 grammi di gruyère grattugiato
200 gr di farina setacciata
1 bustina di lievito per torta salate
100 gr di pancetta a cubetti
1 peperone rosso
1 peperone giallo
1 peperone verde
sale e pepe
cake peperoni1
Accendete il forno a 210°C . Appoggiate i peperoni sulla griglia del forno e cuoceteli per 20 minuti circa, finchè la pelle è gonfia. Avvolgeteli nella carta assorbente umida. Lasciateli raffreddare, eliminate la pelle e i semi poi tagliateli a pezzettini.
Rosolate la pancetta in una padella.
Rompete le uova in una ciotola e aggiungete olio di oliva e vino bianco. Salate e pepate. Incorporate poco a poco il gruyère grattugiato, la farina setacciata e il lievito fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite i peperoni e la pancetta. Versate la preparazione in uno stampo imburrato.
Cuocete nel forno per 45 minuti. Verificate la cottura inserendo la lama di un coltello (o uno stecchino) deve fuori uscire pulita.  Fate intiepidire prima di sformare ; tagliate il cake solo quando è freddo.
Nota: potete accompagnare questo cake con peperoncini verdi marinati e peperoncini di Espellette da sgranocchiare, serviti in un vasetto di ceramica con degli stecchini.
Buon appetito a tutti
Ale e Dani

Three peppers loaf
cake peperoni2
Ingredients for 8 people
4 eggs
2 tablespoons olive oil
1 glass dry white wine
100 grams of grated gruyere
200 grams of flour
1 tablespoon yeast for salted cake
100 g diced bacon
1 red pepper
1 yellow pepper
1 green pepper
salt and pepper


Preheat the oven to 210 ° C. Place peppers on grill and bake for 20 minutes, until the skin is swollen. Wrap them in damp paper towels. Let cool, remove skin and seeds, then cut into small pieces.
Fry the bacon in a frying pan.
Break the eggs into a bowl and add olive oil and white wine. Add salt and pepper. Stir gradually gruyere cheese, sifted flour and baking powder until blended. Add the peppers and bacon. Pour the preparation into a greased mold.
Bake in oven for 45 minutes. Check the cooking by inserting in the cake, the blade of a knife (or a stick), that has to leave out clean. Let it cool before you unmold, cut the cake when it is cold.
Note: You can serve this cake with green chili peppers and marinated Espellette chili peppers to nibble, served in a ceramic pot with toothpicks.
Bon appetit
Ale and Dani

23 commenti :

  1. Mi stuzzica parecchio la ricetta e penso che la rifaccio non appena posso perchè so che è di certo nelle preferenze di "quella santa donna che mi sopporta", mi piace il tuo modo di valutare un libro di cucina, con lucidità, concretezza e sempre animata da una vera passione dei fornelli...epperò :P...la nota stonata (anche se in qualche modo l'hai parata parzialmente lo stesso...) c'è....ed è proprio nel titolo...perchè nelle nostre città, nei quartieri ultra moderni o quelli più popolari...ma quando mai si sono fatti i "garden party"...al più i "davanzale party"!!! :P ahahahahhahhahaha Scherzo! non mi menate...anche perchè le ricette prese da quel libro sono davvero degli ottimi spunti...peccato che l'editore abbia peccato nella scelta del titolo...fiabesco! :D

    RispondiElimina
  2. Dopo questa recensione appassionata non vedo altra via di uscita che il capitolare (ahimè!) e nel frattempo mi vedo a sfornare questi cake con verdure alternative .....

    RispondiElimina
  3. @ Caro Mario , questo libro è tutto assolutamente inadatocome impostazione a chi vive in città,,, dovresti leggerlo: da consigi utilissimi e molto eleganti pr preparare al mezzo le stanze degli ospiti e consiglia di non agitarsi se il cane dell'amica distrugge le tue perfette aiuole di petunie o di azalee... è un libro scritto per chi vive (beato lui) in campagna, in case di adeguate dimensioni e con adeguati giardini,,,,,, però è solendidamente corredato di fot da sogno e di ricette , da sogno pure quelle , e assolutamente realizzabili alla prima: le famose ricette sicure, nonn quelle dall'improbabile realizzazione!

    @ Milena sono davvero deliziosi! Ci siamo divertite a preararli, ma ancora di più ad assaggiari!

    RispondiElimina
  4. Bellissimi questi cake....mettono una fame!!!

    RispondiElimina
  5. Ce l'ho anche io e ho la tua stessa opinione da quando lo posseggo!

    RispondiElimina
  6. reduce dalla Pagliacci Night ( con tanto di Zeffirelli "vivo-live"!!!) sono lieta di aver letto solo stamani questa (slurpissima) ricetta "veloce". Se solo me ne fossi accorta entro le 17 di ieri, be', l'avrei subito fatta e poi.... chi avrebbe dormito, stanotte, tra emozioni dell'animo e della gola????? (Comunque, so dove andare, oggi, in pausa pranzo... ;-) )

    RispondiElimina
  7. Veramente bellissimi e sicuramente ottimi!!! Da provare al più presto per una bella scampagnata fuori porta...Un bacio e buona giornata!!!

    RispondiElimina
  8. Lo vogliooooooooo!
    Come vedete non mi serve neanche sfogliarlo in libreria; mi basta vedere quella bellissima foto di copertina!
    E poi io il garden ce l'ho dalla mammetta e prima o poi vi ci invito tutti rigorosamente accompagnati da un bel piatto pronto da pic-nic o da.....garden party!!!!
    Buona giornata e baxi genovesi, Vitto

    RispondiElimina
  9. Mario, rispondo anch'io perchè la penso un po' diversamente dalla Dani: secondo me, il bello di questo libro è propri nel rendere abbordabile un garden party anche a chi il garden non ce l'ha. Logico che se hai gli spazi delle padrone di casa, diventa tutto più semplice (non solo organizzare un garden party, mi sa...) Ma quello è un privilegio di pochi. Se la filosofia del testo fosse stata questa- come ti illumino d'immenso l'ettaro di prato all'inglese di fronte all'orangerie- mi sarebbe stato francamente sui maroni e forse- forse- non lo avrei neppure comprato. Invece, le autrici ( e il fotografo) riescono a rendere possibile anche a chi ha al massimo il pianerottolo, una festa in giardino, proprio grazie a questa generale "abbordabilità" che si respira ad ogni pagina del libro... non a caso, da quando lo possiedo, i miei "davanzale-party" non son più la stessa cosa :-)

    A tutti gli altri: vale la spesa, per davvero. Nel frattempo, però, potete esercitarvi con queste ricette..
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  10. Ecco, appunto...stavo scrivendo ed è arrivata la Vitto... TE POSSINO :-))))
    ma ci veniamo eccome nel tuo giardino :-)))
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  11. Come farsi fare di primo mattino il pelo&contropelo senza alzare la lametta da barba ma solo commentando qui :P ahahahahahahaha
    Ecco, adesso faccio come Blob che è stato "azzittito" dalla par-condicio...anche se stavo pensando...ma se facessimo tutti una ricettina di questo libro e ci presentassimo autoinvitandoci...a casa della Vitto?! :P ahhahaahhaahah

    RispondiElimina
  12. celo!!! e condivido sulle ricette: facili e fattibili ! e non è cosa da poco...
    le rilettes poi...fantastiche : minima spesa massima resa! baci

    RispondiElimina
  13. delizioso, impazzisco per i peperoni...

    RispondiElimina
  14. io il garden non ce l'ho (l'avevo, ma non lo rimpiango più di tanto), ma ho un bel balcone perfettissimo per uno e mille parties! il libro DEVE essere mio!!
    ;-)

    RispondiElimina
  15. ma che carucci! e poi sono veramente carini da portarsi dietro da sgranocchiare (anche se non crocchiano)nei momenti di "crisi"...slurp... :-)

    RispondiElimina
  16. Ci hai fatto venire voglia di comprarlo!

    RispondiElimina
  17. Anche io il garden non ce l'ho, anche perchè sarei capace di far seccare anche degli alberi centenari e più che "garden party" sarebbe uno "sterpo party"...comunque concordo con il giudizio sul libro, che riposa da un po sul mio scaffale, tantissimi spunti da scopiazzare! Buona giornata ciao

    RispondiElimina
  18. Ne vorrei uno adesso da addentare, please!!! Buonissimi, complimenti. Ciao!

    RispondiElimina
  19. che meraviglia questi mini cake!!

    RispondiElimina
  20. Bè, in mancanza di un giardino o di un più prosaico terrazzo si possono sempre convincere gli amici più ricchi o fortunati di te ad organizzare un garden party nel LORO fantastico giardino!
    Insomma, il segreto è industriarsi un po'!
    In ogni caso ottima recensione, è venuta voglia di acquistarlo anche a me!

    RispondiElimina
  21. ma che bontà! poi mi piacciono gli stampi piccolini per cakes! complimenti! :-D

    RispondiElimina
  22. Questo libro credo proprio che sia sfuggito al mio radar da libreria! Mi toccherà cercarlo e dargli un'occhiata...

    RispondiElimina
  23. La tua presentazione del libro è perfetta.Mi è venuta voglia di comprarlo o quanto meno di mettermi a fare un garden party. La ricetta poi sa veramente di party estivo. Finora solo una volta ho fatto un garden party o pic nic in villa romana, è stato veramente piacevole. La prossima volta con la tua ricetta lo renderò ancora più glamour, ottimi i consigli del libro.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...