OverBlog

lunedì 10 dicembre 2012

Di un week end ricco e di morbidissimi scones salati con burro home made e acciughe

Di Daniela
Scroll down for English version

torta zietta


Oggi ho un sacco di cose da raccontarvi: questo fine settimana è stato molo intenso e pieno di avvenimenti uno più piacevole dell'altro. 
Prima di tutto è stato il compleanno della mia Zietta : una signora meravigliosa per spirito, vivacità e coraggio che noi tutti in famiglia adoriamo. E' arrivata con grazia e gioia di vivere ad un traguardo rimarchevole : TANTI AUGURI ANCORA ZIETTA!! (la torta preparata per lei ve la racconterò più avanti :-)

A questa ricorrenza familiare bellissima hanno fatto contorno altre manifestazioni piacevoli e curiose. La prima è stata il rifornimento entusiasta da parte di tutta la famiglia, come ogni anno, alla fiera agroalimentare a La Spezia, dove ci siamo appropriati di salamini al tartufo, al barolo, olive in salamoia, cipolline sotto aceto, salse piccanti, lardo di Colonnata, funghi secchi e sott'olio miele, formaggio e chi più ne ha più ne metta, provenienti da tutt'Italia, dalla calabria alla lombardia. Un piacere incredibile per il naso così come , poi, per le papille gustative.... Vi racconterò se ne farò qualcosa di meritevole, oltre mangiarle in 3 nanosecondi. Ma se siete in zona un saltino vale la pena di farlo: un po' di tempo da dedicare ai piacere di assaggiare cose buone .

Di altro genere ma molto gratificante e piacevole questa volta per la mente, invece che per lo stomaco, sono gli ultimi due eventi del lungo we dell'Immacolata.
foto da qui
Ho potuto godere con gioia del concerto del Maestro Claudio Abbado al Carlo Felice, in un teatro finalmente pieno di gente venuta ad ascoltare ed applaudire il grande Maestro che ha saputo, da par suo, dirigere splendidamente l'Orchestra Mozart di Bologna, regalando emozioni a tutti. Io ho avuto il piacere di avere la mia figlia n.2, la pianista, con me, che mi ha commosso per la conoscenza profonda e per l'amore incredibile per la musica che la anima, mentre mi spiegava passaggi e piccoli segreti di un Bach che amo moltissimo.

Ultimo spettacolo che mi ha coinvolto in questo weekend, è forse quello che mi colpito di più, perchè in qualche modo inatteso. Sono andata ad assistere, in un Carlo Felice invece purtroppo con molti posti vuoti , ad una delle rappresentazioni più gradevoli che abbia visto negli ultimi anni. Si tratta della Cindarella, danzata su musiche di Rossini: non un'opera unica, bensì un insieme delle sue arie più celebri.
Se posso darvi un consiglio spassionato, se potete, andate assolutamente a vederla e portatevi dietro i più piccoli: è uno spettacolo meraviglioso, pieno di intelligente ironia, di bellezza e di spirito, oltre che di buona musica. Io sono andata con mia figlia grande questa volta e mia nipote e siamo rimaste tutte e tre affascinate dalla semplicità così piacevole e dalla coinvolgente bravura di tutto lo staff. Le musiche sono suonate in modo impeccabile, talvolta accompagnate dalla voce di alcuni cantanti e i ballerini sanno divertire e coinvolgere il pubblico, compresi proprio i più piccoli , che ogni tanto esplodono in qualche risata divertita durante lo spettacolo. La storia è ambientata negli anni '50 e i costumi, peraltro, sono belli, colorati e divertenti. Anche lo stile della danza  è particolare  e spazia dal classico al moderno, dal contemporaneo all'acrobatico, e i ballerini, peraltro giovanissimi nella maggior parte, non si limitano a danzare, ma recitano e creano quadri di gran divertimento.
Non mi aspettavo una performance così bella, originale e interessante: Tanto mi è piaciuto che il mio personale regalo di Natale alla Microba, sarà un biglietto pere questa piacevolissima Cinderella di Giorgio Madia (che, incidentalmente, ha vinto il prestigioso Gold Mask Critics Award 2007 per la miglior coreografia).
Vi ricordo le prossime date dello spettacolo:
Martedì 11 dicembre ore 15.30
Venerdì 14 dicembre  ore 20.30
Sabato 5 gennaio 2013 ore 15.30
sabato 5 gennaio  ore 20.30
Nel sito del Carlo Felice le ulteriori informazioni utili

Scones salati con acciughe e burro home made

scones salati


Per il mio trittico di scones, dopo Delia e Martha, scomodiamo "TheTelegraph" e la sua collaboratrice Rose Prince, autrice di numerosi libri di cucina,  che ci fornisce un intero articolo per la "perfect scone recipes", articolo che potrete leggere qui integralmente.
Io mi limiterò a dirvi che ho utilizzato la sua ricetta ed ho ottenuto degli scones eccellenti per il mio scopo, che era quello di assaggiarli salati, con il burro fatto in casa e le acciughe dissalate di Monterosso.
E' una ricetta molto leggera, che prevede l'utilizzo di pochissimo burro e del latticello: assomigliano un po' a deliziosi e particolari panini bianchi . Lara, secondo me vale la pena, eccome!
Partiamo dagli ingredienti
480 g di farina bianca (se possibile macinata a pietra)  forte (0)
90 g di burro freddo
2 cucchiai di lievito in polvere istantaneo per pizza e torte salate
1 cucchiaino di sale
400 ml latticello o latte inacidito con il succo di mezzo limone
Ho aggiunto
2 manciate di capperi sotto sale dissalati
2 bei cucchiai di origano secco
Per servire
Burro
acciughe dissalate

scones salati 3

Lavorate la pasta il meno possibile: il troppo impastare renderà la pasta più spessa e gli scones risulteranno poco leggeri. 
Preriscaldate il forno a 220C°. 
Mettete la farina in una ciotola e lavorate il burro freddo e a pezzetti fino a quando non sarà amalgamato, senza naturalmente formare ancora un impasto, data la piccola quantità. 
DSCF6839Aggiungete il lievito e il sale e mescolate delicatamente, ma bene con le mani. 
Aggiungete ora il latticello con un cucchiaio fino a quando non si forma un impasto morbido e rigonfio. A questo punto ho aggiunto i capperi passati nella farina per non farli appiccicare gli uni agli altri e l'origano.
La mia ispiratrice suggerisce di utilizzare una spatola o un raschietto da tavolo per ripiegare la pasta su se stesso due o tre volte e toccare l’impasto il meno possibile con le mani. 
Spolverate il panetto con un po' di farina, sollevatelo con la spatola e capovolgetelo. Spolverate con un po' più di farina e stendetelo leggermente con un mattarello leggermente con il mattarello fino ad uno spessore di 3 cm.
Utilizzate per tagliarle gli scones uno stampino rotondo, di 4 cm di diametro. Metteteli su una teglia rivestita con carta da forno: ne verranno circa 20.

DSCF6799

Cuocere in forno per circa 15 minuti, o fino a che diventeranno color oro pallido e raddoppieranno le loro dimensioni. Il forno sarebbe meglio fosse statico: io ho scordato di togliere la ventilazione e gli scones sono venuti un po’ pencolanti da una parte, torre di Pisa style :-), ma ugualmente eccellenti.

scones salati 1

Appena usciti dal forno li ho tagliati a metà, spalmati con il burro, decorati con un paio di filetti di acciughe e serviti.
Deliziosi
Le variazioni possibili, ovviamente, sono infinite ed affidate al vostro gusto o fantasia.
Ti piacciono Lara?
Buona giornata a tutti
Dani


The perfect scone
 by Rose Prince


scones salati 2

Makes 10 scones 
480g stone-milled strong white flour
90g cold butter
2 tbsp baking powder
1 tsp salt
400ml buttermilk or milk soured with juice from half a lemon
for me
2 tbsp capers
2 tbsp dried oregano
butter
salted anchovies

 Work the dough as lightly as possible, and keep it cool. Too much kneading will make the dough tighten up and the scones will not be airy. Preheat the oven to 220C/425F/Gas 7.
Put the flour in a bowl and rub the butter into it until it has a crumbly appearance. Add the baking powder and the salt and mix lightly but well with your hands. I add now also capers and oregano.
Add the buttermilk, mix with a spoon until it just about holds together and tip out onto a floured work surface. 
I used one of those flat plastic baking scrapers to fold the dough onto itself two or three times. Dust the dough ball with a little flour, lift it with the scraper and turn it over. Dust with a little more flour and roll lightly with a rolling pin to a thickness of 3cm. Use a straight-edged round cutter, 4cm in diameter, to cut the scones. Shake them out of the cutter and place on a baking sheet lined with baking parchment. Bake for about 15 minutes, or until pale gold and nearly doubled in size.
As soon as they're warm, cut them in halves, spread with butter and add an anchovy. Serve immediately.
Have a nice day
Dani

Con questa ricetta partecipiamo al contest di Cinzia English recipes


16 commenti :

  1. Qui ci sono tante perle ed io mi sento troppo appartenere alla razza suina per riuscire a coglierle tutte soprattutto in merito a certi spettacoli il cui mancato sold-out è dovuto anche e soprattutto a persone come me. In genere sono critico con gli altri ma oggi mi tocca un esame di coscienza per non avere una sensibilità artistica tale da potermi far apprezzare certe rappresentazioni.
    Questa volta me ne vado con le orecchie basse e se già avevo nel cappello loa battuta per chiedere a gran voce la ricetta del dolce me ne vò in silenzio... Non si fà però così di Lunedì :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. insomma sei davvero eccezionale! Ci voleva un lunedì! Racconterò la torta presto, ma intanto sono contenta di averti interessato con il post! Un abbraccio, golosastro e a presto!

      Elimina
  2. cara daniela, per lievito istantaneo per pizza, credo che tu intenda quello per muffin e cake salati in genere, perchè il lievito per pizze che conosco io, è quello liofilizzato, che però non è istantaneo, sbaglio? grazie e un caro abbtraccio Virginia.
    P.S. dimenticavo che a me le acciughe non piacciono, quindi con cosa potrei sostituirle?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si sbagli: c'è il lievito per pizza istantaneo e quello a lievitazione lenta. Comunque ho aggiunto nel testo per torte salate, per essere ancora più chiara. Per quel che riguarda le acciughe è la tua fantasia che deve suggerirti con cosa sostituirle: le possibilità sono infinite,
      A presto

      Elimina
  3. un week end pieno veramente. per quanto sembri una cosa ritrita, l'arte eleva lo spirito. me ne accorgo ogni volta che esco da qualche mostra, concerto, etc.
    sono ancora alla ideazione del menu di natale, magari questi li includo.

    buona giornata
    irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai perfettamente ragione Irene!
      Un bacio grande

      Elimina
  4. scusa, sono caduta dalla sedia.... Mi piacciono da matti!!!!! Dany, tu mi stai portando sulla via della perdizione, e scone mania sia!!!! Grazie, posso solo ringraziarti perchè cara mia, mi sto facendo un minilibro sugli scone grazie a te, e questi salati ho già deciso, vigilia ai parenti, Santo Stefano agli amici e Capodanno ai superamici... come minimo. Ti farò un resoconto dei commenti che sento già nelle orecchie...

    PS. Secondo te il burro me lo posso fare in casa se compro una panna di ottimissima qualità???? Io non ho un pusher di Panna fresca. acc!!!

    P.S. A Venezia, nei tipici baccari dentro le calli, quelli dei veneziani veri... oltre al classico cicchetto di pesce si trovano spesso dei deliziosi panini morbidi riampiti di burro e acciughe... vedi te come le culture siano poi in realtà vicine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo il resoconto con ansia :-)))
      Certo che puoi farlo in casa: la soddisfazione è grandissima !
      Ultima cosa: da quando mi occupo di ricette storiche ho toccato con mano la vicinanza degli stili e delle culture diverse parecchie occasioni ed è un fatto che mi ha colpito molto...
      Un bacio fan degli scones e buona serata :-)

      Elimina
  5. Ciao Cara.
    che meraviglia!!! Mi piace tantissimo questa ricetta.
    Complimenti.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Thais! Ricambio l'abbraccio con slancio !

      Elimina
  6. ciao care,
    ma io vado pazza per gli scones salati ma con il burro e quell'acciughina mi fanno proprio impazzire!!!
    Ma non mi ricordo se voi partecipate ai contest o no, è due anni che non ne organizzo uno...c'ho perso la mano.
    Vabbè io vi invito al mio "english recipes" questa ricetta è perfetta e anche quella prima. il link:
    http://ilricettariodicinzia.blogspot.it/2012/11/inizia-un-nuovo-contest-english-recipes.html#comment-form
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vengo subito a dare un'occhiatina! Abbraccio ricambiato :-)

      Elimina
  7. Ogni tanto penso che vorrei che qualcuno avesse inventato il teletrasporto. Così potrei metterci un minuto per essere in tutti i posti in cui vorrei essere, perché ogni volta i tuoi racconti mi mettono addosso una voglia incredibile di fare e vedere un sacco di cose. Così come questi scones, che in questa versione salata sono da urlo :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari, sapessi il piacere che mi fa comunicarti la mia curiosità :-)))) Sono contentissima di condividerla.... Quanto al teletrasporto è dai tempi del capitano Kirk e Spock che sono in attesa di poter dire : signor Sulu, teletrasporto! :-)))))))))

      Elimina
  8. Oddio
    ......è normale avere l'acquolina in bocca per questa roba alle 10 del mattino?

    Daniela che golosità! Grazie...e aspetto la torta che è bellissima :-)

    Vitto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Viiiiiiiiiittoooooooooooooooooooo!!!! Che piacere averti mia ospite :-)))))
      Grazie mille e per la torta, sarò breve, prometto :-)
      Un bacione e buona serata

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...